Il capitano che non si arrende mai
Gen 13, 2021

Ha realizzato il suo sogno: qualificarsi e giocare una Coppa del Mondo. Premio equo per un professionista completo dentro e fuori dal campo. Un sogno che per più di dodici stagioni era diventato un vero incubo per il grande capitano della nazionale della Colombia, Mario Alberto Yepes. Il difensore della Valle del Cauca aveva dovuto piangere tre eliminazioni di fila, fallendo le  qualificazione per Giappone e Corea 2002, Germania 2006 e Sudafrica 2010.

Uno dei primi cartellini di Mario Yepes

Ma nel 2014, come premio per professionalità, dedizione, onestà, responsabilità e, soprattutto, pazienza, a 37 anni la vita lo ha messo davanti al traguardo che ha dati un senso a tutta la sua carriera. I sogni di Yepes sono partiti da un’età molto giovane, quando ha mosso i suoi primi passi nel calcio, giocando nella squadra della scuola Lacordaire, e in seguito ha raggiunto quell’inesauribile fabbrica di talenti che è il Sarmiento Lora School. “Era magro e alto, ricordo che ha raggiunto la categoria junior con altri ragazzi come Milton Rodríguez e Héctor Hurtado.

In allenamento nel Deportivo Calì

In alcune occasioni ho dovuto sgridarlo per un movimento che non ha fatto, ma ha sempre cercato di imparare tutto alla perfezione”, ricorda Mario Desiderio. A scuola, Yepes ha stretto un’amicizia molto forte con Milton Rodríguez, attaccante che ha giocato anche nel Deportivo Cali. “Abbiamo condiviso tutto, avevamo gli stessi gusti nell’ andare a vedere un film o ascoltare la musica. Alcuni fine settimana stavo a casa sua e altri lui a casa mia”. L’attaccante della Valle del Cauca da numero  9 de la Sarmiento è diventato numero 9 della Selezione Valle. Sebbene abbia segnato gol, non era un artigliere esperto. Il Cortuluá lo notò molto rapidamente e lo chiese al Sarmiento, approfittando di un accordo esistente tra le due squadre, nonostante la preoccupazione di Doña Ema Díaz, la madre del del giocatore.

Yepes da giovane

Mario Andò a Tuluá per iniziare un’avventura molto più seria nel calcio. “Al Rionegro giocò come centrale con Iván Ramiro Córdoba. Ma Mario a Cortuluá è stato un attaccante, fino a quando Reynaldo Rueda, che era l’allenatore, non so cosa abbia visto e prima lo ha messo sulla sinistra e dopo al centro”, afferma Óscar Ignacio Martán, presidente della squadra della Valle del Cauca.

Mario Alberto Yepes e Carlos “El Chileno” Molina nel Cortuluá

Aveva puntato molto su Mario Yepes. Il suo soggiorno a Cortuluá fu di breve durata perché il Deportivo Cali lo aveva già contattato nel 1997.

Insieme a Iván Ramiro Córdoba nel Rionegro

“Sapevamo di lui perché lo avevamo visto prima a Sarmiento; abbiamo trattato con il Cortuluá diversi giocatori e $ 100 milioni in cambio di Yepes”, ricorda Óscar Astudillo, che era il presidente del Deportivo Cali. Quella trattativa era quella che all’epoca era chiamata 5×1. Il Deportivo Cali ha inviato a Cortuluá cinque giocatori: Ómar “Misio” Suárez, Juan Carlos Martínez, Néstor Salazar, Víctor Molina e Jorge Rayo.

“Questo è stato uno scandalo perché hanno detto che avevo buttato giù il Deportivo Cali, dato che Mario non era famoso; ma il tempo si è rivelato galantuomo e abbiano recuperato notevolmente l’investimento perché in seguito lo abbiamo venduto molto bene al River Plate”, confessa Martán. Arrivò al quartier generale di Pance all’età di 21 anni.

“Quel ragazzo era così timido che durante l’allenamento mattutino non si è nemmeno presentato a me, non si è avvicinato a me per dirmi che era Mario Yepes e che ha giocato in una tale posizione; nel pomeriggio venne da me e si presentò. Nel tempo in cui l’ho avuto, è stato un grande professionista, serio, laborioso, un esempio per tutti”, ricorda Fernando “Pecoso” Castro.

A Buenos Aires nel River Plate

Serio, operoso e molto professionale, è così che lo ricordano diversi ex compagni. “Ho incontrato una persona impeccabile, un vincitore nato. Fuori dal campo Mario era molto silenzioso, ma dentro, quando Máyer (Candelo), Arley (Betancurt) o Víctor (Bonilla) furono cacciati, Mario si trasformò per difendere i suoi compagni di squadra … Aveva anche la calma”, confessa John Wílmar “Pelusa” Pérez, che ha condiviso con Yepes due gloriosi anni a Cali nel 1998 e nel 1999. Le cose sono andate molto bene anche con le donne. Sin da piccolo, Mario non ha avuto problemi in questo senso.

Una giornalista, Carolina Villegas, di Cali, è stata quella che ha conquistato il cuore del difensore della Valle del Cauca. I piccoli Luciano e Miranda, francesi, e il più giovane della famiglia, Valentino, che è venuto al mondo a Milano, sono nati da quell’unione. Carolina ha deciso di mettere da parte il giornalismo per accompagnarlo nella sua prima avventura internazionale: River Plate, nel 1999. “Era un ragazzo semplice, semplice, intelligente; si è adattato molto rapidamente e non è stato facile perché è venuto a sostituire un giocatore come Eduardo Berizzo, che era andato in Europa”, ricorda Leonardo Astrada, il capitano di quel River di successo.

A Nantes

A Buenos Aires, “Mabeto”, come lo chiamano i suoi amici, ha iniziato una nuova vita, ha condiviso i momenti con un altro colombiano nel club dalla banda rossa, Juan Pablo Ángel, che sapeva bene quali arrosti, buoni vini e cene si facevano a mezzanotte. Due titoli vinti con la squadra argentina gli bastarono nel 2002 per saltare in Europa.

L’epoca del Psg

Arrivò a Nantes all’età di 26 anni e conquistò molto rapidamente il cuore di tutti, al punto da essere soprannominato “il re” e scelto come uno dei migliori difensori della squadra in tutta la sua storia, poi arrivò il Paris Sg, poi il Chievo Verona in Italia e poi il salto a Milano, dove è stato accolto con un complimento nientemeno che dal proprietario della squadra rossonera, Silvio Berlusconi. “Un bravo ragazzo arriva a Milano e aiuterà il pubblico femminile a frequentare di più lo stadio”.

Ai tempi del Chievo

Ed era vero perché le tifose rossonere assediavano costantemente Yepes dopo una partita o un allenamento. “Una volta una signora gli si avvicinò e gli disse di firmare qui un autografo (mostra l’area del seno)”, Carolina, la moglie di Yepes, una volta lo disse ad un programma televisivo in mezzo alle risate. La città di Milano è stata l’occasione per incontrare di nuovo un vecchio amico, Iván Ramiro Córdoba, con il quale ha riaffermato un’amicizia che era nata quando erano molto giovani. “Mario è una grande persona, le nostre famiglie sono molto unite, i miei figli sono amici intimi con i loro figli, è come se fossero cugini”, disse Córdoba, che giocava nell’Inter, una volta che gli venne chiesto di Yepes.

Su due fronti diversi ma sempre grandi amici

Le cene di famiglia e le passeggiate in altre città italiane erano le preferenze degli Yepes e dei Córdoba quando non dipendevano dal calcio. Insieme alla sua esperienza nel calcio italiano, Mario è come se fosse morto ogni volta che perdeva con la Colombia. Piangeva come un bambino nello spogliatoio dopo che il Perù aveva eliminato i Cafeteros nella Copa America nel 2011 in Argentina; quel giorno Mario era inconsolabile.

Campione d’Italia con il Milan

Ma ha anche avuto molti momenti felici, come il titolo nella Copa América del 2001 con la nazionale e i campionati vinti on Deportivo Cali, River Plate, Psg e Milan. Ma un autentico momento di felicità di Mario è stato dopo la vittoria sul Perù perché lui e i compagni sapevano che c’erano persone che non volevano che la nazionale facesse bene. Quel giorno tutti li videro combattere, ed è per questo che nel nello spogliatoio, come tutti gli altri, Yepes era piuttosto euforico. Era l’occasione per andare ai Mondiali. Ed era tutto vero. Era la grande opportunità che Yepes inseguiva da sempre, che si è fatta reale quasi al termine della sua carriera. Un premio equo per qualcuno che ha combattuto con onore per molti anni. Quindi il grande capitano ha potuto realizzare un sogno, che in passato è stato un incubo.

Capitano della nazionale colombiana

Quando disputò il Mondiale, Yepes giocava nell’Atalanta: in Brasile raggiunse quota cento presenze in nazionale.

Nell’Atalanta
Yepes ha chiuso la carriera nel San Lorenzo de Almagro

Dopo essere rimasto in panchina nella terza giornata della fase a gironi giocò da titolare l’ottavo di finale vinto per 2-0 contro l’Uruguay e i quarti persi contro la Seleção per 2-1. Annunciò quindi il suo ritiro dai Cafeteros. Ancora un campionato in Argentina con il San Lorenzo de Almagro poi, a quarant’anni compiuti, ha detto basta.

Mario Bocchio

Condividi su: