Coppa di Lega, una fredda notte di dicembre del 1994 a St James Park, pochi giorni prima di Natale. Il Newcastle United di Kevin Keegan allenatore si era scontrato con la collezione assortita di giovani brillanti di Brian Horton. La vittoria del Manchester City è stata inaspettata, ma questa non è stata la principale peculiarità della serata, comunque. È Maurizio Gaudino che è stato invece al centro dell’attenzione. Non molto più di cinque mesi prima, Gaudino era stato un giocatore inutilizzato della squadra tedesca ai Mondiali del 1994, osservando dalla panchina mentre la sua nazionale era sbalordita nei quarti di finale contro la Bulgaria nel New Jersey. Invece di abbracciare la tradizionale pausa invernale della Bundesliga, Gaudino si ritrovò a fare il suo debutto in una città nel nord-est dell’Inghilterra.

Gaudino nello Stoccarda

Un pesce fuori dall’acqua, dato che la palla gli faceva spesso avanti e indietro, in un nuovo paese con uno stile di calcio più rude e nessuna pausa invernale: era la definizione perfetta di cultura shock. Poche settimane prima, Gaudino era stato seduto sul retro di un’Audi 100, affiancato da funzionari del governo dopo essere stato arrestato in seguito a un furto d’auto e una frode assicurativa.

Con Fritz Walter

Gaudino, essendo stato ospite in una trasmissione sino a tarda notte negli studi di Monaco di RTL, era stato intercettato non appena lo spettacolo era terminato. Le importazioni calcistiche inglesi guardavano ancora prevalentemente alla Scandinavia. Il Manchester City aveva finito però per guardare alla Germania con Uwe Rösler e Steffen Karl, ma Gaudino era una proposta completamente diversa. Rösler divenne un acquisto azzeccato a Maine Road: aveva lottato a causa dell’assorbimento dei club della Germania dell’Est nel sistema della Germania Occidentale.

Nel Waldhof Mannheim

I gol segnati nella DDR-Oberliga erano considerevolmente più difficili da raggiungere in Bundesliga. Nel caso di Karl, era stato prelevato in prestito dal Borussia Dortmund, dove era emerso grazie all’allenatore Ottmar Hitzfeld. Ma Gaudino era un taglio sopra. Nato a Brühl nel 1966, da genitori italiani emigrati da Napoli, esteticamente non c’era nulla di germanico in lui. Dal modo in cui si poneva, al modo in cui giocava, al modo in cui ha abbracciato la vita.

Jürgen Kohler e Maurizio Gaudino

Gaudino era, ed è tuttora, enfaticamente in stile italiano. Dopo le giovanili nel Rheinau finì al Waldhof Mannheim, un club che inaspettatamente vinse la Bundesliga nel 1983: il percorso verso la grandezza di Gaudino sembrava quasi preordinato. Il debutto nel settembre 1984 contro l’Eintracht Braunschweig è stato macchiato da un cartellino rosso dopo soli trenta minuti.

All’esordio in nazionela

Gaudino, tuttavia, insieme ad un altro talento precoce di nome Jürgen Kohler, divenne presto indispensabile nei piani di Klaus Schlappner,  l’eccentrico allenatore.

Altre due stagioni di nella Bundesliga sono servite solo ad attrarre ammiratori sempre in crescendo. Quando Gaudino e Kohler furono venduti nell’estate del 1987, insieme al prolifico attaccante Fritz Walter, Schlappner stesso lasciò Mannheim. Mentre Kohler si dirigeva a Colonia, Gaudino e Walter furono entrambi prelevati dallo Stoccarda. In sei stagioni fruttuose, Gaudino fu parte integrante di due ben definite squadre, prima sotto il leggendario Arie Haan, e successivamente sotto la guida controversa di Christoph Daum. Sotto Haan, Gaudino era il perno centrale di una forte spina dorsale che attraversava la squadra. Dal portiere della Germania Ovest Eike Immel, fino alla presenza dominante del futuro vincitore della Coppa del Mondo Guido Buchwald, lo stesso Gaudino primeggiava a centrocampo, pronto a mettere in moto una forza della natura che era Jürgen Klinsmann.

1994, nel Manchester City dopo un gol al Liverpool

Con il titolo incamerato dal Werder Brema, lo Stoccarda si assicurò la qualificazione alla Coppa Uefa 1988-‘89. In quella che fu l’ultima stagione di Klinsmann al Neckarstadion, Gaudino fu determinante nel portare lo Stoccarda fino alla finale, dove si scontrò con il Napoli di Diego Maradona. Segnò quello che sembrava essere un goal cruciale al San Paolo, nell’andata, allontanandosi da Napoli con una stretta sconfitta per 2-1.

Con Uwe Rösler al City

Il ritorno fu una splendida serata di calcio a Stoccarda, dove i padroni di casa tornarono in partita dall’ 1-3 per impattare 3-3. I tedeschi scatenarono il loro potenziale offensivo un po’troppo tardi, per cui fu Maradona a sollevare il trofeo nel cielo notturno.

Nel giro di un anno, e con uno strano tempismo, Haan aveva lasciato il club. Ben piazzato, si è allontanato per essere sostituito da Willi Entenmann. Vincendo solo due delle restanti otto gare, lo Stoccarda perse l’Europa. Quando Entenmann iniziò in modo poco entusiasmante la stagione 1990-‘91, se ne andò prima della fine di novembre. Daum ha ereditato un club che rischiava di affondare nella  battaglia per non retrocedere. Tuttavia, ha dimostrato di essere il catalizzatore di una notevole inversione di tendenza. Trasformando lo Stoccarda dai candidati alla retrocessione alla qualificazione per la Coppa Uefa, ha poi conquistato la Bundesliga nel 1992, estromettendo Dortmund e Francoforte nell’ultimo giorno di una titanica lotta a tre vie per il trionfo. Gaudino era in una forma strepitosa, segnando regolarmente e dimostrandosi il principale suggeritore per gli altri. Notoriamente privo di entusiasmo in allenamento, ha sempre dimostrato il meglio nei big match. Grande visione, un ottimo controllo ravvicinato e con un piede sinistro che non perdonava, ben presto Berti Vogt, il cittì della nazionale, finì per tenerlo in osservazione.

Il rapporto con le autovetture di grossa cilindrata

L’’ultima stagione con Stoccarda fu quella 1992-‘93 e, nonostante la sua forma individuale, collettivamente ci fu solo delusione. Il titolo andò al Werder Brema. L’estate del 1993 rappresentò una nuova sfida per Gaudino, Francoforte. Sotto Klaus Toppmöller, e collaborando con lo spirito libero Jay-Jay Okocha e Tony Yeboah, Gaudino ha contribuito a far sì che l’Eintracht lottasse seriamente per il titolo.

In Messico nell’ América

Ma alla fine arrivò al quinto posto. Le ambizioni caddero in modo spettacolare ad aprile, quando la squadra si girò contro l’allenatore, costringendo il club a rinunciare all’uomo che fino a due settimane prima li aveva portati a un punto dalla vetta. Per Gaudino il riconoscimento arrivò nel settembre 1993, quando scese in campo con la Germania contro la Tunisia, con Vogts che iniziava ad affinare la sua squadra per la rassegna iridata negli Stati Uniti. Altre partite contro Brasile, Messico, Emirati Arabi Uniti e Canada prima della fase finale, ma Gaudino non fece abbastanza per prenotare il suo posto in squadra. Nonostante la convocazione e la panchina, Gaudino aveva ancora molte ambizioni all’inizio della stagione 1994-‘95.

Carattere esuberante: Gaudino nel Bochum

Sotto il leggendario Jupp Heynckes, in teoria tutto sembrava possibile a Francoforte, ma il rancore e le recriminazioni rimasero. Con Heynckes che sembra fare un’eccezione al ritmo di lavoro dei suoi giocatori di talento, arrivò la notizia del coinvolgimento di Gaudino nella vicenda delle auto rubate. Seduto sul retro di quella Audi 100, affiancato da funzionari del governo, si ipotizzò pubblicamente che Gaudino avrebbe potuto fuggire. Con una moglie incinta e un lucroso contratto con Francoforte da onorare, emerse invece una figura rilassata, mentre insisteva sulla sua innocenza. Poi accettò l’accordo di prestito offerto dal Manchester City, ma lui ribadì che non aveva nulla da nascondere. Gaudino alla fine ricevette una condanna a due anni di prova per quella che era stata individuata come una parte minimale in un sistema oscuro, in cui le auto ad alte prestazioni venivano illegalmente destinate al mercato estero. Amante delle macchine veloci e della bella vita, Gaudino andò avanti. Si è goduto il suo breve periodo in Premier League.

Lo Stoccarda contro il Napoli di Maradona: in palio la Coppa Uefa

Rimase stupito dalla propensione alla ripresa che avevano i suoi compagni di squadra britannici: come un giocatore potesse essere in città fino alle 4 del mattino, per poi fare un allenamento completo poche ore dopo. Vezzeggiato dai fans di Maine Road, Gaudino offrì loro fugaci scorci della qualità che possedeva. Senza essere circondato da altri che potevano eguagliare il suo talento, la sua relazione amorosa con il City non potè che essere breve.  Dopo aver inizialmente fallito nel ricostruire in modo significativo i ponti con Francoforte, fu nuovamente concesso in prestito durante la stagione successiva, questa volta in Messico, al Club América. La stagione 1996-‘97 lo vide di nuovo all’Eintracht, tuttavia, dopo essere retrocesso, il club dovette accantonare definitivamente il loro figlio ribelle. È arrivata una stagione in Svizzera con il  Basilea, prima di un ritorno in Bundesliga con il Bochum nel 1998-‘99, per quella che fu una  rincorsa senza successo per evitare la retrocessione.

Gaudino ha continuato a godere di un periodo di tre anni in Turchia con l’Antalyaspor, dove ha sorprendentemente raggiunto la finale della Coppa di Turchia nel 2000, dopo un incontro selvaggio con il Galatasaray che si è concluso con una divertente sconfitta per 5-3. Gaudino ha quindi giocato l’ultimo calcio significativo della sua carriera nel luogo in cui tutto era iniziato, a Mannheim. Suo figlio, Gianluca, dopo aver giocato per il Bayern Monaco, San Gallo e Chievo, oggi è in Svizzera nello Young Boys.  

Gaudino ha ottenuto molto nella sua carriera, ma si stava probabilmente avvicinando al suo apice quando le cose sono andate un po’male. Tuttavia, gli sono sfuggiti altri onori, come un ruolo da protagonista a Euro ’96. Troppo spesso accostato alla vicenda delle auto rubate, c’era molto di più in Gaudino che essere preso in giro come una figura divertente. Era un calciatore meravigliosamente dotato e a cui è stato negato quel palcoscenico che avrebbe sicuramente meritato per il suo talento.

Mario Bocchio