Liedholm, lo svedese che conquistò il calcio
Giu 29, 2021

Nel 1973, un alto e bel svedese acquistò la tenuta di Villa Boemia sulle colline del Monferrato, a Cuccaro. Una zona verdeggiante nota per i suoi vini pregiati e per i panorami mozzafiato ,a metà strada tra Genova e Torino: è la casa che ha scelto per completare la sua trasformazione da simbolo del super atleta nordico a membro a pieno titolo della nobiltà italiana. Prima che ci fosse Zlatan Ibrahimović, il minaccioso, potente bosniaco-svedese che imperversa sui campi d’Europa come un invasore predone, c’era un’altra sensazione nordica che si è fatta strada sui campi del calcio come nessuno aveva mai visto: si chiamava Nils Leidholm, o come lo avevano soprannominato, Il Barone.

Il Valdemarsvik del 1942: Liedholm è il terzo in piedi da sinistra

Questo appellativo venne scelto anche per il suo matrimonio con Maria Lucia, una donna della nobiltà italiana, oltre che per il suo aspetto maestoso e il suo portamento fiero. Lasciò il segno nel calcio a differenza di qualsiasi altro scandinavo.  Liedholm era il prodotto di una Svezia che era rimasta neutrale durante la Seconda guerra mondiale ed era un eccezionale giocatore di Bandy, una variante dell’hockey su ghiaccio con undici giocatori per parte, sebbene scelse di praticare calcio con l’IFK Norrköping, vincendo due campionati.

Il Gre-No-Li del Milan: Gunnar Gren, Gunnar Nordahl e il capitano Liedholm

Protagonista della squadra vincitrice della medaglia d’oro olimpica nel 1948 a Londra con i suoi leggendari compagni di squadra Gunnar Gren e Gunnar Nordahl, in seguito soprannominati “Gre-No-Li”, contribuì a formare uno dei più grandi tridenti offensivi della storia del calcio e della Svezia.

Per l’Italia era di vitale importanza che i buoni giocatori fossero importati in Serie A dopo la devastazione della Seconda guerra mondiale, poiché ctanti giocatori e allenatori erano stati travolti dalla devastazione del conflitto. Liedholm era perfetto, dopotutto era stato nominato “giocatore del millennio” dal quotidiano svedese Aftonbladet.

Nils Liedholm e Hilderaldo Bellini si scambiano i gagliardetti prima
della finale mondiale Svezia – Brasile

Il futuro del calcio richiedeva un afflusso di talenti e il trio Gre-No-Li era il tonico di cui il Milan aveva bisogno per costruire un’eredità di successo per i giganti del Nord. Il primo dei tre grandi svedesi ad avventurarsi a Sud è stato Nordahl, un vivace e potente attaccante presentato al Milan nel gennaio 1949 come Il Pompierone (The Big Fireman). Fu Nordahl a convincere poi la dirigenza rossonera a far firmare poco dopo Liedholm e Gren. Sapeva che il loro successo come tridente avrebbe potuto essere  replicato negli spazi ristretti e impenitenti del gioco italiano. Liedholm è stato uno dei primi ad adottare metodi di allenamento non legati al calcio. Ha corso le gare di 500 e 3000 metri da giovane, ha tirato il peso e ha persino dominato il giavellotto, e di conseguenza è stato in grado di effettuare alcune delle rimesse laterali più straordinarie della storia, dalla linea di metà campo direttamente nel cuore dell’area. Erano impareggiabili nella loro accuratezza e mortalità.

Con lo juventino John Charles

Ma lo svedese era molto più di un semplice Rory Delap. Il suo gioco era così perfetto che quando una volta ha effettuato un passaggio fuorviante a un compagno di squadra a San Siro – mentre giocava contro la Juventus – si diceva che il pubblico fosse rimasto a ridere, esultando per cinque minuti in riconoscimento della perfezione della sua abilità. Immensamente venerato dai tifosi, rimane una leggenda per due popoli del calcio italiano: quello della Roma per il suo impareggiabile successo come allenatore, e quello Milan sia per i suoi giorni più belli in campo che per il suo stile fuori.

Liedholm e Rivera nell’anno della stella al Milan

C’è stata anche una delusione nella sua carriera. Nonostante il Milan abbia vinto lo scudetto nel 1955, ’57, ’58 e ’59, andò in finale  di Coppa dei Campioni nel 1958, perdendo 3-2 contro il Real Madrid ai supplementari . Nello stesso anno nella finale di Coppa del Mondo, quando Liedholm aveva 38 anni e si avvicinava alla fine dei suoi giorni come calciatore, realizzò quello che Pelé ha definito “… il miglior gol mai segnato contro il Brasile”, ma la Svezia cadde in finale della Coppa del Mondo giocata in casa: fu una partita che ha mitizzato un Pelé di 17 anni come uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi. Liedholm fallì l’obiettivo mondiale, lasciando una sorta di  asterisco nella leggenda della Coppa del Mondo, ancora oggi a Stoccolma si chiedono cosa avrebbe potuto essere. Per quanto Liedholm fosse un giocatore eccezionale, è stata la sua carriera da allenatore che rimane il segno distintivo della sua eredità. Dopo il ritiro da giocatore è passato subito alla panchina, prima all’Hellas Verona, dove ha guidato la squadra di Serie B alla promozione, poi al Varese dove ha bissato il successo e ottenuto la promozione nella massima serie.

Alla Roma con Liedholm con  Falcão  e Cerezo

Alla Fiorentina perse la finale della Mitropa Cup. Ma è stata alla la Roma, dove ha allenato dal 1973 al 1977 e di nuovo dal 1979 al 1984, che ha  regalato ai tifosi uno scudetto memorabile, il primo scudetto della storia. I capitolini avevano ottenuto alcuni successi – una Coppa delle Fiere nel 1961 e la Coppa Italia nel 1964 – ma era lontani dai massimi. Liedholm dimostrò sempre che il suo cuore era sempre saldamente in campo. Lo scudetto arrivò finalmente nel 1983. La stagione successiva la Roma si classificò seconda, arrivando alla finale di Coppa dei Campioni, cadendo ai rigori davanti alLiverpool allo stadio Olimpico. Liedholm aveva trasformato i romani da perenni underachievers a grandi giocatori.

Il presidente della Roma Dino Viola,  Falcão e Liedholm

L’uomo nato a Valdemarsvik è stato uno dei primi innovatori della zona nel calcio, sorpassando il tradizionale sistema italiano di marcatura a uomo. Luís Vinício aveva introdotto un sistema simile negli anni ’70 ma lo aveva abbandonato subito dopo, citando l’incapacità dei giocatori nel rimanere sufficientemente disciplinati. È stato Liedhom a portare finalmente a buon fine il sistema. Nella marcatura a zona fluida di Liedholm, la difesa era responsabile del pattugliamento delle aree del campo e le sue squadre padroneggiavano l’arte di confondere gli avversari rendendo impossibile sapere quando i giocatori attaccanti sarebbero finalmente stati messi nella condizione di poter tentare il gol.

Nel Milan di Berlusconi

Secondo Arrigo Sacchi, è stato solo quando ha introdotto lui stesso la sua versione del sistema di marcatura a zona al Milan che questo modulo è diventato un vero e proprio successo, in quanto il sistema di Liedholm era in realtà semplicemente la marcatura a uomo all’interno di un’area del campo.  Notoriamente impaurito di volare, Liedhom portava la squadra in treno durante le trasferte, spesso andando a letto alle 22 e lasciando i giocatori a sé  stessi. Carlo Ancelotti, allora giovane della Roma, ricorda: “I giocatori salivano a mezzanotte e non dormivano. La peggiore preparazione. Il giorno della partita la squadra arrivava presto allo stadio e girava negli spogliatoi”. Liedholm mandava il medico della squadra a raccontare barzellette alla squadra e spesso si univa anche lui, cosa che Ancelotti avrebbe poi  copiato nella sua carriera di allenatore “Nils Liedholm è stato il mio maestro, era divertente Una volta gli chiesi di nominare i migliori giocatori di tutti i tempi, lui disse: ‘Io, Pelé e Di Stéfano’. Mi piaceva questo di lui. Non l’ho mai sentito gridare verso un giocatore “. Nel 1987, subito dopo che Liedholm aveva lasciato il Milan dopo due anni da dimenticare, Fabio Capello fu scelto come allenatore. In Coppa Italia, la squadra di Capello si scontrò con il Parma di Sacchi, allora in Serie B.

Ancora una volta fu l’innovativo Sacchi ad avere la meglio sul Milan irreggimentato – che aveva ancora impresso l’eredità di Liedholm – vincendo 1-0 all’andata. Prima del ritorno, il fidato braccio destro di Silvio Berlusconi, Adriano Galliani, informò Capello che i suoi giorni al Milan sarebbero stati contati. Il club aveva deciso che il rinnovamento  sarebbe stata necessaria dopo i periodi pragmatici di Liedholm e Capello. Liedholm è stato ampiamente considerato il perfetto gentiluomo, nonostante abbia suscitato polemiche per alcuni dei suoi commenti e lo stile che ha adottato. Per molti era un moderno Helenio Herrera, il possesso della sua squadra sacrificato in cambio di forma difensiva e solidità.

Liedholm portato in trionfo dai tifosi della Roma l’anno del secondo scudetto giallorosso

Forse è per questo che raramente è rimasto nei club abbastanza a lungo da costruire un vero e proprio ciclo. Quando in seguito Capello divenne tecnico della Roma chiamò il suo ex maestro per aiutarlo. Seduto in conferenza stampa insieme, Capello disse alla stampa che era stato Liedholm a portare lo scudetto alla Roma e che uno scudetto valeva dieci Coppe Italia; ha poi sfregato il braccio dello svedese per fortuna mentre Liedholm sorrideva. Capello, aiutato dai consigli del suo mentore nei momenti cruciali della stagione, portò lo scudetto alla Roma nel 2001.

Liedholm non è mai stato irritato per i successi dei suoi rivali, lasciando che la sua competitività giocasse sul campo, non sui giornali o nel gossip come facevano tanti allenatori dell’epoca. Liedholm è stato anche il primo di cinque allenatori a vincere due volte l’ambito premio Seminatore d’Oro, assegnato al miglior allenatore della Serie A.

Con Carlo Ancelotti

Niente esprime l’amore di Liedholm per l’Italia più dei 90 ettari di Cuccaro conosciuti come Villa Boemia, dove Nils si stabilì con la moglie e il figlio Carlo. La sua passione per il vino era immensa; ha trascorso anni a conoscere le uve del Piemonte e ha assunto famosi esperti per assisterlo nella coltivazione delle vigne e nella cura del suoi vini, considerati a ragione come veri e propri alimenti.

Produttore di vino

I suoi vigneti producevano ottimi nettari degni del nome Liedholm. Carlo ha continuato da dove aveva interrotto Nils, producendo 90.000 bottiglie all’anno. Liedholm era molto più di un semplice calciatore, era un pensatore. Come i suoi grandi amici Gren e Nordahl, divenne un italiano onorario. L’Italia era diventata la sua casa. È stato in grado di colmare la difficile divisione tra il ricco Nord e il Mezzogiorno, diventando una leggenda a Roma e altrettanto nel cuore finanziario dell’Italia, Milano.

Un vero innovatore nel gioco, Liedholm rimane uno dei grandi del calcio, non perché ha vinto una moltitudine di trofei ma perché è stato in grado di aiutare a rinvigorire la Serie A dopo la devastazione della guerra e l’ascesa del Real Madrid. Spesso dimenticato oggi, lo svedese è stato fondamentale per riportare la qualità di ciò che andò perso durante gli anni bui del conflitto.

Mario Bocchio

Condividi su: