L’Agente S
Gen 9, 2023

Ecco l’oscura storia di Gato Andrada, il portiere a cui Pelé segnò il millesimo gol e che divenne una spia della dittatura.

Le mani del “Gato” e lo sguardo ipnotico

Quando sembrava che la vita del calciatore sarebbe stata segnata esclusivamente dall’aver subìto quel gol da Edson Arantes do Nascimento mentre difendeva la porta del Vasco da Gama, una denuncia del 2008 ha portato alla luce il suo ruolo di agente dell’intelligence dell’Esercito argentino.

Per quasi quattro decenni si è creduto che Edgardo El Gato Andrada sarebbe passato alla storia per un evento sportivo: essere stato il portiere argentino che ha “subìto” il millesimo gol di Edson Arantes do Nascimiento, Pelé, allo stadio Maracanã di Rio de Janeiro Janeiro, alle 23 e 11 del 19 novembre 1969, quando difendeva la porta del Vasco da Gama, contro il Santos, la squadra di O Rei per tutta la vita.

Secondo tempo, la partita era sull’1-1 quando l’arbitro ha decretato un rigore per la squadra ospite. Pelé ha sistemato la palla, ha fatto una corsa corta e ha tirato sul palo sinistro del portiere, senza che Gato Andrada potesse fermare il pallone.

“Per la prima volta nella mia carriera mi sono sentito davvero nervoso… non avevo mai sentito una tale pressione. Tremavo” confessò Pelé quella sera stessa, una volta finita la partita, sospesa per quasi mezz’ora perché fotografi e pubblico avevano invaso il campo.

“Pelé ha calciato, ho toccato il pallone ma non sono riuscito a fermarlo. Con il tempo le cose sono cambiate, mi sono abituato alla realtà e adesso vivo benissimo il millesimo gol” ebbe modo di dire Andrada molti anni dopo.

Fino all’inizio del 2008 il ricordo di Gato Andrada era quasi un patrimonio calcistico. È stato sempre citato come un portiere elastico che aveva trascorso quasi tutta la sua carriera nel Rosario Central, che si distingueva per allungarsi nel parare palloni che sembravano impossibili, sempre vestito di nero rigoroso, come il suo ammirato Lev Ivánovich Yashin, “La Araña Negra”, il Ragno Nero, portiere leggendario della Dinamo Mosca e della nazionale dell’Unione Sovietica.

Il famoso rigore di Pelé

Anche, e fondamentalmente, come il portiere argentino a cui Pelé aveva segnato il suo millesimo gol.

Tuttavia, nel febbraio 2008, la dichiarazione di un membro della task force dedicata alla repressione illegale durante l’ultima dittatura argentina, ha fatto uscire per la prima volta il nome di Edgardo Andrada dalle pagine sportive dei giornali.

“El Gato Andrada faceva parte dei commandos che rapivano le persone a Rosario” ha raccontato Eduardo Costanzo al giudice Carlos Villafuerte Ruzo quando era sotto processo per crimini contro l’umanità.

Edgardo Norberto Andrada è nato a Rosario il 2 gennaio 1939. Tifoso del Rosario Central, ha iniziato a giocare nelle giovanili del club nel 1957. Si è distinto per la sua inusuale agilità, che lo ha reso un portiere efficace nonostante la bassa statura. Scendeva in campo vestito di nero nel suo desiderio di emulare Yashin.

Ha debuttato in prima squadra il 15 maggio 1960, contro il Racing in una partita dove ha incassato due gol. Da allora e per nove stagioni è stato il portiere indiscusso della squadra. Le statistiche registrano che ha giocato 284 partite con il Rosario Central, subendo 208 gol.

Nel maggio del 1969 il Rosario Central lo vende al Vasco da Gama, dove pochi mesi dopo subirà il millesimo gol di Pelé. Con la squadra brasiliana riuscì a vincere entrambi i titoli della sua carriera: il Carioca del 1970 e il campionato brasiliano del 1974. Lasciò la squadra nel 1975, quando era considerato uno dei migliori portieri della storia del club.

1975, nel Vasco da Gama

L’anno successivo ha giocato una stagione per l’Esporte Clube Vitória in Brasile e nel 1977 è tornato in Argentina per difendere la porta del Colón de Santa Fe, dove ha giocato fino al 1979.

Poi il Renato Cesarini, squadra con cui giocò nel 1982. Decise quindi di appendere gli scarpini al chiodo. Aveva 43 anni e una carriera sportiva di cui andare fiero.

Siamo nel 1976 e Andrada gioca nel club brasiliano del Vitória

È tornato al suo amato Rosario Central per lavorare con le divisioni inferiori del club. A quel punto aveva già un altro “lavoro”, come personale civile dell’intelligence dell’Esercito (PCI), rimasto a lungo nell’ombra.

“Facevi parte dell’Esercito?” gli domandò il giornalista Nicolás Lovaisa nel febbraio 2008.

“Sì, ero nell’esercito, ma non così. Ci sono cose di cui non si può parlare, è così” rispose Andrada.

Il “non così” dell’ex portiere si riferiva all’accusa di aver fatto parte di una task force che agì a Rosario e di aver partecipato al rapimento dei militanti peronisti Osvaldo Cambiaso ed Eduardo Pereira Rossi il 14 maggio 1983, quando la dittatura stava per finire.

Dal 1977 all’82 giocò nel Club Atlético Colón

Secondo il fascicolo dell’Esercito, Edgardo Andrada si è arruolato come personale civile dell’intelligence il 25 agosto 1981 – quando ancora giocava a calcio per il Renato Cesarini – e ha ricevuto lo pseudonimo di Eduardo Néstor Antelo. I rapporti indicavano anche la sua posizione: “Agente S”.

Sulla copertina di sulla copertina di “El Gráfico”

Lì si afferma che ha fatto parte del Distaccamento 121 dell’intelligence dell’Esercito come personale civile tra il 1981 e l’anno 2000. È arrivato raccomandazione del tenente colonnello Jorge Roberto Diab.

Nel fascicolo di Andrada si legge: “Il 25 agosto 1981 lo presentò il tenente colonnello Jorge Roberto Diab dei Servizi segreti dell’Esercito. Lo conosceva dal 1975 come amico. Andrada giura di mantenere lealtà e fedeltà al paese e di mantenere il segreto più assoluto nell’adempimento dei suoi doveri e compiti davanti a Luis Américo Muñoz il 1 marzo 1982”.

Prima della sua ammissione definitiva, vennero valutate le capacità. Nelle “Conclusioni” del rapporto, datate 27 ottobre 1981, il tenente colonnello César Ariel Volpe sottolinea: “Con una predisposizione naturale e/o acquisita ad essere fonte di investigazioni e/o agente d’incontro in ambito politico”.

I militanti peronisti Osvaldo Cambiaso ed Eduardo Pereira Rossi

Un altro rapporto interno, in cui il capitano Víctor Hugo Rodríguez valuta la sua prestazione tra maggio e ottobre 2003, afferma: “La sua figura di ex portiere del Rosario Central, suscita adesioni e fiducia, soprattutto nei quartieri popolari, che facilitano la sua penetrazione nell’obiettivo imposto. Sebbene la sua età superi il limite stabilito, il suo potenziale di penetrazione e le sue capacità personali rendono estremamente vantaggiosa la sua integrazione in questa unità, giustificando la proposta per la sua nomina (…) Ha una rete variegata di informatori. Lavora con dedizione esclusiva”.

Nella sua dichiarazione del febbraio 2008 davanti al giudice Carlos Villafuerte Ruzo, il repressore Eduardo Costanzo non solo ha sottolineato che Andrada era un membro civile dell’intelligence dell’Esercito, ma ha anche affermato di aver partecipato all’operazione che si è conclusa con la scomparsa e la morte dei militanti peronisti Osvaldo Cambiaso ed Eduardo Pereira Rossi il 14 maggio 1983.

1981, nel Renato Cesarini

Quel giorno Cambiaso e Pereira Rossi si sono incontrati al Bar Magnum, all’angolo tra le vie Córdoba e Ovidio Lagos, a Rosario. Erano lì solo da pochi minuti quando un commando è entrato nel locale e li ha portati via sotto la minaccia delle armi. I loro corpi crivellati di proiettili apparvero tre giorni dopo nella città di Zárate, nella provincia di Buenos Aires.

Il giorno dopo, il Ministero dell’Interno e la Polizia della Provincia di Buenos Aires hanno riferito in due dichiarazioni quasi identiche che Pereira Rossi e Cambiaso erano stati “uccisi in uno scontro” con la Polizia del Comando Radioelettrico dell’area dell’Unità Tigre.

L’evento sconvolse l’opinione pubblica, perché, alla fine della dittatura, fu riproposta la vecchia metodologia dei sequestri e degli omicidi camuffati da scontri con cui il piano sistematico della sparizione delle persone cercava di coprire la politica di annientamento della repressione illegale.

Le perizie effettuate sui corpi hanno mostrato che i due militanti peronisti erano stati picchiati e torturati con pungoli elettrici prima di essere fucilati a bruciapelo.

Nel caso furono coinvolti l’allora principale ufficiale della provincia di Buenos Aires Luis Abelardo Patti e i sottufficiali Juan Amadeo Spataro e Rodolfo Diégez.

Ci sono voluti 33 anni, fino al maggio 2016, perché la Corte federale n. 2 di Rosario condannasse Patty e Spataro all’ergastolo in quanto coautori materiali dei reati di illecita privazione della libertà, tortura e omicidio, in tutti i due casi. Ha condannato Pascual Guerriere, che all’epoca era capo del Distaccamento 121 dell’intelligence dell’Esercito a Rosario, e il suo vice, Luis Américo Muñoz, come coautori di quegli stessi crimini.

Nel processo, diversi colleghi di Andrada nel Distaccamento di intelligence 121 di Rosario furono assolti, inclusi gli agenti civili Juan Andrés Cabrera, Ariel Antonio López, Walter Dionisio Salvador Pagano e Carlos Antonio Sfulcini.

Dopo la denuncia del repressore Costanzo, Edgardo El Gato Andrada ha impiegato tre anni per testimoniare davanti al giudice Villafuerte Ruzo. Nella sua dichiarazione, ha affermato di aver aver prestato servizio nel Dipartimento 121 dell’intelligence dell’Esercito come agente civile, ma di non aver mai partecipato alla repressione illegale.

Non ha mai voluto parlare pubblicamente dell’argomento, salvo sporadiche affermazioni quando veniva sorpreso da una domanda. L’unica volta che ha elaborato è stato davanti al giornalista Nicolás Lovaisa, poco dopo che la denuncia è stata resa nota.

Il dialogo è stato riprodotto da Diario Uno e Lovaisa lo ha successivamente inserito nel suo libro “Tiempo recuperado”:

Da “Tiempo recuperado”

“Non voglio parlare”  iniziò Andrada.

“Ti sto dando la possibilità di dirmi quello che vuoi” insistette il giornalista.

“Ma io non voglio parlare, perché quello che dici non è vero”.

“Sei andato in pensione come membro dei servizi segreti?”

“No”.

“Facevi parte dell’Esercito?”

“Sì, ero nell’esercito, ma non così. Ci sono cose di cui non puoi parlare, ecco com’è”.

“Perché non si può?”

“Perché non posso continuare a fare brodo grasso. Se la giustizia mi chiamerà a testimoniare, andrò, ma Costanzo mente. Ha coinvolto tutti. Prima diceva che la gente si tuffava in mare, dopo non…”.

“Conosci Costanzo allora?”

“No, e non voglio più parlare ragazzo”.

“Eri un funzionario in una dittatura?”

“Chi io? Non scherzare, dimenticalo, va tutto bene, va tutto bene”.

Edgardo El Gato  Andrada non è mai stato processato per la sua partecipazione al Distaccamento 121 dell’intelligence dell’Esercito.

Morì il 3 settembre 2019, all’età di 80 anni. Nei necrologi veniva ricordato come il portiere che incassò il suo millesimo gol contro Pelé, ma anche per il suo oscuro passato di “Agente S” dell’intelligence durante la dittatura.

Mario Bocchio

Condividi su: