Un eroe del suo tempo
Mar 1, 2022

L’esito delle partite di oggi è praticamente deciso da quelle squadre che hanno i proprietari più ricchi. In un momento in cui il calcio probabilmente non è mai stato una competizione così sleale, è bene ricordare una parte essenziale di ciò che lo rende speciale per noi a prescindere dai trofei, dai campionati e dai club: le storie individuali. Racconti di personaggi unici di cui conosciamo l’esistenza esclusivamente grazie al linguaggio universale del calcio e che giocano un ruolo decisivo nel nostro sviluppo personale. A volte, questi personaggi del calcio continuano persino a diventare testamenti di una particolare società, in una particolare regione, durante una particolare epoca.

Petar Borota era uno di quei personaggi che potresti trovare in un film dei Monty Python o su un campo da calcio. Nato a Belgrado il 5 marzo 1952 nella Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, appena creata e spensierata, Borota è diventato un “eroe del suo tempo”, per citare il lavoro di Lermontov, incarnando i lati positivi e negativi della sua epoca per la gioia dei tifosi in tutta Europa. Proprio come la società jugoslava nei suoi primi giorni era un esperimento sociale unico, isolato sia dall’Europa occidentale che da quella orientale e in cerca di una propria strada, Borota era un personaggio unico che preferì sempre lo spettacolare al convenzionale in un’epoca in cui era ancora accettato nel calcio.

Borota ha iniziato la sua carriera in uno dei club suburbani meno conosciuti di Belgrado, l’OFK (che in seguito ha prodotto un altro grande, Branislav Ivanovic), nel 1970-‘71, casualmente l’annata in cui il Chelsea ha vinto il suo primo grande trofeo europeo, la Coppa delle Coppe in finale contro il Real Madrid.

Appena diciannovenne, si è rapidamente affermato come uno dei portieri più solidi del campionato jugoslavo, aiutando l’umile OFK a rompere il grande oligopolio (Stella Rossa, Partizan, Dinamo e Hajduk) in tre diverse occasioni tra il 1969 e il 1975. Parallelamente alle sue prestazioni in campo (nonostante la nascente e perenne abitudine di tirare il pallone sulla traversa prima di effettuare un rinvio), divenne famoso per le sue uscite irregolari nella capitale, guidando la sua Citroen CX, con la targa già scaduta quando l’ha comprata. Impegnandosi a non intraprendere mai due volte la stessa strada fino al campo di allenamento dell’OFK, una volta si è unito ai compagni di squadra con un’ora e mezza di ritardo, esausto e scortato da due auto della polizia che lo avevano inseguito in autostrada.

Ha giocato un totale di 176 pvolte con l’OFK prima di trasferirsi al Partizan Belgrado nel 1975-‘76, aiutando il club a vincere un campionato dopo aver subito solo 19 gol, nove in autunno e dieci in primavera, con un record di 54 punti (allora una vittoria valeva due punti e il pari uno).

Durante un’amichevole pre-campionato in Francia contro il Nancy nel 1977, Borota ha schierato la barriera per difendersi da una pericolosa punizione del giovane Michel Platini. Ha scelto con cautela quattro uomini, solo per Platini che ha piantato la palla nell’angolo in alto dove si trovava il portiere del Partizan, che non ha nemmeno fatto una mossa, è andato solo ad avvertire i suoi difensori attoniti che “questo ragazzino sembra un giocatore”.

Chelsea, sulle figurine

Venti minuti dopo, un’altra punizione venne assegnata al Nancy. Questa volta Borota sceglie cinque uomini, solo per il mago francese che calcia la palla nell’altro angolo in alto. Il portiere del Partizan si alza in piedi e applaude furiosamente, aggiungendo “Te l’avevo detto maledettamente che questo ragazzo era un giocatore!”.

Effettuando pericolose corse in solitaria nella metà campo avversaria, Borota alternava caldo e freddo e in una notte nevosa del 1978, durante un famigerato derby tra Stella Rossa e Partizan, Miloš Šestić lo convinse che l’arbitro aveva fischiato solo un fallo per il portiere per droppare la palla proprio davanti al bracconiere della Stella Rossa, che poi aveva provveduto a ricacciarla a casa.

L’anno prima aveva ricevuto la sua prima convocazione per la nazionale jugoslava in una partita contro la Romania a Bucarest, ma ha subito un gol dopo solo un minuto su punizione da quasi quaranta metri. Perplesso, ma ben consapevole che niente lo avrebbe gettato nel panico, pronunciò le parole ormai diventate famose: “Tutto sotto controllo, gente”. La Jugoslavia vinse  la gara 6-4, ma la reputazione di Borota non venne riacquistata del tutto e da allora collezionò solo altre tre presenze per il suo paese.

Momenti strani in campo e anche fuori. In un’occasione, mentre va a trovare il compagno di squadra infortunato Zoran Dimitrijevic in un ospedale di Belgrado alla fine del 1978, Borota scambia l’ingresso del pronto soccorso per quello della clinica psichiatrica, e viene rapidamente circondato da dozzine di ricoverati. In cerca di una via d’uscita, viene fermato da una guardia con la quale sostiene di non essere un paziente ma Petar Borota, il portiere del Partizan. Visibilmente impressionato, la guardia lo rimprovera senza mezzi termini: “Certo… Tutti gli altri ragazzi qui affermano di essere Dragan Džajić”.

Nel marzo 1979, Borota firmò per il Chelsea in sostituzione del leggendario Peter Bonetti per una cifra di £ 70.000. Le sue buffonate gli valsero rapidamente l’elogio dei sostenitori di Shed End, a cui si unisce sempre per celebrare i gol della sua squadra. Gestisce anche lo spettacolo tra i pali, guadagnandosi il riconoscimento di Giocatore dell’anno nel 1980 e nel 1981 dopo aver mantenuto la porta inviolata 18 volte in 22 partite. Eroe, quasi un oggetto di culto, viene accolto da un fan fuori da Stamford Bridge che gli chiede un autografo sulla mano destra. La settimana successiva incontra di nuovo il fan, la sua firma è stata trasformata in un tatuaggio.

In un undici del Partizan Belgrado nel 1978

Geoff Hurst lo nomina capitano del club, ma il suo comportamento sempre più imprevedibile ha la meglio su di lui, come contro il West Ham nel 1982. Con i Blues che godono di un comodo vantaggio e dominano la partita, si siede nella sua area di rigore e apre il programma della partita. Frank Lampard Sr. lo vede e sferra un tiro furioso dalla distanza, costringendo il capitano del Chelsea a balzare in piedi e fare una parata di livello mondiale. Il gol è stato salvato in questa occasione, ma la sua reputazione sta diventando sempre più offuscata, soprattutto con il Chelsea che languisce a metà classifica e non sembra destinato a tornare in Prima Divisione.

Lo stile spettacolare di queto portiere

Borota viene ceduto al Brentford nel 1982 prima di trasferirsi in Portogallo, al Portimonense, poi al Boavista e infine al Porto dove viene condannato alla panchina. Chiude con il calcio nel 1986, all’età di 34 anni, per poi tornare a Belgrado dove viene coinvolto in diversi affari controversi, culminati in un giro di furti di opere d’arte che lo manda in prigione per sei mesi. Attraverso i suoi conoscenti italiani Siniša Mihajlović e Vujadin Boškov, si stabilisce a Genova dove si dedica all’altra sua passione, la pittura astratta, prima di morire nella città portuale italiana il 12 febbraio 2010 dopo una lunga malattia, all’età di 56 anni.

Mario Bocchio

Condividi su: