Lo stadio di Rotterdam sembra un vuoto supermercato della Germania Est
Gen 12, 2023

Sparwasser, 74 anni. I tifosi di calcio sorridono leggermente quando sentono questa combinazione. Lui è Jürgen Sparwasser, l’autore del gol nella storica vittoria per 1-0 della Germania Est sulla Germania Ovest ai Mondiali del 1974.

Il Magdeburgo festeggia con la Coppa delle Coppe appena vinta

Sparwasser, 74 anni compiuti, rappresenta anche un altro grande momento del calcio nella Germania dell’Est. Perché l’attaccante fa parte della leggendaria squadra che è stata l’unica della DDR a vincere una Coppa europea, il Magdeburgo.

I capitani Zapf e Rivera

Coppa delle Coppe 1973-’74: il primo miracolo avviene con l’eliminazione dei i vincitori della coppa d’Olanda, il NAC Breda in una doppia sfida molto sofferta, poi il club della Germania dell’Est ha prevalso solo ai supplementari contro il Banik Ostrava. Beroe Stara Zagora (Bulgaria) nei quarti e Sporting Lisbona in semifinale sono le altre vittime sulla strada per la finale.

Sparwasser contrastato da Lanzi

Lì, la squadra di Magdeburgo affronta uno dei nomi più noti del calcio mondiale: il Milan. Gianni Rivera e Karlheinz Schnellinger sono star mondiali. “Siamo degli outsider”, dice allo “Sportecho” l’unico ventenne Axel Tyll, ma aggiunge: “Nessuno di noi muore di soggezione”.

L’allenatore Heinz Krügel (secondo da destra) è stato il vero artefice del sorprendente successo

Ventiquattro anni prima che Giovanni Trapattoni si infastidisca davvero al Bayern, altri tedeschi gli causano dolore. Perché la profezia del Trap si avvera. “Vince chi fa segna per primo”, prevede Trapattoni. È un suo giocatore, ma Enrico Lanzi sbaglia porta. Poco prima dell’intervallo, il Magdeburgo passa in vantaggio con un’autorete.

Con un gol alle spalle, il Magdeburgo è tranquillo e domina il gioco. Quando Wolfgang “Paule” Seguin segna il 2-0 al 74’, si respira la certezza. Una certezza che solo pochi tifosi allo stadio possono testimoniare. Gli spettatori olandesi – di questi tempi la nazionale guidata da Johan Cruyff è una delle migliori squadre al mondo – non sono attratti dalla finale Magdeburgo-Milan. E i funzionari politici della Germania dell’Est non lasciano andare volentieri le persone fuori dalla Germania Democratica.

Guardare all’interno dello spogliatoio ricorda ai giovani di oggi che le foto una volta non potevano essere visualizzate su un display subito dopo essere state scattate. Altrimenti il ​​fotografo avrebbe probabilmente scattato un’immagine diverse da questa, in cui un giocatore del Magdeburgo si sta appena togliendo la maglia dalla testa

Ci sono solo circa 350 tifosi del Magdeburgo nello stadio. Questo numero comprende anche i marinai di cinque navi mercantili della flotta della DDR che sono ancorate nel porto di Rotterdam. “Ci sono state anche persone hanno chiesto: ‘Chi è il Magdeburgo?'”, l’allenatore Heinz Krügel è seccato.

Questo fastidio sparisce al fischio finale. “11 amici” dice l’arguto leader della squadra Günter Behn, ex stella e oggi nel ruolo di viceallenatore. Alla partenza da Berlino Est, ha acquistato di nascosto lo spumante  Cappuccetto Rosso, che ora viene versato nella coppa nello spogliatoio. Un telegramma del capo del Consiglio di Stato, Erich Honecker, raggiunge la squadra: “Cari appassionati di sport! Vorrei congratularmi con voi per questo eccezionale risultato e augurarvi un successo continuo”.

Non suona molto euforico e Honecker non è all’aeroporto quando la squadra arriva a casa il giorno dopo il trionfo. Il calcio della DDR è al suo apice. Solo pochi mesi dopo, alla sua storia si aggiunge il capitolo più famoso. Il suo titolo è composto da un cognome e da un numero: Sparwasser, 74. Riassumendo: il Magdeburgo è l’unico club della Germania dell’Est ad aver vincere una Coppa europea. 8 maggio 1974: lo stadio De Kuip di Rotterdam sembra un normale supermercato della DDR, praticamente vuoto. Solo 4641 spettatori vogliono vedere la finale di Coppa delle Coppe contro il Milan di Gianni Rivera.





Mario Bocchio

Condividi su: