Stakhanovets o minatori di carbone?
Mar 15, 2022

La data di fondazione dello Shakhtar Donetsk è considerata il giorno della prima partita del campionato dell’URSS, il 24 maggio 1936. A Kazan, la locale Dynamo ospitò lo Stalino. Prima di allora, c’erano due squadre forti nel Donbass: il  Gorlovka e la Dinamo di Stalin. Per creare una squadra per il campionato dell’URSS, decisero di unirsi.

La storia ufficiale dello Shakhtar Donetsk dice che il primo nome della squadra era Stakhanovets. Ma almeno per i primi mesi, la squadra aveva ufficialmente un nome diverso: Minatori di carbone. Inoltre, questa squadra non aveva sede nella città di Stalino (ora Donetsk), ma a Gorlovka. Il motivo è semplice: nel centro regionale a quel tempo non esisteva uno stadio adatto per lo svolgimento di competizioni ad un certo livello.

Dynamo Donbass. 1934. Da sinistra a destra: Doshchechkin, Liventsev, Manov, Naumov, Shkurov, Boychenko, Razdorozhnyuk, Sychev, Krynin, Konstantinidi, Zakutsky, Feruzo, Klimenko, Omelchenko, Terentyev

Nel 1936 si decise di disputare il campionato dell’URSS tra squadre di club. Ne furono ammesse 27 da tutte le repubbliche dell’Unione. Le squadre vennero divise per caratura in quattro gironi: “A”, “B”, “C” e “D”. L’elenco dei partecipanti al torneo e la composizione dei gruppi furono determinati sulla base di vari tornei repubblicani, regionali e di altro tipo degli anni precedenti, compresi quelli con uno status solo semiufficiale. Uno di questi tornei era il campionato dell’URSS tra le squadre combinate di città, a cui partecipava anche la squadra della città di Stalino, composta dai migliori rappresentanti delle squadre regionali. Era questa la selezione che, per molti versi, viene considerata il prototipo dell’attuale Shakhtar Donetsk, ma formalmente non sono in alcun modo collegati.

La Dynamo Stalino nel ’34

Tuttavia, durante la formazione dell’elenco dei partecipanti al primo campionato per club dell’URSS, un posto nel gruppo “B” è stato assegnato al rappresentante del Donbass. A quel tempo, le squadre più forti della regione, come detto, erano due: la Dynamo Stalino e il Gorlovka.

Il 9 aprile 1936, il quotidiano regionale “Socialist Donbass” pubblicò la decisione del Consiglio di educazione fisica di tutta l’Unione (datata 3 aprile 1936) di creare una squadra nel centro della regione mineraria. Meno di un mese dopo, la nuova squadra Stakhanovets giocò la sua prima partita!

Il quotidiano “Socialist Donbass” del 9 aprile 1936: “Con decisione del Comitato sportivo dell’URSS, a Stalino si sta formando una squadra esemplare di calciatori. La squadra includerà i 22 migliori giocatori del Donbass. I giocatori verranno rilasciati dal lavoro in produzione. Un allenatore speciale è invitato a migliorare la qualità del gioco dei giocatori”.

In seguito venne presentata una domanda per la partecipazione al campionato della squadra Minatori di carbone (il nome Stakhanovets è apparso poco dopo). La squadra di minatori di carbone del Donbass entrò a far parte del gruppo “B”. Le squadre di Rostov sul Don, Baku, Odessa, Kazan, Tiflis (Tbilisi), Kharkov e Kyiv divennero le rivali dei calciatori di Donetsk.

Stakhanovets, 1937

Com’è possibile che la squadra sia stata creata in così pochi giorni? La risposta a questa domanda è fornita da un articolo di un autore sconosciuto sul quotidiano “Socialist Donbass” in cui informava i lettori con palese gioia che il “compagno Naumov” stava tornando a Stalino, dopo aver trascorso il 1935 nella Dinamo Dnepropetrovsk.

Nonostante la sua giovinezza – solo 27 anni, Nikolai Naumov aveva una grande autorità nei circoli calcistici del Donbass. Giocatore della nazionale ucraina, partecipante a incontri internazionali con squadre di Austria, Germania, Inghilterra, Spagna, ha fatto nel più breve tempo possibile ciò che né il partito né le autorità sportive potevano compiere. E allo stesso tempo lui stesso è diventato sia il capitano che l’allenatore della squadra

Se chiedete ai fan dello Shakhtar di oggi chi è Naumov, solo pochi sapranno rispondere con certezza. Nel frattempo, lo Shakhtar deve la sua nascita in larga misura a lui, a Nikolai Grigoryevich Naumov.

Lavorava come addetto alle caldaie nello stabilimento intitolato al 15° anniversario del Komsomol e divenne un membro della squadra di fabbrica. Nella primavera del 1930, Nikolai Naumov ricevette un invito dall’allora più forte squadra del Donbass, la Dynamo. Il giovane centravanti granatiere (altezza oltre 180 cm) ha impiegato un anno per adattarsi. Nel 1931 i compagni lo elessero capitano della squadra. A quel tempo, era molto più di un giocatore di football con una benda sulla manica. Il capitano è diventato non solo il leader sul campo di calcio, ma ha anche agito come allenatore, amministratore, medico, ecc.

Lo stadio nel 1936

Naumov è entrato nelle squadre nazionali del Donbass e dell’Ucraina, ha giocato contro calciatori stranieri, ha partecipato ai campionati della repubblica e dell’URSS. Nel 1935, il suo compagno di squadra Viktor Shilovsky, che si trasferì a Dnepropetrovsk, invitò lì Naumov. Di conseguenza, la squadra della città sul Dnepr si laureò campione dell’Ucraina e vinse il secondo gruppo del campionato dell’URSS. Ma non appena fu necessario l’aiuto di Naumov nella sua città natale, tornò immediatamente a Stalino e iniziò a creare una nuova squadra.

La spina dorsale della nuova squadra era la Dynamo di Gorlovka e la Dynamo di Stalino. È interessante notare che la nuova squadra non ha usato un nome comune. È possibile che in questo caso tutto la Diynamo di Stalino abbia assorbito il Gorlovka. Ma non fu così.

L’elenco dei 22 giocatori includeva il portiere Sergei Razdorozhnyuk, i giocatori Mikhail Boychenko, Georgy Kostantinovsky, Nikolai Naumov, Nikolai Terentyev (rappresentanti della Dynamo di Stalin), ma i tre (!) fratelli Manov (Vasily, Sergey e Fedor), Boris Terentyev , Adam Korotynsky, Konstantin e Mikhail Pashchenko, Alexander Ponomarev provenivano dalla Dynamo (Gorlovka). Altri due giocatori rappresentavano il Konstantinovskiy Metalist: Petr Primenko e Nikolai Kononenko, mentre Vasily Glazkov proveniva dalla Dynamo Rostov.

Non si sa con certezza dove abbia giocato il resto dei giocatori prima, ma questo basta per capire com’era questa squadra. Nonostante il numero superiore di giocatori di Gorlovka nel nuovo club, gli atleti stalinisti della Dynamo erano i giocatori “di base”, quindi non si può sostenere che i Minatori di carbone siano gli eredi diretti della squadra della Dynamo Gorlovka. Era una squadra completamente diversa, formata dai migliori talenti calcistici della zona.

Mario Bocchio

continua

Foto sotto il titolo: i “Minatori”giocano nel loro stadio di casa a Horlivka. Un fatto interessante: non ci sono numeri sulla schiena dei giocatori, appariranno solo nel 1939

Condividi su: