La tregua. Gioca Pelé
Ott 23, 2022

Correva l’anno 1967 e in Nigeria era scoppiata una brutale guerra civile tra il governo federale e lo stato della Repubblica del Biafra, situato lungo la costa sud-orientale del Paese. Il popolo Igbo del Biafra sentiva che il governo federale, influenzato dal nord, non rappresentava più le loro aspirazioni e quindi cercava di separarsi.

Yakubu Gowon al governo della Nigeria. Dal 2015, a lui è intitolato l’ex “Liberation Stadium” di Elekahia, vicino Port Harcourt, un tempo una città della Repubblica secessionista del Biafra

Ciò che seguì furono tre anni di violenze e carestie in tutta la Nigeria. In un paese di oltre 60 milioni di persone, composto da oltre 300 diversi gruppi etnici e culturali, trovare un terreno comune come mezzo per porre fine a tali atrocità non è stato un compito facile. Cioè, finché non è arrivato Pelé.

Immagini della guerra civile, i militari nelle strade

Edson Arantes do Nascimento, più spesso conosciuto come Pelé, non ha bisogno di presentazioni, come ha notato l’ex presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan quando si è presentato dicendo: “Sono Ronald Reagan, presidente degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è bisogno di presentarsi, perché tutti sanno chi è Pelé”. Era il 1982, anni dopo che Pelé era stato indicato per la prima volta come il “miglior calciatore della storia” e circa quindici anni dopo la sua apparizione in Nigeria con la sua squadra di club, il Santos, quando aveva messo a tacere i campi di battaglia per 48 ore.

Pelé al “Lagos City Stadium”

Nel 1969 , il brasiliano era il volto del “bello sport”, una frase da lui coniata. Aveva già vinto due Mondiali con il Brasile ed era sulla buona strada per il terzo. Come risultato della sua popolarità globale, il Santos decise di intraprendere un tour mondiale, sfruttando appieno il fatto che non c’era un solo tifoso di calcio al mondo che non si sarebbe meravigliato dell’opportunità di vederlo giocare. Nel gennaio del 1969 , il loro tour era arrivato in Africa, con partite in programma in Congo, Mozambico, Ghana, Algeria e Nigeria.

Congo e Santos posano insieme prima della partita

Il 26 gennaio 1969 , quando il Santos sbarcò in Nigeria per la partita contro la nazionale nigeriana, nota come Green Eagles, le due fazioni in guerra concordarono che era necessario un cessate il fuoco di 48 ore. Inoltre, le persone responsabili dell’incolumità dei partecipanti erano gli ufficiali militari di entrambe le parti, in fila attorno al Lagos City Stadium, armi in mano, fianco a fianco, con l’obiettivo di proteggere tutti gli spettatori indipendentemente dalla loro appartenenza etnica o politica. In altre parole, tutti coloro che hanno assistito a quella partita avevano in mente un solo obiettivo, godersi novanta minuti di bel calcio con amici e sconosciuti allo stesso modo. Non ci sono state violenze allo stadio, nessun arresto, solo tifosi accomunati da una passione condivisa.

Pelé anni ritornò altre volte in Nigeria: eccolo nel ’78 a Kaduna allo stadio “Ahmadu Bello”, contro il Raccah Rovers di Kano. “O Rei” è ritratto con Baba Otu Muhammad e Dele Muhammad

È successo tutto questo. La folla ha festeggiato quando la partita si è conclusa con un pareggio, con Pelé che ha segnato due gol per il Santos, entrambi accolti dagli applausi dello stadio. Il Santos è decollato per la partita successiva e, nel giro di pochi giorni, ripresero i combattimenti tra il governo nigeriano ei soldati del Biafra. Eppure erano stati Pelé e la sua padronanza del bellissimo gioco che aveva, anche se temporaneamente, unito a tifosi di diversa estrazione e mentalità, a fornire ai militari un assaggio di pace in un periodo altrimenti oscuro e deprimente della storia.

Il calcio ha il potere di stabilire amicizie, consentire di creare fiducia e contribuire a uno stile di vita sano. Ma ha anche la capacità persuasiva di convincere i soldati a mettere giù le pistole e radunarsi con presunti nemici per celebrare un artista atletico, un campione come Pelé, che ci ricorda che, anche nei momenti difficili, la bellezza persiste.

Mario Bocchio

Condividi su: