Il club del Titano è iscritto a due federazioni: quella sammarinese e quella italiana, nella quale disputa un campionato, quello di Serie D… all’estero. Perché la Repubblica dei castelli può permettersi anche questo.

San Marino contro Reggiana

Una squadra-Stato. Ovvero qualcosa in meno, e ben diverso, rispetto a una nazionale, ma molto di più rispetto ad una qualsiasi squadra iscritta ai ranghi federali della Fsgc, la federcalcio sammarinese: questo è il San Marino calcio, club singolare come nessun altro all’interno dei campionati italiani, società che ha specificità in comune solo con alcune altre realtà internazionali attive ad esempio nei campionati inglesi, spagnoli, francesi o statunitensi, quelle cioè che partecipano a tornei organizzati da federazioni estere rispetto al luogo in cui hanno sede.

La Nazionale di San Marino all’esordio internazionale contro il Canada, nel 1986
Davide Gualtieri (a destra) esulta dopo la sua rete all’Inghilterra del 17 novembre 1993, siglata dopo 8,3 secondi di gioco: un record che resisterà per i successivi 23 anni

Il San Marino, infatti, ha sede a Serravalle, uno dei castelli (il termine indica le unità amministrative, i comuni insomma) della Repubblica più antica del mondo, ma da diversi anni è una realtà del calcio italiano, tanto che vivrà la prossima stagione ancora nellaquarta divisione della nostra piramide calcistica, dopo aver militato anche nel terzo livello.

Due fotografie del San Marino nell’ultima stagione in Serie D (foto Alessandro Alessandroni)

Un tocco di… esotico, per quanto di esotico possa esistere a meno di venti chilometri dal lungomare di Rimini, ma dal punto di vista burocratico tant’è.

Massimo Bonini (al centro) nel 1993, capitano della Nazionale di San Marino, durante una sfida contro l’Inghilterra

In fondo, il San Marino ha qualcosa in comune con squadre come Cardiff, Swansea o Wrexham – le gallesi che giocano in Inghilterra – o addirittura con l’opulento Monaco.

San Marino-Scozia
San Marino-Inghilterra

Con la differenza che nel Principato, a differenza di quanto accade a San Marino, una federcalcio non c’è, mentre il Galles un suo campionato ce l’ha, una federazione pure, ma uno Stato indipendente no. Figurarsi una squadra-Stato.

https://youtu.be/SGdQvqbIexk
il San Marino 2005-’06 sulle figurine Panini

Un percorso non sovrapponibile nemmeno a ciò che accade in Liechtenstein, dove esistono una federazione e una nazionale, ma non un campionato, tanto che tutte le squadre giocano in Svizzera.

San Marino contro la Germania

E, ampliando a dismisura le dimensioni di scala geografica, si possono trovare convergenze con alcune società canadesi che giocano nella Major League statunitense.

Il debutto di Cristiano Ronaldo nella Nazionale U17 del Portogallo contro San Marino
Damiano Tommasi ha giocato i preliminari di Champions League con il club sanmarinese  La Fiorita 

Ma nemmeno lì si può scovare un gemello del San Marino, che un vicino parente – storicamente parlando – ce l’ha solo ad Andorra, l’FC Andorra appunto.

Un anno fa, una giornata storica per il calcio della Repubblica di San Marino: per la prima volta una squadra del piccolo Paese ha superato un turno in una competizione europea. Eliminati i gallesi del Bala Town nel primo turno preliminare di Europa League, a scrivere la storia il Tre Fiori

Ma, anche lì, ci sono differenze. Ecco perché il San Marino calcio è davvero un mondo a parte: unico, più che raro, nel suo genere.

Lorenzo Longhi

Vai all’articolo originale