Il Banco di Napoli
Lug 21, 2022

I club italiani hanno battuto il record mondiale di quote di trasferimento 18 volte nell’era moderna, più di qualsiasi altro Paese. Durante gli anni d’oro della Serie A tra il 1987 e il 1992, Juventus e Milan sembravano essere in un campionato a parte, battendosi l’un l’altro cinque volte.

Hasse Jeppson durante la sua militanza nel Djurgården

L’elenco dei giocatori che hanno subìto trasferimenti record mondiali che coinvolgono club di Serie A include stelle assolute come Diego Maradona, Roberto Baggio, Ruud Gullit e Ronaldo. In questa lista il nome di Hans Hasse Jeppson è ormai conosciuto da pochissimi tifosi di calcio, anche se il giocatore è stato un pioniere. È stato questo attaccante svedese a mettere in moto le ruote della spesa folle quando il Napoli ha sborsato una cifra esorbitante per ingaggiarlo dall’Atalanta.

Jeppson con la azionale svedese

Jeppson è nato il 10 maggio 1925 a Kungsbacka, in Svezia. Ha iniziato la sua carriera con il club locale, il Kungsbacka IF,  prima di entrare a far parte dell’ Örgryte con sede a Göteborg nel 1946. Una curiosa catena di eventi lo portò ad un punto di svolta nella sua carriera. Il Djurgårdens era stato retrocesso dalla massima serie nel 1948 e dopo la fine della stagione la squadra andò in tournée in Islanda, Stati Uniti e Canada. Jeppson è stato incluso come parte del gruppo in tournée gran parte grazie al suo record di aver segnato 48 gol in 30 partite con l’ Örgryte.

In modo affascinante, Djurgårdens ha preso parte a quello che potrebbe essere facilmente definito come un precursore delle amichevoli dell’era moderna giocate negli Stati Uniti, affrontando il Liverpool a Brooklyn. Il Liverpool schierò il leggendario Billy Liddell e vinse 3-2, ma Jeppson impressionò, segnando entrambi i gol. Le sue 21 srealizzazioni durante il tour convinsero la dirigenza dei Djurgårdens ad arruolarlo per la stagione 1948-‘49.

Nel campionato inglese

Sotto gli occhi attenti dell’allenatore Per Kaufeldt, lui stesso un ex attaccante fuoriclasse e capocannoniere di tutti i tempi dell’AIK, Jeppson è diventato uno dei marcatori più letali in Svezia. Nelle sue tre stagioni con il Djurgårdens, Jeppson ha segnato ben 58 volte in 51 partite, vincendo il premio di capocannoniere dell’Allsvenskan nel 1951 con 17 gol. La sua abilità nel segnare gli è valsa presto il soprannome di Hasse Goldenfoot venendo  indicato come il successore naturale di Gunnar Nordahl nella nazionale.

Nell’Atalanta

Jeppson aveva debuttato per il suo paese nel 1949, segnando una volta quando la Svezia aveva siglato una storica vittoria per 3-1 sull’Inghilterra costellata di stelle. Ben presto ebbe un assaggio del grande palcoscenico partecipando ai Mondiali del 1950. La Svezia arrivò alla Coppa del Mondo come una squadra da tenere d’occhio grazie a una brillante prestazione alle Olimpiadi due anni prima. Tuttavia, la Svezia aveva anche perso una serie di giocatori tra cui Nordahl e Nils Liedholm a causa delle regole che affermavano che solo i dilettanti potevano rappresentare la Svezia. Imperterrito, l’allenatore George Rayner ha preparato duramente la squadra, concentrandosi soprattutto sulla finitura di Jeppson e trasformandolo in un attaccante più cinico.

I loro primi avversari nel Gruppo 3 furono i campioni in carica, l’Italia. Gli Azzurri stavano ancora vacillando per lo shock di Superga, ma avevano comunque una squadra abbastanza forte e andarono in vantaggio per 1-0 dopo soli sette minuti. Al 25′ Jeppson segnò l’ 1-1 e Sune Andersson aggiunse un altro gol per assicurare il vantaggio degli scandinavi all’intervallo. A ventitré minuti dall’inizio del secondo tempo Jeppson realizzò il suo secondo centro, un perfetto gol da bracconiere per suggellare una famosa vittoria. Anche se non mise più a segno nessun gol dopo la doppietta di apertura, Jeppson giocò altre tre partite in Coppa del Mondo, aiutando il suo paese a finire terzo.

Jeppson in acrobazia con la maglia del Napoli a metà anni cinquanta

Jeppson era già una star dell’Allsvenskan e nel 1951 ebbe la sua prima possibilità di stupire gli spettatori di un campionato straniero. Mentre studiava inglese a Londra andò a vedere una partita tra Charlton Athletic e Blackpool sperando di intravedere Stanley Matthews. Il Charlton, che era profondamente coinvolto nella battaglia per la retrocessione, chiese a Jeppson di indossare la sua maglia, diventando così il secondo giocatore svedese a militare in un club inglese. Ci sono diverse storie su come Jeppson sia finito al Charlton, una delle quali dice che in realtà avrebbe voluto andare all’     Arsenal, ma l’iconico allenatore degli Jimmy Seed lo contattò, lo portò a pranzo al Savoy’s prima di convincerlo a dire di sì al Charlton. Indipendentemente da cosa in realtà era accaduto, quello che seguì fu uno dei cammei più straordinari mai visti.

Jeppson esordì contro i rivali per la retrocessione, lo Sheffield, regalando il successo  all’89’. Hasse Goldenfoot non aveva mai giocato a calcio per club al di fuori della Svezia, ma mostrò poca o nessuna considerazione per i rigori del calcio inglese. Il suo gol d’esordio fu seguito dalle reti decisive contro Liverpool, Stoke City e  Chelsea e dalla doppietta contro il Wolverhampton Wanderers, assicurando così la sicurezza al Charlton. La sua prestazione più straordinaria in Inghilterra coincise con una delle più grandi partite nella storia del Charlton: fu il 24 febbraio 1951. Jeppson segnò una fantastica tripletta per consolidare la vittoria per 5-2 sull’Arsenal. Fu la peggiore sconfitta casalinga dei Gunners dal 1928.

Con un totale di 9 gol in 11 partite nonostante fosse part-time, Jeppson lasciò l’Inghilterra da eroe, portando con sè una serie di regali ricevuti dai tifosi e dal club: un servizio da tavola, mazze da golf e un trofeo a ricordo. Giocò il resto della stagione per il Djurgården, ma presto avrebbe fatto il grande salto e avrebbe seguito la strada che molti dei suoi connazionali avevano già intrapreso.

L’esordio in Italia contro il Como

Dopo sette giornate, l’Atalanta era in gravi difficoltà nella stagione 1951-‘52 di Serie A. Era terzultima e aveva già subito l’umiliazione di una batosta per 7-1 da parte della Juventus. L’Italia pullulava di giocatori danesi e svedesi in quel momento, da star come Gre-No-Li (Gunnar Gren, Gunnar Nordahl e Nils Liedholm al Milan), John Hansen (Juventus) e Lennart Skoglund (Internazionale) a nomi meno noti come Axel Pilastro a Bologna. Jeppson era già famoso in Italia grazie ai suoi exploit in Coppa del Mondo e accettò la sostanziosa offerta di 220.000 corone svedesi per firmare per l’Atalanta. La sua decisione di diventare professionista pose fine alla sua carriera in nazionale, in cui aveva già segnato 9 gol in 12 partite.

Come con il Charlton, Jeppson fece ancora una volta un ottimo inizio con il suo nuovo club. Il gol all’esordio contro il Como il 28 ottobre 1951 fu seguito dalla rete all’86’ contro la Sampdoria, un altro gol in casa della Fiorentina e il centro del pareggio all’80’ per ottenere un punto a Legnano. Jeppson rapidamente strinse una forte partnership con l’attaccante danese Jørgen Leschly Sørensen e, spinta dai gol del duo, l’Atalanta scalò la classifica.

Jeppson continuò la sua devastante performance per tutta la stagione e trovò regolarmente la via del gol anche contro illustri avversari del calibro di Milan, Fiorentina, Torino e Lazio. Mentre la stagione volgeva al termine, lanciò un’ultima, valorosa offensiva per scalare la classifica dei capocannonieri, segnando quattro gol nel 7-1 sulla Triestina e altri tre nella vittoria per 5-0 sul Torino.

1963, insieme ad Achille Lauro

Jeppson concluse la sua stagione con 22 gol in 27 partite, il quarto totale più alto del campionato. Il suo fu un record notevole considerando che aveva saltato i primi sette turni e tutti gli altri giocatori nella top five provenivano o dalla Juventus o dai giganti del Milan. Lo svedese ebbe la meglio anche su stelle come Giampiero Boniperti e il veterano Silvio Piola. Venne, come detto, abilmente assistito da Sørensen, che a sua volta segnò dieci reti. Entrambi contribuirono ad aiutare La Dea a guadagnare un rispettabile piazzamento a metà classifica. La sua prestazione con l’Atalanta significò che era ancora una volta pronto per spiccare il volo, questa volta al Napoli.

Jeppson aveva fatto benissimo durante la sua prima stagione con l’Atalanta. Quando l’Italia iniziò una miracolosa ripresa economica dopo gli orrori della seconda guerra mondiale, Achille Lauro divenne una delle figure più importanti della penisola. Lauro aveva forti legami fascisti che lo portarono a diventare presidente del Napoli per la prima volta nel 1936. Nel dopoguerra divenne uno dei principali politici partenopei e un uomo d’affari di grande successo grazie alla sua compagnia di navigazione Flotta Lauro. The Commander era in corsa per la carica di sindaco di Napoli e, conoscendo l’incredibile peso che la squadra di calcio aveva sulla città, decise di finanziarla proprio per aiutare la sua campagna elettorale. A rafforzare la squadra arrivò dalla Fiorentina l’esterno destro Giancarlo Vitali e, per la fascia sinistra, Bruno Pesaola venne acquistato dal Novara.

Il Napoli del tandem Jeppson- Vinício 

Sia Vitali che Pesaola erano giocatori esperti di Serie A e avrebbero finito per avere una carriera lunga e fruttuosa nel Napoli, ma Lauro aveva ancora bisogno di assoldare una stella. Si concentrò su Jeppson, che aveva già iniziato ad attirare corteggiatori. Ne seguì una guerra di offerte con l’Inter che si concluse quando il Napoli sborsò ben 105 milioni di lire (75 all’Atalanta, 30 al giocatore) per i servizi del giocatore. Con questo trasferimento, il nome di Jeppson è entrato nei libri di storia. È stato il primo giocatore per il quale un club di Serie A ha battuto il record di trasferimenti. È stato anche il primo giocatore nell’Europa continentale a farlo: ogni record di trasferimenti europei prima di allora aveva coinvolto solo club britannici. In generale è stato il secondo giocatore non britannico a battere il record dopo il trasferimento dell’argentino Bernabe Ferreyra dal Tigre al River Plate nel 1932.

Jeppson era infatuato del Napoli e commentò: “Quando ho visto Napoli sono rimasto incantato. Aveva l’odore del mare che mi ha riportato all’infanzia, quando ero sugli scogli di Kungsbacka”. Dopo la sua mossa da record si guadagnò un nuovo soprannome: ‘O Banco ‘e Napule (Il Banco di Napoli). Indicati come contendenti al titolo, i giocatori e l’allenatore del Napoli Eraldo Monzeglio fecero fatica a far fronte alla pressione e furono lenti a uscire dai blocchi. Jeppson non ebbe un inizio facile come aveva fatto con i club precedenti e non riuscì a combinarsi correttamente con il suo compagno d’attacco, il veterano della Serie A Amadeo Amadei. Inizò a carburare ad ottobre, tirando fuori il sangue contro l’Inter a San Siro, anche se il Napoli venne battuto 5-1.

La domenica dopo  Jeppson portò ancora una volta il Napoli in vantaggio contro la Lazio, ma un crollo nel secondo tempo portò i partenopei a perdere 2-1. La spinta al titolo del Napoli presto perse vigore e il morale dei giocatori crollò, mentre un Lauro sempre più arrabbiato chiedeva risultati migliori. Anche l’attaccante stellare non era all’altezza della fatturazione del giocatore più costoso del mondo. Segnò contro pesi massimi come Juventus, Roma, Fiorentina, Inter e Lazio, ma scomparve contro squadre minori. Il Napoli alla fine arrivò quarto, Jeppson fu il capocannoniere del club, anche se 14 gol furono un piccolo ritorno per il suo prezzo.

Sostenuti dall’arrivo del portiere Ottavio Bugatti, il Napoli e Jeppson iniziarono l’annata 1953-‘54 con spavalderia. Le vittorie su Palermo e Torino furono seguite da un brillante 6-3 ai danni dell’Atalanta. Jeppson fu spietato contro il suo vecchio club, saccheggiandolo con quattro gol. Tre settimane dopo, lo svedese segnò una volta per tempo quando il Napoli vinse 4-0 sulla Lazio a Roma. Nonostante un buon inizio, tuttavia, la campagna del Napoli venne ancora una volta ostacolata dall’incoerenza e alla fine ci fu solo la quinta piazza. Per Hasse Goldenfoot, questa stagione sancì un record personale in quanto segnò 20 reti, finendo appena dietro a Nordahl nella corsa per il titolo di capocannoniere. Uno dei momenti salienti della sua stagione arrivò contro l’aspra rivale, la Juventus, all’ultima giornata. La Juve andò in vantaggio due volte, il pubblico vide Jeppson cancellare il gap ogni volta. Poi, a 15 minuti dalla fine, John Hansen mise a segno il terzo gol decisivo della Juve.

Jeppson venne benedetto con la maggior parte degli attributi che hanno definito un buon centravanti negli anni ’50. Era forte nell’area, fisicamente agile e tecnicamente dotato. Ciò che gli mancava era la penetrazione di Nordahl o la finitura accurata di Hansen. In effetti, mentre a volte segnava brillanti gol individuali, Jeppson era noto anche per aver fallito occasioni facili. Nonostante le sue mancanze, era un giocatore popolare tra i fedeli del Napoli grazie al suo bell’aspetto e al suo talento naturale. Era anche un abile tennista, un tempo classificato nella top ten svedese, un appassionato studente di economia e un beniamino dei circoli sociali napoletani. La sua popolarità lo ha visto protagonista del film Brudar och bollar eller Snurren i Neapel, insieme a Skoglund e Gunnar Gren.

“Mister 105” con la maglia del Torino

Quando compì 30 anni e iniziò la sua terza stagione al Napoli, divenne presto chiaro che Jeppson era in declino. Ha saltato gran parte della stagione a causa di un infortunio quando il Napoli scivolò giù dalla classifica. Litigò con Lauro, che aveva accusato lo svedese di essere pigro, e si diceva che una relazione extraconiugale lo avesse privato della concentrazione. Tornò a fine stagione, contribuì  a mettere a fil di spada entrambi i club romani, ma potè fare poco per evitare che la sua squadra finisse sesta.

Il suo contratto con il Napoli stava per scadere e Jeppson era in trattative con l’Inter per un cambio. Lauro, nonostante fosse disincantato, non voleva venderlo e decise di dare un’ultima spinta alla squadra ingaggiando l’attaccante brasiliano Luís Vinício. Tuttavia, tutte le speranze che i due partissero con il piede giusto furono messe a tacere il 10 settembre 1955. Jeppson, presumibilmente di ritorno da un incontro con i funzionari dell’Inter, subì un terribile incidente quando la sua Alfa Romeo si schiantò. Il suo autista morì e lui rimase ferito, ritardando il suo inizio per la stagione 1955-‘56.

Una vittoria per 8-1 sulla Pro Patria, il più grande margine di vittoria del Napoli in casa fino ad oggi, dove Jeppson segnò una doppietta e Vinício una tripletta, si rivelò una falsa alba. Jeppson e il Napoli si erano disinnamorati. Sebbene uno dei suoi gol abbia assicurato la vittoria in trasferta sulla Juve, Hasse incamerò solo sette gol, fu la sua stagione meno produttiva in Italia. Il grande piano di Lauro per il dominio della Serie A si era schiantato e bruciato in modo spettacolare con il Napoli che era arrivato 14°. Vinício fu il capocannoniere del club e, inevitabilmente, Jeppson venne spedito al Torino.

Al limite del ritiro, i suoi numeri in maglia granata furono abbastanza buoni: otto gol in 19 partite. Sempre marcatore nelle grandi occasioni, Jeppson trovò puntualmente la rete contro Milan e Roma. Per i tifosi granata la sua più grande prestazione arrivò nel Derby della Mole quella stagione, quando segnò una doppietta in un netto 4-1. Poeticamente, il suo ultimo gol in assoluto in Serie A arrivò contro il Napoli.

Il record di Jeppson in Serie A di 82 gol in 151 partite è stato encomiabile, anche se non paragonabile agli incredibili livelli di Nordahl o Hansen. La sua capacità di trovare la via della rete contro le migliori squadre fu fantastica e in qualche modo compensò la sua incoerenza.

Retrospettivamente si potrebbe sostenere che non è stato all’altezza della fatturazione del calciatore più costoso del mondo. È anche vero che il suo trasferimento è stato uno dei primi casi dell’ormai comune fenomeno di aumento del prezzo da parte di più club in competizione per un calciatore. Tuttavia, è rimasto una figura popolare tra i fans del Charlton e del Napoli fino alla sua morte, avvenuta il 22 febbraio 2013.

Jeppson è stato inserito nella Hall of Fame del calcio svedese nel 2009. Un anno prima, aveva rivisitato il San Paolo e aveva assistito a una partita seduto tra i tifoi che cantavano il suo nome. Forse, per qualche istante, il vecchio ingrigito è stato trasportato indietro ai tempi in cui era conosciuto come Il Banco di Napoli.

Mario Bocchio

Condividi su: