L’eterno Lamberto

L’eterno Lamberto

A 81 anni sembra un ragazzino che vola come un’aquila da un palo all’altro della porta di calcio che difende; vedere per credere. Nel nome del mens sana in corpore sano ha ancora voglia di librarsi macinando chilometri e chilometri sui campi di calcio e di atletica...
Due volte beffato sul filo di lana per un solo punto

Due volte beffato sul filo di lana per un solo punto

Giuseppe Sabadini, detto Tato, è cresciuto nelle giovanili della Sampdoria Debutta in A appena 17enne a metà maggio ’66 nel successo interno per 1-0 sul Napoli, per poi far parte in pianta stabile quale terzino titolare della difesa blucerchiata nel triennio 1968-’71,...
La bandiera in campo, anima cesenate

La bandiera in campo, anima cesenate

In un’epoca in cui le bandiere sono sempre più sbiadite, la sua risplende incurante del tempo. Per anni è stato il giocatore italiano con il maggior numero di partite giocate nello stesso club in A e B, superato negli anni a venire da due totem che non hanno bisogno...
La squadra che doveva vincere sempre. Anche con l’inganno

La squadra che doveva vincere sempre. Anche con l’inganno

Ddr, ossia Deutsche Demokratische Republik, anima orientale di una Germania ormai divisa e anima occidentale del blocco sovietico. 22 marzo 1986, Lipsia, città che oggi deve la sua fama calcistica alla Red Bull mentre all’epoca era soprattutto la casa della...