“¡No pasa nada, tenemos a Arconada!”
Apr 5, 2021

Lo spagnolo Luis Mikel Arkonada Etxarri, meglio conosciuto come Arconada, è stato uno dei migliori portieri al mondo tra gli anni settanta ed ottanta. Tra il 1974 e il 1989, anno del suo ritiro, Arconada difese i pali della Real Societad di San Sebastián diventando, grazie alle sue gesta, un autentico idolo per i tifosi della compagine spagnola.

Una figurina di Arconada alla Real Sociedad

Con il club basco Arconada collezionò più di quattrocento presenze e, per ben tre anni di fila, tra il 1979 e il 1982 vinse il Premio Zamora destinato a premiare il portiere meno battuto del campionato spagnolo. Titolare della maglia di portiere della nazionale spagnola nell’edizione 1982 del Campionato del Mondo, che si disputò proprio in Spagna,  Arconada vanta ben 68 presenze tra i pali delle furie rosse.

1984, con la Spagna in uscita sul danese Elkjær

Purtroppo per lui, l’esperienza del mondiale 1982 non fu proprio felicissima.La Spagna perse per 2 reti ad 1 contro la Germania Ovest nel secondo turno della fase finale e non riuscì quindi ad approdare alle semifinali mondiali. Nella fase finale del  Campionato Europeo del 1984  il contributo di Arconada  fu determinante per l’accesso della nazionale spagnola alla finalissima contro la Francia di Michel Platini.

Arconada alla Real Sociedad nel 1979, battuto dal tiro di Gianpiero Marini nella sfida di Coppa Uefa in casa dell’Inter

Ma,  proprio in quell’incontro  finale, che si disputò a Parigi  il 27 giugno 1984, al cinquantasettesimo minuto, sul risultato di zero a zero Arconada si fece passare sotto il corpo un calcio di punizione proprio di Platini consentendo così ai francesi di passare in vantaggio. Il raddoppio di Bellone allo scadere consegnò il trofeo ai galletti di Francia.

Arconada e Platini, 27 giugno 1984 la Francia vince il suo primo Europeo

Nella successiva rassegna iridata, il mondiale messicano del 1986, a difendere i pali delle furie rosse c’era un altro grande portiere basco: Andoni Zubizarreta. Ma questa è un’altra storia. Il mito di Arconada che visse e si alimentò proprio grazie alle grandi prestazioni del portiere con la sua Real Societad è tutto in quel motto che risuonava sempre alla stadio di San Sebastián: “¡No pasa nada, tenemos a Arconada!”. Tutto va bene, abbiamo Arconada!

Condividi su: