All’inizio sembrava destinato a fare il ragioniere, ma suo padre voleva che diventasse un avvocato. Nel frattempo, si stava innamorando dell’hockey su ghiaccio, ma poi per decisione del destino, è diventato una leggenda del calcio.

Nils Liedholm con la maglia dell’ I.K. Spleipner, 1930-’31

La sua città natale era Valdemarsvik, in Svezia. Nils Liedholm, da giocatore, era il punto focale del tridente Gre-No-Li. Poi il Barone mostrò doti eccellenti anche come allenatore.

Il Gre-No-Li del Milan: Gunnar Gren, Gunnar Nordahl e il capitano Liedholm

Come giocatore, non ha mai smarrito un passaggio, ha avuto un dono per leggere dove sarebbe stata la palla e cosa avrebbero fatto i suoi compagni di squadra quando li ha piazzati.

Con la maglia della Svezia
1958: quando la Svezia più forte della storia si inchinò solo a Pelè

Liedholm ha trascorso diciannove anni come giocatore e quasi il doppio di come allenatore.

La sua massima qualità? La capacità di vedere nel futuro, sul campo e nella vita.

Mondiali di Svezia ’58, il gol di Nils Liedholm al Brasile in finale

Il suo più grande segreto? Fede cieca in qualcuno che pochi si aspetterebbero, Mario Maggi, un astrologo che presto sarebbe stato soprannominato il “Mago”. Maggi stava lavorando a Busto Arsizio, una città non troppo distante da Milanello. Il primo a pagarne il prezzo – come ha sottolineato Mauro Suma – fu Giorgio Biasiolo, un grande milanese degli anni ’70 e grande amico di Angelo Anquilletti.

Liedholm in copertina di una rivista svedese

Nonostante abbia collezionato oltre 200 presenze per il Milan e vinto quattro trofei, il centrocampista rossonero è stato inserito nella lista dei trasferimenti da Liddas. “In seguito ho saputo che era stato il Mago a dirgli che sarebbe stato meglio non contare più su di me”. Biasiolo in seguito ha detto. “Ero arrabbiato per questo”. Un mago che stava diventando sempre più influente.

Con Gianni Rivera

Nel novembre 1978, c’era un derby che si rivelò decisivo nel vincere lo scudetto numero dieci e cucire la prima stella sulla maglietta. All’improvviso, Gianni Rivera non è stato scelto. Fu, Giovanni Sartori, che ora è un direttore sportivo, ha preso il suo posto. Alcuni pensavano che fosse a causa di un infortunio tenuto nascosto. In verità, era il mago. Gianni è stato escluso e il Milan ha vinto il derby per 1-0, le stelle si sono allineate dopo che l’Inter è rimasta in dieci uomini dopo il cartellino rosso ad Altobelli.

Dopo aver vinto lo scudetto, Maggi disse a Liddas: “Non andare in tournée in Argentina, un allenatore del Milan perderà tragicamente la vita”. Per un infarto morì il vice-allenatore Alvaro Gasparini. Nuove destinazioni, nuove premonizioni. Nel 1979, dopo essersi trasferito a Roma, Nils ha ammesso: “Credo nelle stelle, Ancelotti diventerà un grande”. Così è stato, non solo per la Roma, ma anche per il Milan.

Liddas e Ancelotti

Il Barone sarebbe poi tornato a Milano dopo aver perso la finale di Coppa dei Campioni contro il Liverpool all’Olimpico, come previsto dal mago. “Ho detto a Maggi di non dirmi più i risultati in anticipo, altrimenti mi annoierei durante le partite”.

Alla fine, il tocco magico del mago di Busto sarebbe finito allo stesso tempo con la partenza di Liedholm dallo stadio d’élite del calcio.

Liedholm portato in trionfo a Genova per lo storico scudetto con la Roma

Nella primavera del 1987 Maggi predisse che Arrigo Sacchi avrebbe fallito a Milano, come pure Gullit e Van Basten. Per lui e tutti i milanisti, stava iniziando una nuova era e si sarebbe rivelata molto meno prevedibile.

Mario Bocchio