Notizie

  •  

    Segnare gol a grappoli tra la Serie cadetta e la dura Serie C del tempo

    Giugno 14, 2019
    Giovanni Picat Re, classe 1947, è in testa alla classifica dei “cecchini” del Matera con cinquantadue reti messe a segno in centottantadue presenze, dato quest’ultimo che vale anche il nono posto nella classifica di presenze con la maglia del club. Uno dei più importanti recordman della storia biancazzurra quindi, ma limitarsi a parlare di cifre,[...]

    Leggi

  •  

    Il baffone nato a Barake, lo storico e proletario quartiere di Pola

    Giugno 5, 2019
    Petrovic, lo zingaro. Petrovic “che viveva in una rou­lotte”. Petrovic, il portiere “che non teme niente e nessuno”, che si rompe la testa dopo essersi gettato tra i piedi dell’attaccante avversario per rubargli il pallone, ma tanto gioca lo stesso. Zelico Petrovic, il portiere nato a Zara il 14 aprile 1948, fu un personaggio discusso: amato da tantissimi[...]

    Leggi

  •  

    “Il Petisso”, non solo le grandi squadre, ma anche la provincia più bella

    Aprile 5, 2019
    Bruno Pesaola per tutti rimarrà per sempre “il Petisso”, che significa piccolo, per la statura non certo per la qualità del suo gioco e del suo vivere. Era nato a Buenos Aires, fu ingaggiato dalla Roma nel 1947 e negli anni successivi giocò con Novara, Napoli, Genoa e Scafatese. Disputò anche una partita da oriundo[...]

    Leggi

  •  

    Quelle intriganti sfide del Quadrilatero

    Aprile 1, 2019
    Quelle tra Novara, Alessandria, Pro Vercelli e Casale  non sono mai sfide normali e affondano le radici nella storia più bella e mitica del calcio italiano. Il metodo di lavoro che George Arthur Smith, allievo di William Garbutt, applicò all’Alessandria presentava aspetti inediti per il calcio italiano dei primi decenni; introdusse allenamenti intensi e mirati,[...]

    Leggi

  •  

    Árpád Weisz, “ebreo errante” del calcio morto ad Auschiwitz

    Gennaio 28, 2019
    Árpád Weisz. Giocatore ungherese di origine ebraica, ala sinistra di pregio (fu anche nazionale) dopo aver militato nel Törekves, approdò al Makkabi di Brno, squadra cecoslovacca formata da calciatori ebrei-ungheresi, e con questa nel 1923 venne in tournée in Italia dove incontrò anche l’Alessandria. Probabilmente i dirigenti grigi apprezzarono questo atleta proponendogli di rimanere. Infatti[...]

    Leggi

  •  

    Silvio Piola, il più bomber di tutti

    Gennaio 22, 2019
    Nel 1913 fu concesso il voto a tutti i cittadini italiani trentenni di sesso maschile e la Pro Vercelli vinceva il suo quinto scudetto. A Robbio, un piccolo paese immerso nelle risaie pavesi, il 29 settembre nasceva Silvio Piola considerato da molti il calciatore italiano più forte di tutti i tempi. Una leggenda del nostro[...]

    Leggi

In collaborazione con

© 2018 Il nobile Calcio di Provincia. Tutti i diritti riservati

1 2