Notizie

  •  

    Il sette è il suo numero

    Novembre 20, 2020
    Lo hanno sempre chiamato  “il Barone”: a chi deve il soprannome? A un giornalista di Torino, Fulvio Cinti, perché diceva che aveva stile in campo e fuori. A lui, però, piaceva anche il soprannome “Brazil”, inventato da un altro giornalista, Vladimiro Caminiti. Stiamo parlando di Franco Causio. Che vinse il Mundial dell’82 e anche la[...]

    Leggi

  •  

    Giuliano Giorgi e la sua lotta contro la cocaina

    Dicembre 9, 2019
    Quella domenica era stata diversa: la fanfara dei bersaglieri della Franciacorta, la sfilata delle biciclette d’epoca, due gruppi di majorettes con il repertorio migliore, gli striscioni e le bandiere di trentadue club di tifosi. Tutti sulla pista d’atletica dello stadio Rigamonti di Brescia. La festa alla discoteca Florida c’era già stata dopo la gara di[...]

    Leggi

  •  

    Rimarrà per sempre il derby della neve

    Febbraio 25, 2020
    Il 7 marzo 1971 va in scena al “F.lli Ballarin” di San Benedetto del Tronto un derby memorabile. La Samb, dopo una gara strepitosa e perfetta batte l’Ascoli  del giovane allenatore Carlo Mazzone con un perentorio due a zero! Quella domenica nevica, evento quasi raro visto che si gioca nel mese di marzo! Le marcature sono realizzate dal compianto Giovanni Carnevali (scomparso il 21 dicembre[...]

    Leggi

  •  

    Alfiero Caposciutti, il portiere che si fece centravanti

    Luglio 22, 2019
    Quando Alfiero Caposciutti viene convocato nella Nazionale juniores è il portiere di belle speranze. E’ un classe ’41 . Con lui Facchetti dell’Inter, Bercellino della Juventus, Rosato del Torino. L’11 febbraio 1960 giocano una partitella in un San Siro innevato. Alfiero Caposciutti viene schierato nella squadra allenatrice. Gli va male: quello dell’Alessandria, un certo Gianni[...]

    Leggi

  •  

    Una storia d’amore, gol e botte : Giorgio Ferrara

    Dicembre 16, 2019
    Non cerca alibi quando è il momento di fare l’inventario di una carriera. Pronto a tirarne fuori tutti i passaggi cruciali, molti dolorosi. Ancora perdutamente innamorato del calcio, anche se non lo dice. Perché è fatto così. La sua storia apparentemente è solo un patchwork di maglie, città, partite, promozioni e retrocessioni, compagni di squadra[...]

    Leggi

  •  

    Lauro Toneatto era uno che ti forniva l’idea di essere una sorta di sergente maggiore dei marines

    Giugno 20, 2019
    Un bulldozer di nome Lauro. Ecco cos’era Lauro Toneatto, una carriera modesta da calciatore negli anni Cinquanta-Sessanta, molto più luminosa da allenatore, morto nel 2010 nella sua casa di Siena all’età di 77 anni. Lauro Toneatto era uno che non si fermava davanti a niente e che ti forniva l’idea di essere una sorta di[...]

    Leggi

In collaborazione con

© 2020 Il Nobile Calcio. Tutti i diritti riservati

1 2