È Kevin Keegan il miglior giocatore di sempre del Liverpool?
Feb 15, 2021

Come si decide chi può essere giudicato il più grande? È semplicemente il migliore in assoluto, oppure è il più abile dei giocatori a cui è stato conferito questo titolo, o è più complicato? Fate un sondaggio tra i sostenitori del Liverpool su chi considerano il più grande giocatore di sempre e le probabilità sono che ci sarà una divisione quasi uniforme tra Kenny Dalglish e Steven Gerrard. Ma si potrebbe sostenere che il titolo di Greatest Ever Player sia effettivamente conferito all’immediato predecessore di Kenny ad Anfield, Kevin Keegan? Bene, diamo uno sguardo più da vicino ai criteri rilevanti prima di decidere. Se guardiamo solo al puro talento, la maggior parte sarebbe davvero riluttante a guardare oltre Dalglish, anche se John Barnes, e forse anche Luis Suarez, potrebbero avere una possibilità. Non c’è dubbio che King Kenny fosse un giocatore fenomenale, con livelli di abilità squisiti, forse mai superati da un giocatore britannico. Aveva quasi tutto: visione, tatto, abilità di passaggio, finitura suprema, il coraggio di un leone e possedeva anche la capacità di tirare fuori il meglio da tutto ciò che lo circondava.

Nel Southampton

È stato forse leggermente danneggiato dalla sua carriera manageriale. Per questo forse potrebbe essere vero che il suo curriculum da giocatore non ottiene il merito che ci si aspetterebbe altrimenti, ma ciò nonostante è giustamente considerato un gigante dell’era moderna.

KK e La Kop

Kevin Keegan, tuttavia, non è tenuto nella stessa stima. Si ritiene che abbia avuto un’ottima carriera e di altissima qualità, ma non riesce a entrare nelle squadre “migliori in assoluto” di molte persone quando si tratta di Inghilterra o Liverpool. È stato spesso descritto come un giocatore che “ha dato il massimo” e come qualcuno che è arrivato al vertice grazie alla sua incredibile etica del lavoro piuttosto che all’abbondanza del talento donato da Dio. In effetti, questo è un punto di vista sottoscritto in molte occasioni in passato.

Kevin e Kenny

Kevin Keegan ha iniziato la sua carriera allo Scunthorpe, debuttando nel 1967 prima di trasferirsi al Liverpool nel maggio 1971, la settimana della sconfitta nella finale di FA Cup contro l’Arsenal. Firmato originariamente un contratto come apprendistato nelle riserve, Keegan ha impressionato nel suo primo pre-campionato ad Anfield e così si è ritrovato nella prima squadra nel giorno di apertura della stagione in casa del Nottingham Forest. Segnando il primo gol nella vittoria per 3-1, Keegan ha colto l’occasione con entrambe le mani e la sua carriera è decollata.

L’esultanza dopo aver segnato un gol alla Scozia con l’Inghilterra

Passarono sei anni e Kevin Keegan si trasferì all’Amburgo nella Germania Ovest per una cifra record, mezzo milione di sterline. Queste sono le statistiche nude, ma la storia è un po’ più avvincente. Quando Keegan è entrato a far parte del Liverpool, era una squadra appena uscita da un periodo di transizione. L’ultimo trofeo vinto era stato il titolo del campionato cinque anni prima, e la vecchia guardia della metà degli anni ’60 che aveva vinto due scudetti e la FA Cup in tre anni si stava esaurendo. Il leggendario manager, Bill Shankly, stava costruendo una squadra per il futuro e Keegan si è adattato perfettamente.

Nell’Amburgo insieme a Manfred Kaltz e Casper Memering

Il Liverpool ha mancato il titolo 1971-‘72 per un soffio, ma ha vinto con un doppio campionato – Coppa UEFA la stagione successiva, con Keegan saldamente trincerato nella squadra. La FA Cup fu vinta l’anno successivo, il 1974, e il successo campionato- Coppa UEFA fu ripetuto nel 1975-‘76. Nell’estate del 1976, il Real Madrid offrì al Liverpool più di 600.000 sterline per i servizi di Keegan, e lo stesso giocatore non vedeva l’ora di andare in Spagna. Tuttavia, il Liverpool non lo vendette, quindi Kevin ha escogitò un compromesso:  sarebbe rimasto per un’altra stagione, sapendo che gli sarebbe stato permesso di lasciare l’estate successiva per una cifra stabilita in mezzo milione di sterline. Ciò avrebbe messo Keegan in una posizione di contrattazione migliore quando si sarebbe trattato di negoziare i termini personali con potenziali nuovi pretendenti. Il Liverpool acconsentì e così iniziò la stagione 1976-‘77. Fino a quel momento Keegan era stato praticamente idolatrato dal Kop, ma ora la sua popolarità subì un contraccolpo. Alcune frange del tifo non gradirono la volontà di un giocatore, chiunque fosse, di gradire un trasferimento, per qualsiasi motivo. Di conseguenza, l’ultima stagione di Keegan con il Liverpool a volte vide  un rapporto piuttosto teso tra giocatore e pubblico.

Nel corso degli anni ci sono state versioni secondo cui le frustrazioni dei tifosi furono  condivise da alcuni compagni di squadra di Keegan nel Liverpool, che si pensava si fossero sentiti delusi dalla dichiarazione pubblica delle sue intenzioni. Per più di 35 anni circolò un mito metropolitano che alla fine di quella stagione, con lo scudetto già vinto, Jimmy Case avesse mal sopportato la scarsa prestazione di Keegan nella finale di FA Cup del 1977 e alla fine gli avesse fatto un occhio nero. La storia diceva che Case avrebbe accusato Keegan di essersi risparmiato per la finale di Coppa dei Campioni a Roma pochi giorni dopo. Alla fine questa rversione è stata smentita da entrambi, quando Keegan ha scritto la prefazione all’autobiografia di Jimmy Case nel 2014.

Paul Breitner e Kevin Keegan

Tuttavia, si può vedere che, nonostante l’imbarazzo della sua partenza, Kevin Keegan è stato un idolo a Liverpool. Nei sei anni della sua permanenza nei Reds, il Liverpool fu campione tre volte, due volte secondo e una terzo. Dobbiamo poi aggiungere una FA Cup, due Coppe UEFA e la prima Coppa dei Campioni: nel giro di mezza dozzina di anni Keegan si era trasformato nella superstar del calcio degli anni ’70.

Il Liverpool, allo stesso modo, era stato trasformato. Da discreta ma non particolarmente speciale squadra nel 1971, eccoli ora nel 1977 in carica come regina d’Inghilterra e d’Europa. Il Liverpool in cui Kenny Dalglish entrò nell’agosto 1977 come sostituto diretto di Keegan era significativamente diverso da quello che Keegan aveva incontrato al suo arrivo ad Anfield sei anni prima.

L’ultima squadra di Keegan, il Newcastle

Il fatto che il Liverpool si sia trasformato in sei anni è stato non poco grazie a Kevin Keegan. La sua presenza, ritmo di lavoro, abilità e determinazione non avevano trascinato solo sè stesso ai massimi livelli del gioco, ma anche il Liverpool stesso. Se mai c’è stato un uomo il cui talento ha trasformato un club, è stato quello di Kevin Keegan, e l’errore che KK abbia realizzato ciò che ha fatto nel calcio esclusivamente a causa della sua etica del lavoro, è proprio questo un errore. Sebbene abbia indubbiamente lavorato molto duramente per migliorare sè stesso, Kevin Keegan era un giocatore di immenso talento con un’abbondanza di abilità e capacità. Nessun giocatore, non importa quanto duramente lavori o quante ore dedichi al campo di allenamento, potrà mai raggiungere un quarto di quello che Keegan ha fatto come giocatore senza essere anche estremamente abile. Quando Keegan partì per la Germania Ovest, Kenny Dalglish assunse il ruolo di King of the Kop e il Liverpool divenne sempre più forte. In effetti, si può dire che i nove anni o giù di lì di Dalglish come giocatore abbiano avuto ancora più successo rispetto al tempo di Keegan, ma le impalcature e le fondamenta erano saldamente al loro posto nel 1977. Dalglish entrò in una dinastia e poi contribuì a rafforzarla, ma è stato Keegan ad essere determinante nel crearla in primo luogo.

Keegan capitano dell’Inghilterra, Dalglish della Scozia

Quindi, per tornare alla nostra posizione iniziale riguardo ai criteri per decidere il miglior giocatore di sempre di un club, possiamo dire che la pura abilità non è sufficiente. Ulteriori considerazioni dovrebbero includere: longevità, successo e influenza sul campo. Sebbene la carriera di Keegan nel Liverpool non sia stata lunga quanto quella di Dalglish o di Gerrard, nel complesso il suo contributo in termini di influenza duratura combinato con la sua abilità e i trofei che ha aiutato ad accumulare, significa che sia legittimato a rivendicare il titolo di Liverpool’s Greatest Ever Player. È nostra opinione che lui abbia superato di un’incollatura Dalglish. Di conseguenza.

Mario Bocchio

Condividi su: