Il legionario della cavalcata verso la A
Giu 6, 2021

In campo per tutti Loris Dominissini era “il legionario”: centrocampista di equilibrio e di sacrificio, indossò la maglia della Reggiana per sette stagioni consecutive, dal 1986-‘87 al 1992-‘93, centrando la doppia promozione dalla serie C alla serie A con Pippo Marchioro come allenatore.

 La rosa e lo staff tecnico dell’Udinese nella stagione 1983-‘84, in posa all’interno dello stadio Friuli di Udine. Da sinistra, in piedi: P. P. Virdis, L. Pradella, C. Cattaneo, F. Brini, E. Ferrari (allenatore), F. Borin, Edinho, P. Miano, M. Mauro; seduti: D. Galparoli, A. Tesser, A. Marchetti, F. Pancheri, F. Causio (capitano), M. Gerolin, A. Urban (ceduto alla Cavese nella sessione autunnale di calciomercato), L. De Agostini, L. Dominissini, Zico

146 presenze granata, in una carriera che lo aveva visto militare – tra le altre – nelle fila di Udinese, Messina e Pistoiese, poi la carriera da tecnico: tornò a Reggio Emilia da allenatore nella stagione 2009-‘10, in serie C, chiudendo al quinto posto dopo un ottimo campionato e venendo poi eliminato dal Pescara nei playoff promozione.

Loris Dominissini nelle vesti di tecnico

Da allenatore Dominissini portò il Como a una meravigliosa cavalcata dalla C alla A in due stagioni, tra il 20002 e il 2002, e allenò in coppia con Nestor Sensini anche la “sua” Udinese (con cui giocò negli anni di Zico, dopo aver vinto uno scudetto Primavera), salvo poi essere esonerato dopo sei giornate.

Fonte: “Corriere di Bologna”

Condividi su: