Notizie

  •  

    “Mi ha rovinato lo spagnolo”: la storia di Roberto Vieri

    26 Febbraio, 2020
    “A me m’ha rovinato lo spagnolo. Partivamo per i locali della Costa Azzurra o per la Svizzera. Tornavamo la mattina. Ma gli aveva un fisico della Madonna. Gli era quadrato, un metro per un metro di cassa toracica, faceva una doccia ed era pronto per allenarsi. Mentre io ‘un ce la potevo fare. A me[...]

    Leggi

  •  

    Il miglior calciatore italiano di tutti i tempi

    25 Febbraio, 2020
    Sandro Ciotti ne ha visti tantissimi: Rivera, Baggio, Mazzola, Del Piero, Riva, Totti. Ma quando gli chiedevi : “Qual è il calciatore italiano più forte di tutti i tempi?”, pronunciava con quella voce inconfondibile sempre lo stesso nome e cognome: Gino Cappello. Poi subito precisava “almeno dal punto di vista strettamente tecnico. Più forte di[...]

    Leggi

  •  

    “Caliga” morì sul campo così come aveva vissuto

    26 Febbraio, 2020
    Ha legato il suo nome in maniera indissolubile alla Juventus Umberto Caligaris, “Caliga” o “Berto”, come lo chiamavano i compagni di squadra. Prese parte appieno all’epopea juventina degli anni trenta vincendo consecutivamente cinque scudetti con la maglia bianconera dal 1931 al 1935. Umberto Caligaris fece anche parte della spedizione di Vittorio Pozzo ai Campionato del mondo[...]

    Leggi

  •  

    Rimarrà per sempre il derby della neve

    25 Febbraio, 2020
    Il 7 marzo 1971 va in scena al “F.lli Ballarin” di San Benedetto del Tronto un derby memorabile. La Samb, dopo una gara strepitosa e perfetta batte l’Ascoli  del giovane allenatore Carlo Mazzone con un perentorio due a zero! Quella domenica nevica, evento quasi raro visto che si gioca nel mese di marzo! Le marcature sono realizzate dal compianto Giovanni Carnevali (scomparso il 21 dicembre[...]

    Leggi

  •  

    “Tu guarda mio piede, in mio piede ci cantano gli uccelli”

    25 Febbraio, 2020
    “Tu guarda mio piede, in mio piede ci cantano gli uccelli”. Si presentò a Bologna così, con toni soft. Scese dalla Porsche decapottabile, si tolse il caschetto di  cuoio, allentò la sciarpetta di cashmere con un gesto molto cinematografico, guardò con l’occhio a mezz’asta i giornalisti che lo stavano aspettando al campo di Casteldebole e[...]

    Leggi

  •  

    L’ultimo Pablito

    24 Febbraio, 2020
    Un paio di giorni di relax. Se ne sta dietro una finestra dell’Hotel Rouge di Milano Marittima. L’ha invitato Antonio Cabrini. L’albergo è di proprietà della famiglia della moglie. Da quella stanza Paolo Rossi attende la definizione del suo passaggio al Milan. Se ne va. Chiude anche la casa ai piedi della collina torinese e[...]

    Leggi

In collaborazione con

© 2020 Il Nobile Calcio. Tutti i diritti riservati

1 2 3 4 55