Il miglior dribblatore degli anni ’70
Nov 11, 2022

George Best, il più grande calciatore nella storia dell’Irlanda del Nord, ha vissuto velocemente. Donne e alcol sono stati la rovina dell’attaccante del Manchester United. In America c’era anche un grande calciatore divorato dalla sua dipendenza dall’alcol.

Fu il peruviano Hugo Cholo Sotil (nato a Ica, classe 1949), considerato il miglior dribblatore degli anni ’70 e uno dei grandi compagni di Johan Cruyff al Barça, dove insieme vinsero il campionato nel 1974.

In un undici del Barcellona 1973-’74: Sotil è il secondo accosciato, da destra

Sotil ha indossato il numero 10 sulla maglia del Barça. Calciatore dal tocco squisito, sarà sempre ricordato per essere uno degli eroi della sfida con Gijón, che riportò il titolo a Barcellona dopo una lunga attesa di 14 anni. Il “campione mamita” fa parte della storia del club.

Poi arrivò un altro olandese, Johan Neeskens, che si posizionò nella casella riservata al calciatore straniero occupata da Sotil, accusato di uno stile di vita dissoluto. Il suo compagno Quique Costas, difensore roccioso, non impiegò un solo minuto per diffondere il suo disappunto per la partenza dell’asso peruviani. Che oggi sarebbe definito trending topic.

Il Barça di Cruyff, che ha vinto il campionato, sarà eternamente ricordato per il suo calcio distintivo e, soprattutto, per la sua esibizione al Bernabéu. “Dopo lo 0-5 al Real Madrid, le persone che ci hanno ricevuto in aeroporto hanno pianto di gioia. Non avrei mai pensato che questa vittoria potesse avere un tale significato”, raccontò Sotil molti anni dopo. Il peruviano ha segnato il quinto gol, con un colpo di testa.

I tre stranieri del Barcellona. Da sinistra: Johan Cruyff, Hugo Sotil e Johan Neeskens

A Barcellona Sotil ha vissuto il capitolo più bello della sua vita, ma anche momenti molto duri. L’inizio del suo declino personale e professionale. Dopo un anno meraviglioso, il Barça ha ingaggiato Johan Neeskens, un altro olandese, e Sotil non ha potuto giocare a causa delle quote (erano ammessi solo due stranieri per squadra). In quell’anno giocò solo poche amichevoli. Aveva molto tempo libero, troppo, ed era un frequentatore abituale della vita notturna e del bere a Barcellona. Se la sua ascesa alla gloria fu rapida, la sua caduta all’inferno fu più vertiginosa.

Sotil faceva parte della migliore generazione di calciatori peruviani di tutta la storia, campioni d’America nel 1975 e arrivati ai quarti di finale ai Mondiali del 1974 e 1978. Successivamente, la sua vita ha avuto molti passaggi oscuri, spesso vivendo male con l’elemosina e sostentamenti. Se da bambino faceva il lustrascarpe, vendendo popcorn e trasportando sacchi da 80 chili in una fabbrica di caffè, da grande guidava un taxi in una vita lontana dai lussi di un tempo.

La sua amicizia con Johan Cruyff era eterna. Niente lo ha rattristato più della scomparsa dell’Olandese Volante. Alcuni anni prima, Sotil parlava di vita e di morte. “Quando me ne vado, voglio essere sepolto con una maglia del Barça“, ha detto una delle grandi icone del calcio peruviano di tutti i tempi e uno dei calciatori più amati al Camp Nou.

Mario Bocchio

Condividi su: