Lobanovsky e la teoria della “velocità collettiva”
Feb 26, 2022

I lineamenti bulbosi e lo sguardo fisso, permanente, di Valery Lobanovsky hanno rivelato solo una parte di ciò che rappresentava l’allenatore di maggior successo nel calcio sovietico e ucraino. Un uomo ossessionato dalla disciplina sia tattica che nei rapporti con i giocatori, ha sempre schierato squadre che hanno toccato le vette con estro e inventiva.

Con Oleg Bazilevich
Leonid Buryak e Valery Lobanovsky 

L’uscita di scena dell’allenatore della Dynamo Kiev pone fine a un’era che risale al 1973, quando iniziò il primo dei tre periodi alla guida del club, che si è affermato come una forza importante nel calcio europeo, senza i vantaggi finanziari di cui godevano i suoi rivali in Occidente. Raddoppiando la carica di allenatore dell’Unione Sovietica e poi dell’Ucraina, Lobanovsky ha raggiunto lo status di eroe nazionale.

La Dynamo Kiev vince ka Coppa delle Coppe nel 1975
La vittoria nelle Super Coppa Uefa ’75 

Per tutto ciò che Lobanovsky ha ottenuto, sia a livello di club che a livello internazionale, c’era la sensazione che i suoi sforzi fossero sottovalutati. Le sue squadre possedevano una combinazione di potenza e finezza, di tecnica e abilità artistica che rappresentava il meglio del vecchio sistema sportivo sovietico e allo stesso tempo stabilivano nuovi standard mozzafiato di raffinatezza calcistica.

La Dynamo Kiev di Lobanovsky e della stella Oleg Blokhin

Nei regimi di fitness di cui è stato pioniere, Lobanovsky è stato uno dei primi allenatori di calcio a studiare seriamente l’effetto della dieta sui suoi giocatori. Inevitabilmente c’erano mormorii sulle droghe. Ha sviluppato la teoria della “velocità collettiva” e ha cercato che i suoi giocatori eliminassero almeno uno degli avversari ad ogni passaggio giocato. Ma non sarebbe mai riuscito a liberare completamente i suoi lati dai difetti fatali.

La Dynamo Kiev bissa il successo nella Coppa delle Coppe nel 1986

Lobanovsky è nato a Kiev nel 1939. Ala sinistra, ha avuto una carriera da giocatore durata dieci anni nella Lega Sovietica, principalmente con la Dynamo Kiev. Ha poi trascorso quattro anni ad allenare il Dnepr Dnepropetrovsk prima di tornare a Kiev come tecnico e portare il calcio sovietico al suo primo trofeo europeo per club. Quella era la Coppa delle Coppe 1975, la filosofia di Lobanovsky era incarnata nella velocità e nell’abilità del suo fuoriclasse, Oleg Blokhin.

L’Unione Sovietica ai Mondiali dell’86 in Messico

Le autorità calcistiche sovietiche non persero tempo a mettere Lobanovsky a capo anche della squadra nazionale, che presto si riempì di uomini di Kiev. Ma le pressioni su di loro si sono rivelate troppo grandi e l’esperimento è stato considerato un fallimento. E mentre Kiev ha continuato a dominare il calcio nazionale – in tutto Lobanovsky li ha portati a otto titoli sovietici e cinque titoli ucraini – non sono riemersi sulla scena europea fino al 1986, quando Lobanovsky, ora al suo secondo periodo al club, ha vinto per la seconda volta la Coppa delle Coppe.

Lobanovsky cittì dell’Unione Sovietica a Mexico ’86
Da sinistra: Lobanovs’kyj a Torino nell’autunno 1988 in veste di commissario tecnico sovietico, in visita al suo calciatore Oleksandr Zavarov durante un allenamento della Juventus; con loro, il tecnico juventino Dino Zoff
Il “colonnello”

Ancora una volta Lobanovsky è stato convocato per dirigere la nazionale, questa volta solo tre settimane prima dei Mondiali del 1986 in Messico. La squadra che ha sconfitto l’Ungheria 6-0 nella partita di apertura conteneva dieci giocatori di Kiev e sembrava che avrebbero fatto molta strada. Ma in una partita pulsante del secondo turno, la brillantezza offensiva dei sovietici è stata più che compensata da fragilità difensive: i sovietici hanno così  perso 4-3 contro il Belgio dopo i tempi supplementari. Questa era è stata l’apice della carriera di Lobanovsky. Con giocatori del calibro di Igor Belanov, Alexander Zavarov e Vasily Rats, la sua squadra di Kiev ha raggiunto le semifinali della Coppa dei Campioni nel 1987 e l’anno successivo Lobanovsky ha portato l’Unione Sovietica alla finale del Campionato europeo, perdendo la finale contro l’Olanda di Marco van Basten e Ruud Gullit.

Dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica nel 1990, Lobanovsky è andato all’estero per cinque anni, allenando gli Emirati Arabi Uniti e poi il Kuwait. Per il suo ultimo periodo a Kiev, a partire dal 1996, ha svezzato una nuova generazione che comprendeva soprattutto il giovane Andrei Shevchenko, l’attaccante più dotato della storia ucraina. Ma una semifinale di Champions League nel 1999 fu il massimo che Lobanovsky potesse ottenere e con la partenza di Shevchenko per il Milan la squadra non ebbe più lo stesso impatto. La cattiva salute ha perseguitato Lobanovsky negli ultimi anni della sua vita, ma quando la chiamata è arrivata nel 1999 è salito ancora una volta sulla scena internazionale, come allenatore dell’Ucraina. La sconfitta contro la nello spareggio per la Coppa del Mondo gli è costata il posto lavoro. È calato definitivamente il sipario.

Mario Bocchio

Condividi su: