Notizie

  •  

    Ighli Vannucchi, da Prato, è personaggio vero del calcio italiano

    Ottobre 29, 2019
    La vita è troppo importante per essere presa sul serio (Oscar Wilde) A Kyoto, in Giappone, c’è il Museo del Manga. Se lo percorrete tutto, da cima a fondo, vi immergereste in un oceano di carta, fatto di storie che, forse forse, rappresentano l’ultimo brandello di epica che è dato vivere ai tempi nostri. Le[...]

    Leggi

  •  

    Alfiero Caposciutti, il portiere che si fece centravanti

    Luglio 22, 2019
    Quando Alfiero Caposciutti viene convocato nella Nazionale juniores è il portiere di belle speranze. E’ un classe ’41 . Con lui Facchetti dell’Inter, Bercellino della Juventus, Rosato del Torino. L’11 febbraio 1960 giocano una partitella in un San Siro innevato. Alfiero Caposciutti viene schierato nella squadra allenatrice. Gli va male: quello dell’Alessandria, un certo Gianni[...]

    Leggi

  •  

    Erbstein, colui che per primo ha incarnato il modello dell’allenatore moderno

    Giugno 27, 2019
    Fu il primo allenatore moderno. Visionario, tenace, innovatore. Costruì una squadra di geniali ribelli e in due anni portò la Lucchese in serie A. Scampato all’olocausto, morì nella tragedia di Superga. Ecco la storia di un uomo (e di un padre) straordinario. Spiegare la shoah ai millennials non è affatto semplice. Per molti le leggi[...]

    Leggi

  •  

    Viareggio 1920, una vera e propria storia di calcio e di rivoluzione

    Marzo 8, 2019
    Nel 1920, quando in Italia si registrarono una serie di lotte operaie e contadine che si conclusero nel settembre, con l’occupazione delle fabbriche, anche Viareggio ebbe un ruolo importante con il drammatico episodio della “giornate rosse”. Quel 2 maggio 1920. In questo contesto incandescente il 2 maggio, lo Sporting Club Viareggio ospitò, sul campo di[...]

    Leggi

  •  

    La Lucchese di Orrico ad un soffio dalla A (prima parte)

    Gennaio 24, 2019
    Nel calcio, vincere, come diceva Boniperti – storico presidente della Juventus -, è l’unica cosa che conta. I tifosi si ricordano di te, ti esaltano e ti vogliono bene. Viceversa, ti basta qualche domenica storta e il genio che eri, si capovolge con epiteti come incapacità e ci fermiamo qui per non scendere nello scurrile.[...]

    Leggi

  •  

    La Lucchese di Orrico ad un soffio dalla A (seconda parte)

    Gennaio 21, 2019
    Scorrendo a ritroso la carriera di Corrado Orrico, si scopre che è andato bene o benissimo solo in Toscana (Massese, Carrarese, Lucchese, Prato) o zone limitrofe (Sarzanese). A Udine, in A, ha retto poco: “Colpa mia. Ero immaturo, avevo un’ ottica sbagliata nei confronti delle cose, prendevo di petto tutte le situazioni. E la squadra[...]

    Leggi

In collaborazione con

© 2018 Il nobile Calcio di Provincia. Tutti i diritti riservati