Notizie

  •  

    Ricordo del passaggio a Cagliari di un giocatore unico

    Gennaio 19, 2020
    Al Mondiale di Italia ‘90 l’Uruguay non è propriamente una delle favorite, eppure molti nutrono grandi aspettative sulla Celeste. Ci sono giovani promettenti, ma anche calciatori già formati, nel pieno della loro maturità, guidati dalla verve rivoluzionaria di Oscar Washington Tabárez. Contrariamente ai pronostici, però, gli uruguaiani sbagliano le prime due partite con Spagna e Belgio;[...]

    Leggi

  •  

    Camataru. Fu vera gloria?

    Gennaio 18, 2020
    Nel calcio poco televisivo e molto casereccio del dopoguerra la voglia di confrontarsi superando i confini era forte. Non a caso negli anni ’50 nacquero le coppe per club e nel 1960 esordì il campionato europeo per squadre nazionali. Anche la voglia di paragoni individuali faceva breccia: in questo, probabilmente, oltre al campanilismo molto pesava[...]

    Leggi

  •  

    Il Real Madrid lo voleva portare al Bernabeu, ma Wim andò a Pisa

    Gennaio 19, 2020
    Proveniva dalla scuola di attaccanti dell’Ajax, i suoi contemporanei furono Frank Rijkaard, John van’t Schip, Marco van Basten e Gerald Vanenburg. Tutti giovani che nella prima decade degli anni Ottanta contribuirono ai successi continentali degli Oranje, dei Lancieri e del Psv. In questo primo scorcio di carriera, Willem Cornelis Nicolaas Kieft detto Wim, si aggiudicò[...]

    Leggi

  •  

    Una prodezza che i tifosi pisani ricorderanno per sempre

    Gennaio 18, 2020
    Prendiamo un gol del passato: lo guardiamo, lo analizziamo, lo ammiriamo e magari scopriamo qualcosa che non sapevamo. Questo è Un Gol, una Storia. Stadi pieni. Tifosi in festa. Presidenti effervescenti. Giovani calciatori italiani. Stranieri di qualità. Questo e molto altro è stato il calcio di provincia degli anni 80. Di provincia ma non provinciale[...]

    Leggi

  •  

    La Primavera della Fiorentina, allenatore Arrigo Sacchi

    Gennaio 18, 2020
    Un bambino gracile. A tredici anni pesa solo quarantanove chili. Anche se col pallone se la cava meglio degli altri. Non per niente gioca già nella Fiorentina : “Andavo agli allenamenti ma abitavo a Pistoia. Dovevo prendere prima il treno. Era il locale delle tredici e venticinque . Poi dovevo saltare sul pullman numero 17[...]

    Leggi

  •  

    “Cobra” Tovalieri, il centravanti di strada che inventò il trenino

    Gennaio 18, 2020
    Il suo libro si intitola “Cobra, vita di un centravanti” e racconta della sua vita calcistica, con i suoi centoquarantatré gol in giro per mezza Italia, e della sua vita privata, con il grande dolore della moglie prematuramente scomparsa. L’autobiografia di Sandro Tovalieri è un mix di calcio e amore, di valori e sentimenti, scritta[...]

    Leggi

In collaborazione con

© 2020 Il Nobile Calcio. Tutti i diritti riservati

1 3 4 5 87