Ci sono voluti 10,8 secondi. Questo era tutto ciò di cui Hakan Şükür aveva bisogno per lanciarsi nella difesa sudcoreana e raggiungere l’obiettivo del terzo posto nella Coppa del Mondo del 2002. Tuttavia, nonostante quello della Turchia sia stato il gol più veloce mai segnato nella storia della Coppa del Mondo, era effettivamente arrivato in ritardo per Şükür.

Nella nazionale turca

Affermatosi come una delle stelle più brillanti della competizione, Şükür è stato tra quelli immaginati per scalare le classifiche dei bomber del torneo. Invece, l’attaccante è rimasto sterile, il suo talento è stato incatenato fino alla partita per il terzo posto, quando il suo unico gol mondiale si è aggiunto all’illustre e leggendaria tradizione della Coppa del Mondo.

Nel Torino, intervistato dal nostro Mario Bocchio

In molti modi, il suo gol contro la Corea del Sud ha esemplificato Şükür più di ogni altro, sia nella sua forma che nel più ampio contesto in cui è stato segnato. Anche se a volte il torneo sembrava resistere al suo fascino, rifiutando i suoi progressi, Şükür voleva trovare a tutti i costi ancora un modo per lasciare il segno indelebile sulla storia con una sfida devastante. Con un bel finale di lato, segnato prima ancora che molti tifosi si fossero persino seduti al loro posto, il gol da record di Şükür contro i co-organizzatori della competizione ha caratterizzato il modo in cui aveva risposto a molti degli episodi più ardui della sua carriera, riaffermando il suo status di miglior giocatore della Turchia.

Durante la sua militanza nell’Inter

Nel corso di un’incredibile carriera ventennale, Şükür è partito per le avventure straniere in tre diverse occasioni, alla ricerca dello stesso sogno. Nel disperato tentativo di lasciare un segno al di fuori della sua nazione d’origine, l’attaccante turco ricercò le sfide con Torino, Inter e Parma in Italia, nonché in una sola stagione con il Blackburn in Inghilterra. Sfortunatamente, in ogni occasione, Şükür non è riuscito ad ottenere lo stesso impatto che aveva avuto a casa sua ed è stato costantemente bocciato. Imperterrito, tuttavia, Şükür è tornato ogni volta in Turchia, nel suo Galatasaray, per riprendere la sfida esattamente da dove si era interrotta, accumulando record dopo record.

Nel Parma

Ovviamente, il relativo successo della carriera di un giocatore non sarà mai completamente data dal numero dei trofei sollevati o dai record accumulati lungo il percorso. In parole povere, ci sono alcune occasioni, momenti e sentimenti in cui i dati non possono rendere giustizia. Tuttavia, nel caso di Hakan Şükür, il miglior marcatore di sempre in Turchia, i numeri notevoli che appartengono alla carriera dell’attaccante contribuiscono ampiamente a descrivere il motivo per cui i fans del Galatasaray, fino ad oggi, si riferiscono ancora a Şükür come Kral, che significa Re.

Con la Coppa Uefa vinta con il Galatasaray

Dopo essere arrivato in vetta alle classifiche, diventando il capocannoniere di tutti i tempi nella storia della Süper Lig e sollevando otto titoli in campionato, sei Coppe turche e una Coppa Uuefa – ancora l’unico trofeo europeo ad essere vinto da una squadra turca – Şükür arrivò presto a guidare la nazionale nello stesso modo in cui aveva preso per mano il suo amato Galatasaray.

Ancora nel Galatasaray, contro la Juve

Rimane il giocatore più autorevole della nazionale, con 112 presenze, e il miglior marcatore, con 51 goal; un totale che che raddoppia il conteggio dei suoi rivali più vicini. Non c’è da meravigliarsi se così tanti compatrioti di Şükür lo considerano un eroe del calcio. Lungi dall’essere semplicemente “buoni piedi per un grande uomo”, la finezza di Şükür si è sempre distinta come esemplare. Esperto nel segnare con la testa, il piede o qualsiasi altra parte del corpo ritenuta legale: tale era il suo istinto predatorio, il numero di goal segnati dal turco  con un solo tocco, in particolare entro dieci metri dal bersaglio, era eccezionale e pochi si sono avvicinati a rivaleggiare con la sua abilità.

A causa del destino malvagio, altrove nel continente europeo, la forma più letale di Şkükür lo abbandonava troppo spesso e i suoi ineguagliabili gol da incantesimo fatti in Turchia rimasero tragicamente irripetibili.

Tuttavia, sono pochi quelli che potrebbero sostenere che per il Galatasaray e per il suo paese il Kral non abbia ragioni sufficienti per indossare la corona del più grande calciatore turco del Ventesimo secolo.

Se solo la fortuna avesse favorito le sue avventure europee, o se le comodità di casa fossero state meno necessarie per vederlo giocare al meglio, è probabile che il nome Şükür oggi avrebbe tutta la legittimità per distinguersi accanto a quelli dei più grandi marcatori di qualsiasi nazionalità.

Mario Bocchio