Quando parliamo di partite classiche, ce ne vengono in mente tante. Ma questa in particolare è la madre di tutte. Johan Cruyff l’ha sempre considerata la sua partita preferita di sempre. E guardando indietro, questa gara del 1966 tra i campioni d’Inghilterra del Liverpool ( probabilmente una delle migliori squadre del mondo, allora) e l’Ajax può essere definita la nascita del calcio totale olandese, che toccò il suo punto più alto con la nazionale olandese nei Mondiali del 1974. Da allora questa partita è conosciuta come come “De Mist Wedstijd”, “The Fog Game”  la partita della nebbia. Senza che gli spettatori e nemmeno le telecamere televisive potessero vedere nulla – figuriamoci una palla – l’Ajax sconfisse gli inglesi 5-1! L’ala destra Sjaak Swart: “Era una favola, nessuno credeva che fosse realmente successo”.

Rinus Michels era stato assunto come allenatore dell’Ajax nel 1965. La stagione prima, i Lancieri erano quasi retrocessi. Mai prima d’ora l’Ajax aveva toccato un livello così basso. Nel secondo anno di Michels, l’Ajax vinse la sua prima partita europea contro il Besiktas . Gli olandesi erano giudicati “troppo leggeri” per squadre come il Benfica e il Real Madrid , ma sotto la nuova e dura conduzione di Michels, la squadra iniziò a trovare il proprio ritmo. A quei tempi, i giocatori andavano allo stadio da soli. Henk Groot è stato raccolto da Sjaak Swart con la sua Citroen DS ma a causa dell’umidità, la macchina non partì. Swart e Groot dovettero spingerla per farla e i due giocatori arrivarono allo stadio solo 45 minuti prima dell’inizio della partita. Michels era piuttosto rilassato. Aveva già istruito la sua squadra e sapeva di non aver bisogno di motivarla contro il Liverpool. L’unico aspetto negativo era che Piet Keizer era infortunato. La magica ala sinistra era cruciale per la squadra, ma Michels aveva bisogno di trovare un sostituto e lo individuò in Cees de Wolff. De Wolff era un dilettante l’anno prima. “Non avevo ancora giocato con l’Ajax e questa è stata la mia grande occasione. Un’enorme opportunità “. La leggenda televisiva Herman Kuiphof avrebbe commentato il match in tv. A quei tempi, le partite venivano trasmesse in diretta solo quando lo stadio era esaurito.

Johan Cruyff, Ron Yeats e Klaas Nuninga 

E lo era. Kuiphof: “La nebbia durante il giorno era fitta, ma i meteorologi avevano garantito che sarebbe scomparsa la sera. Ma è solo peggiorata. Quando mi sono seduto nella mia cabina per i commenti, il presidente Van Praag è venuto a chiedere se potevo anche fare un commento per i tifosi allo stadio. Era preoccupato che non potessero vedere nulla”. Sia il Liverpool che Ajax volevano giocare. Il Liverpool aveva una partita importante contro il Manchester United nel fine settimana e dirigenti volevano che i giocatori giocassero e rimanessero in forma.

L’Ajax si rendeva conto che aveva uno stadio pieno di tifosi e voleva offrire loro qualcosa di speciale. L’arbitro italiano Antonio Sbardella controllò la visuale circa trenta minuti prima del calcio d’inizio e garantì che avrebbe potuto vedere i goal dal centrocampo. Inizio partita! L’Ajax giocò in bianco, il che aiutò i giocatori a trovarsi. Il gioco iniziò perfettamente per l’Ajax. Henk Groot crossò e l’esordiente Cees de Wolff colpì di testa dal limite dell’area (!). Dietro il portiere del Liverpool Lawrence: 1-0. De Wolff: “Dopo aver segnato, siamo tornati alla nostra metà e abbiamo potuto sentire i fan esultare a ondate. Nessuno aveva visto il goal, quindi hanno esultato perché hanno sentito gli altri esultare”.

La rete di de Wolf nell’incontro Ajax-Liverpool del 7 dicembre 1966

Il portiere dell’Ajax Gert Bals esultò per ben cinque secondi dopo che De Wolff aveva segnato. Il gioco si fece duro. Wim Suutbier venne toccato duramente e riusciva a malapena a camminare. Henk Groot aveva una grossa ferita sul sopracciglio. Salo Muller, il medico dell’Ajax: “Penso di essere andato in campo sette volte per curare un giocatore e l’arbitro non mi ha mai visto farlo …”. Sjaak Swart giocò la gara della sua vita. Non solo infondeva coraggio al malconcio Suurbier, ma fu capace di dribblare anche tre inglesi per passare la palla a Nuninga che mise alla prova Lawrence.

Il quarto gol di Klaas Nuninga 

Il portiere dei Reds lasciò cadere la palla e Johan Cruyff segnò il secondo goal. Ancora una volta, nessuno lo vide. Kuiphof guardò nel monitor e fu un grado di vederlo un pochino meglio degli altri. Il giovane Louis van Gaal era abbastanza sfacciato da arrampicarsi sul televisore di Kuiphof e guardare la partita sul monitor. “Quel Kuiphof ha persino bloccato il vento per me. È stato molto carino … “.

Klaas Nuninga segnerà il 3-0 non molto tempo dopo. E poi è successo qualcosa di straordinario. Sjaak Swart sente il fischio e presume che sia l’intervallo. Si allontana dal campo, fino allo spogliatoio per essere fermato da un dirigente dell’Ajax. “Cosa stai facendo? Il gioco è ancora valido. Quindi sono tornato. Sono rientrato campo, ho ricevuto la palla e l’ho incrociata nel box: 4-0! ”. Michels implorò i suoi uomini di continuare nel secondo tempo.

Rinus Michels

Il Liverpool tornò in campo con una gran voglia di vendetta, ma semplicemente non riuscì a segnare. L’Ajax realizzò la quinta rete e poi Lawler mise a segno il punto della cosiddetta consolazione. Dopo la partita, Bill Shankly non è agitato. “Non sono stato troppo colpito dall’Ajax. Sono stati fortunati. La prossima settimana a Liverpool li batteremo 7-0 “. L’Ajax si preparò bene per il ritorno. Bill Shankly, nel frattempo, iniziò a giocare la sua personale guerra psicologica. Disse alla stampa: “L’Ajax è stato fortunato. Quel portiere, Gert Bals, non potrebbe giocare nemmeno nelle nostre squadre amatoriali. Sarà una notte molto calda e loro farebbero meglio a portare un sacco di barelle”. Ton Pronk: “Le sue parole hanno avuto effetto.

Sjaak Swart

 Shankly ha fatto sembrare che la nostra vittoria fosse un’anomalia. Quindi, noi avevamo la grinta sino ai denti”. Rinus Michels conosceva la magia di Anfield e il potere del canto dei fan. Per aiutare i suoi giocatori ad abituarsi, li mandò in campo molto presto. Quindi poterono abituarsi all’atmosfera. Sjaak Swart: “Non lo dimenticherò mai. Eravamo lì. Da soli in campo, di fronte a The Kop. E tutti hanno iniziato a cantare You Never Never Walk Alone. Non avevo mai sentito quella canzone, ma ho avuto la pelle d’oca. Da allora sono sempre stato un seguace del Liverpool”. Il Liverpool iniziò ferocemente, ma la fortuna era nelle mani dell’Ajax. gli Inglesi colpirono il palo due volte e dopo venti minuti la tempesta rallentò. L’Ajax si mise in gioco e Johan Cruyff segnò il primo goal nel secondo tempo. Ne realizzò un secondo prima che il Liverpool andasse a seg o due volte. A quel punto, i tifosi del Liverpool si tranquillizzarono. Dopo la partita, Bill Shankly entrò nello spogliatoio dell’Ajax e si congratulò con i giocatori individualmente. Pronk: “È stato impressionante. Mi disse: la guerra è finita. Hai vinto…”. Quando l’Ajax tornò a casa, migliaia di fan attesero la squadra, come se avesse appena vinto la Coppa dei Campioni.

Il ritorno, Liverpool-Ajax 2-2

E con quel gioco era iniziata una nuova era. Johan Cruyff: “Michels è stato un fattore importante. Tutti potevamo giocare bene a calcio, certo, ma ha aggiunto la disciplina alla squadra. Ci ha dato fiducia e i tifosi hanno capito che avremmo potuto affrontare il meglio del meglio e vincere”. Il quindicenne giocatore dell’Ajax Louis van Gaal voleva disperatamente vedere la partita ma non riusciva a ottenere un biglietto. “Quindi, ho controllato dove fosse il più vecchio stewart e sono riuscito a varcare quel cancello. Sapevo che il vecchio non poteva inseguirmi, quindi ero dentro”. Come l’Ajax, anche il Liverpool aveva un allenatore straordinario, Bill Shankly.

Bill Shankly

Come Michels, aveva un cervello acuto e un’abilità analitica e gli piaceva giocare con le parole. Quando aveva visto l’Ajax giocare contro il Telstar, interrogato dai media, non potè smettere di complimentarsi con il Telstar.

Ma quando tornò a casa e parlò con i suoi giocatori, non potè smettere di menzionare un giovane talento che aveva visto, un tale Johan Cruyff. L’Inghilterra vinse i Mondiali quell’anno e il Liverpool era il favorito per la vittoria della Coppa dei Campioni. Tuttavia, i coraggiosi ribelli di Amsterdam ritennero che qualcosa di grande potesse accadere. Quel giorno particolare, il 7 dicembre 1966, una nebbia spessa sorvolò e tutti cedettero che la partita sarebbe stata rinviata. Non fu così.

Mario Bocchio