Notizie

  •  

    Per capire Gigi Radice

    15 Luglio, 2020
    “Una squadra di calcio oggi non è più – né solo – una squadra di calcio, bisogna vederla come tempo libero di una città, è una cosa importante, di cultura” (1982) “Non mi vergogno a sostenere che ho idee politiche a sinistra, tra il socialista e il comunista: e con ciò? Proprio per questo ho[...]

    Leggi

  •  

    “Ragassi, Tosetto è il Keegan della Brianza”

    6 Gennaio, 2020
    Riccioli e baffi, carattere esuberante. A metà degli anni Settanta lo chiamavano Stricker perché assomigliava a Erwin Stricker, lo sciatore folle della Valanga Azzurra. Poi arrivò Nils Liedholm. “Ragassi, Tosetto è il Keegan della Brianza”, stabilì il santone svedese allenatore del Milan. Kevin King Keegan, l’inglese ala destra del Liverpool plurititolato e dell’Amburgo. Un fenomeno[...]

    Leggi

  •  

    La differenza di Buriani

    30 Giugno, 2020
    “Il gioco del calcio fa parte della mia vita e non ho nessuna intenzione di ritirarmi a trentun anni “. Da quella domenica di novembre sono passati otto mesi. E Ruben Buriani adesso si ritrova seduto su una spiaggia dalle parti di Cervia, curvo sotto un greve fardello di speranze e ricordi. Non è solo:[...]

    Leggi

  •  

    Il problema di Arturo Ballabio

    5 Dicembre, 2019
    Ci chiediamo spesso se questo o quell’evento possa cambiare la nostra vita. Poi ti rendi conto che sei tu che puoi cambiarla da solo. E con la stessa potenza, cambiarla agli altri. Anche a qualcuno che neanche conosci. Il 4 giugno 1972 , è un Monza – Palermo, terzultima di campionato. In tribuna ci sono[...]

    Leggi

  •  

    Una partita particolare alla “Scala del calcio”

    6 Gennaio, 2020
    17 novembre 1974, S. Angelo – Monza 0-0. Zero a zero come nelle peggiori, e rare, tradizioni di San Siro. Ma è stato bello lo stesso. Pensate: spettatori e incasso su per giù intorno alla media delle partite di serie A. Sant’Angelo e Monza hanno avuto la loro degna passerella che il tempo minacciava magari[...]

    Leggi

  •  

    Quando Arrigo Dolso andava a ballare al Piper

    17 Settembre, 2019
    “Avevo un debole per il tunnel. Lo feci anche a Ruud Krol, per vincere una scommessa. Avevo 35 anni e giocavo a Grosseto . Se dovessi scendere in campo oggi, tutti dovrebbero tapparsi le orecchie. Altrimenti il pallone lo farei passare anche da lì “. E’ figlio di un operaio friulano. La guerra è appena[...]

    Leggi

In collaborazione con

© 2020 Il Nobile Calcio. Tutti i diritti riservati

1 2