Lorenzo Sanz Mancebo è morto questo sabato a Madrid all’età di 76 anni dopo essersi ammalato di coronavirus. Uomo d’affari affermato ha dedicato quindici  anni della sua vita al Real Madrid ed è passato alla storia del club Blanco come il primo presidente a vincere la Coppa dei Campioni, già nella sua versione Champions, dopo il mitico Santiago Bernabéu.

I momenti più significativi di Lorenzo Sanz al Real Madrid

Non solo una Coppa. Il Real Madrid ne vinse due sotto il suo mandato. La settima (1998), dopo 32 anni di siccità, e l’ottava (2000) all’interno di un ciclo presidenziale che durò dal 1995 a quell’anno , il 2000, in cui conquistò anche una Liga (1996-‘97) e una Coppa intercontinentale (1998). Dopo il successo delle due Coppe, ha convocato le elezioni anticipate poco dopo il successo di Parigi, ma ha perso davanti a Florentino Pérez.

La vittoria nella Coppa Intercontinentale, insieme al tecnico Guus Hiddink 

Sanz è arrivato a Santiago Bernabéu dopo  Ramón Mendoza nel 1985. Era diventato vicepresidente del consiglio e quando il presidente si è dimesso, ha ereditato la posizione senza convocare le elezioni. Il 26 novembre 1995, prese possesso della Casa Blanca.  “Non penso, come Mendoza, che essere presidente di questo club sia più importante che essere un ministro, ma ho realizzato uno dei miei sogni ed è uno dei giorni più felici della mia vita”.

Con i protagonisti della Settima
Con lo storico presidente dell’Atletico Madrid, Jesus Gil

Il 20 maggio 1998 – 20-05-1998 – è stato molto più di una data sul calendario,  sono  numeri che aveva incorporato nel suo telefono cellulare, perché gli ricordassero quando  il Real Madrid aveva battuto in finale, ad Amsterdam, la Juventus con il gol di Mijatovic. Eccitato, piangendo, confessò: “Adesso posso morire tranquillo. Lunedì ho detto al re che giovedì avrei portato la Coppa a palazzo e gliela porterò”.

Il giorno della presentazione di Fabio Capello

Un uomo di buona memoria, carattere gioviale, aperto, loquace, a volte prepotente, amante dei cavalli e dell’ippodromo, buon giocatore di carte, fumatore di robusti sigari cubani, si considerava “sensibile. Ho un brutto carattere, ma sono un bravo ragazzo”.

Con Christian Panucci

Ogni volta che ne aveva l’opportunità, ricordava che quando aveva dieci anni, andava con sua nonna allo stadio la domenica delle partite. “Lei con un botijo ​​ha servito acqua ai fan e io mi sono intrufolato per vedere la mia solita squadra, il Real”. Ha anche ricordato con orgoglio che nel 1957 aveva visto la finale in cui  il Real Madrid aveva battuto la Fiorentina 2-0, conquistando la seconda Coppa dei Campioni.

Con Nicolas Anelka

La sua gestione è stata contrassegnata da grandi ingaggi. Come già nel suo periodo di vicepresidente con Mendoza, gli piaceva firmare i contrratti di persona e la sua lista di acquisti è stata numerosa. Si vantava di comprare a poco e di  vendere a tanto, anche se non aveva sempre ragione. Nella sua prima stagione, 1996-‘97, ha acquistato Mijatovic, Suker, Seedorf, Roberto Carlos, Panucci, Illgner, Zé Roberto … Ha poi vinto la Liga con Fabio Capello in panchina.

Con Florentino Pérez 

Nelle stagioni seguenti sarebbero arrivati ​​Karembeu, Savio, Morientes, Iván Campo, Karanka, Anelka, il giocatore più costoso della storia del club fino ad allora (1999-2000), McManaman, Míchel Salgado, Baljic, Helguera … tra gli altri.

Adios Presidente!

“La mia materia in sospeso era sempre l’allenatore”, ha riconosciuto. E giustamente. Nei suoi primi mesi da presidente (1995-‘96) ne ebbe tre: Valdano, Del Bosque e Arsenio. I seguenti non gli durarono più di una stagione.  Capello vinse il campionato e abbandonò prima della chiamata di Berlusconi. Heynckes, tedesco, conquistò la Settima e venne licenziato perché non riusciva ad imporsi nello spogliatoio. Camacho durò solo un mese. Dimissioni. Arrivò l’olandese Hiddink, che vinse l’Intercontinentale   (1 dicembre 1998) ma non finì la stagione. Anche il gallese Toshack venne rimosso dopo undici gare nel 1999-2000. Fu allora che Lorenzo Sanz, stanco della sua relazione con gli allenatori, ripose la sua fiducia in Vicente del Bosque e vinse l’Ottava contro il Valencia. Lo rconfermò, confidando che sulla scia dei suoi successi avrebbe vinto le elezioni anticipate. Errore di calcolo.

Il Real Madrid è stata la sua vita e, inesauribile, ha tentato nuovamente di essere presidente senza successo in due occasioni: 2004 e 2006. Ha anche provato a comprare il Parma nel mezzo della crisi del club italiano e nel 2006 è diventato proprietario del Malaga e ha affidato a suo figlio Fernando la presidenza.

Il nostro Mario Bocchio quando intervistò Lorenzo Sanz alla vigilia della finale con la Juventus

Sposato con Mari Luz Durán, è stato padre di cinque figli, tre dei quali atleti professionisti: Lorenzo (basket), Paco e Fernando (calcio). La figlia María Luz, sposata con Míchel Salgado e Diana, non si sono mai dimenticate delle preferenze del padre.

Mario Bocchio