Eugenio Porrati fu il primo grande portiere dell’Alessandria. Il suo modo di stare tra i pali, seguendo con brevi salti laterali l’evolversi dell’azione difensiva avversaria, per poi lanciarsi in spericolate uscite alla caccia del pallone, lo faceva sembrare una belva feroce.

Abituava i compagni a lasciarsi guidare dalla sua voce che, da vero regista della difesa, suggeriva marcamenti e posizioni. Il suo coraggio è fatto leggendario così come il suo attaccamento ai colori sociali. Fu il protagonista di una lontana partita a Vercelli contro la Pro: da mesi non giocava per la frattura del perone causata da uno scontro con Borel padre a Biella.

Vedendolo tra gli spettatori, Carcano gli chiese se era in grado di giocare: fu una battaglia e Porrati fece autentici miracoli, tanto che alla fine i tifosi gli donarono una medaglia.
Nato a Valenza nel 1893, nella stagione 1921-’22 vestì anche la maglia del Milan.

 

Formazione Alessandria Fbc del 1913-’14. Ticozzelli, Milano II, Savojardo, Carcano, Porrati, Brunoldi, Grillo, Lazoli I, Torricelli, Du Jardin, Ricci II.