La sezione calcistica della città di Lecco nacque ufficialmente il 22 dicembre 1912 grazie all’idea di Vico Signorelli membro del consiglio di amministrazione della Società Canottieri Lecco, costituitasi il 27 settembre 1895 nel Caffè del Teatro Sociale. I colori sociali della squadra sono fin dalla sua fondazione il blu–celeste e la prima sede storica della società era situata in via Francesco Nullo.

Una delle prime formazioni del Lecco

Il 13 aprile 1912, i blucelesti disputarono la loro prima partita contro il Milan perdendo 4-1 grazie alle reti avversarie di Saverio e Rigoli, poi, nei primi anni di attività agonistica, il Lecco disputò amichevoli e tornei su scala regionale e locale presso il campo di gioco “Primavera” con Achille Todeschini in panchina ed esordendo poi in un campionato ufficiale organizzato dalla F.I.G.C. nella stagione 1920-1921 partendo dal campionato di Promozione e arrivando fino alle finali-promozione per la Serie A sfiorando l’impresa dopo lo 0-0 contro l’Esperia Como.

Immagini del vecchio stadio comunale ai Cantarelli, demolito nel 1960

Un anno dopo, nel 1922, dopo l’elezione a presidente della società di Eugenio Ceppi, venne inaugurato lo stadio in cui i blu-celesti giocano tuttora le proprie gare interne chiamato Campo sportivo di via Cantarelli, oggi Stadio Rigamonti-Ceppi.

Una foto degli anni ‘60, gli anni migliori
Il portiere Vincenzo Rigamonti nel campionato 1950-’51, il primo da lui disputato nelle fila del Lecco

Il 22 luglio 1931, dopo aver formato una commissione provvisoria, la Canottieri decise di abbandonare il settore calcistico a causa degli elevati sforzi economici necessari e, per evitare lo scioglimento della squadra, fu creata l’Associazione Calcio Lecco, con il professor Gennaro Pensa come primo presidente e Mario Ceppi, figlio dell’ex presidente della Canottieri Eugenio Ceppi morto nel 1931, come membro del cda che sarà il protagonista degli anni d’oro del club.

La prima sede di questa nuova società fu il salone del Caffè Commercio in Piazza XX Settembre.

Vincenzo Rigamonti con la formazione di giocatori lecchesi di serie A, B e C,
che nell’agosto 1956 disputò una partita di beneficenza sul campo della Moto Guzzi a Mandello del Lario.. Si possono riconoscere, oltre a Rigamonti, i giocatori Origgi, Benaglio, Bartesaghi, Corti ed altri.

Nel secondo decennio calcistico, il Lecco disputò campionati ad un discreto livello, dapprima restando in corsa per la promozione in Serie B durante la stagione in Prima Divisione 1931-1932 fino all’ultima giornata, fino all’ultimo minuto, poi restando sempre nella nuova Serie C terminando il campionato tra le posizioni alte e medio-basse della classifica.

Cartolina ricordo del campionato di serie A 1960-’61

A livello societario, la situazione fu drammatica risentendo una grande e grave crisi economica che si è risolta nell’estate del 1941 quando il Comitato Provinciale del C.O.N.I. nomina il ragionier Mario Ceppi commissario straordinario, il quale grazie anche agli aiuti politici locali, riuscì nell’impresa di salvare il calcio lecchese appianando gran parte dei debiti.

Nel periodo post-bellico, durante la stagione 1945-1946 i blu-celesti parteciparono nella Serie mista B-C Alta Italia concludendo la stagione al secondo posto dietro la Pro Patria e riuscendo a guadagnarsi lo spareggio per accedere alle finali per la promozione in A.

Azzimonti è il terzo partendo da destra; si riconoscono l’azzurro Ciccio Longoni, Fracassa e Galbiati

Nello spareggio, però, all’Arena di Milano la partita terminò 0-0 e la Federazione successivamente annullò uno degli incontri dei bustocchi ordinando la ripetizione del match che portò il Lecco terzo ad un passo dalla Serie A.

Il Lecco del campionato 1967-’68

Negli anni successivi, dal 1946 al 1948, il Lecco collezionò due retrocessioni, di cui una causata dal nuovo regolamento federale che fece strapiombare il Lecco nel campionato di Promozione.

Il Lecco del campionato 1969-’70, quando si piazzò 2° nella classifica finale

Il 3 agosto 1948, per il Lecco iniziò una rivoluzione con la nomina di Mario Ceppi a presidente, il quale portò la squadra ad un periodo di crescita inarrestabile e al salto di qualità verso la massima categoria. Durante la sua permanenza ai vertici blucelesti, il Lecco nel giro di sette anni in cui concluse le stagioni in Serie C a partire dal campionato 1953-1954 sempre nelle posizioni alte della classifica, salvo una breve parentesi in IV Serie, grazie ad Angelo Piccioli in panchina, ex giocatore bluceleste, nella stagione di Serie B 1959-1960, fece conquistare per la prima volta la Serie A alla squadra tra l’entusiasmo dei tifosi e di un’intera città.

Il Lecco con Pasinato capitano

L’avventura in Serie A per il Lecco, iniziò il 25 settembre 1960, quando nell’esordio in massima serie, i blucelesti persero in trasferta per 4-0 contro la Fiorentina. La prima vittoria per i blucelesti nel massimo campionato, arrivò il 9 ottobre quando alle pendici del Resegone, il Lecco batté in casa il Padova per 2-1 e dopo una stagione di alti e bassi culminata con gli spareggi-salvezza finali contro Udinese e Bari, i lecchesi si salvarono con le unghie e con i denti grazie alle reti di Arienti.

Azzimonti è il primo da destra in piedi

Nella stagione successiva, in Serie A, nonostante la squadra venne rinforzata con l’acquisto di Bengt Lindskog e di Beniamino Di Giacomo, i blucelesti retrocessero in Serie B al penultimo posto prima con Angelo Piccioli e poi con Camillo Achilli in panchina.

Dopo quattro campionati cadetti di vertice in Serie B dal campionato 1962-1963 alla stagione 1965-1966 i blucelesti riuscirono a guadagnarsi il loro ultimo campionato di Serie A nella stagione 1966-1967, sempre con alla guida Angelo Piccioli, ma in quest’ultimo anno la squadra soffrì nelle retrovie, con una sorpresa nell’ultima partita, quando la squadra già retrocessa, riuscì a strappare un 1-1 al Milan a San Siro grazie ad una rete di Schiavo.

Sulle figurine Panini

Conclusi i fasti della Serie A, per i blucelesti iniziò un biennio d’inferno in cadetteria, dove il vulcanico presidentissimo Mario Ceppi nel 1967 lasciò la presidenza a Giovanni Mambretti per poi ritornare in sella alla società poco tempo dopo, dove nel primo anno di Serie B, la squadra si salvò agli spareggi, battendo la concorrenza del Messina e del Venezia e poi retrocedendo in Serie C l’anno dopo chiudendo al penultimo posto in classifica con Renato Gei in panchina.

Mario Ceppi, presidentissimo del Lecco a periodi alterni dagli anni 1940 agli anni 1980.

Il primo anno in Serie C, il Lecco sfiorò di poco il ritorno in Serie B, collezionando una serie di otto partite utili consecutive ed arrivando ad un solo punto dalla testa della classifica grazie alle nove reti di Pedroni, poi, nelle due stagioni successive in terza serie, la squadra dapprima terminò il campionato all’ottavo posto e successivamente, nel torneo di Serie C 1971-72, i blucelesti ritrovarono la Serie B dopo tre anni vincendo il girone A.

Il successo dei blucelesti nella Coppa Anglo-Italiana 1977

Il campionato di Serie B 1972-1973 per il Lecco non fu facile ed è stato caratterizzato da cessioni eccellenti quali quella di Chinellato e degli avvicendamenti tecnici che portarono all’esonero di Angelo Longoni e alla chiamata in panchina di Francesco Meregalli che portò la squadra all’ultimo posto in classifica con soli 25 punti.

Una squadra di “Vecchie glorie” al Rigamonti

Da quel momento, in poi, per il calcio lecchese dopo l’”era-Ceppi” iniziò un lento declino che portò la squadra fino alle categorie dilettantistiche.

Credits leccoonline.com