Siamo nel 1968. La sfida con le “Merengues” è chiaramente impari ma il Taranto fa un’ottima impressione sia dal punto vista tecnico-organizzativo che da quello dell’impegno. I migliori in campo per i rossoblu sono l’intelligente Rondoni, il sempre pronto Casini e il vivace Di Stefano.

 

Le due squadre prima della partita.

Gli spagnoli vanno in vantaggio su azione da calcio d’angolo battuto da Gento per la testa di Amancio, che incorna perentoriamente e batte Bertini, si chiude il primo tempo sullo 0-1.

 

I due capitani.

Al 10’ della ripresa il secondo gol, lo realizza Veloso che sfrutta l’ennesima combinazione tra Amancio e Gento , battendo rasoterra dal limite dell’area; il terzo gol è di Amancio , forse in fuorigioco, dopo un bello scambio con Pirri insacca da due passi; la quarta rete viene segnata in contropiede da De Diego quando tutto il Taranto è in attacco alla ricerca del gol della bandiera, viene realizzato da Bueno.
Il Taranto insiste nella ricerca della marcatura nell’ultimo quarto d’ora e colpisce una grande traversa con Gagliardelli nei minuti finali..

Il grande Gento.

 

Un’azione di gioco.

 

La partita compare sul sito statistico del Real riporta il seguente commento: “Il Taranto era una modesta squadra che giocava nella terza divisione italiana. Tra le sue fila aveva un giocatore chiamato Di Stefano”.

 

Sulla stampa spagnola.

 

Amancio firma il terzo gol del Real Madrid, il portiere Bertini e Mario Iannarilli non possono che stare a guardare.

 

Al termine di quella stagione 1968-’69 il Taranto conquisterà l’agognata promozione in serie B , a seguito della penalizzazione di 6 punti della Casertana per illecito sportivo.

Taranto, Stadio Salinella 8 Settembre 1968

Taranto: Bertini, Puccini, Rondoni, Napoleoni, Jannarilli, Casini, Ferraro (dal 46′ Malavasi), Di Stefano, Lobascio (dal 72′ Gagliardelli), Fabrizi, Beretti (dal 46′ Pucci)

Real Madrid: Betancort (dal 46′ Junguera), Sanchis, Zunzunegui (dal 46′ Miera); Pirri, De Felipe, Zoco; Perez (dal 46′ Veloso), Amancio, Lopez, Vidal (dal 12′ De Diego), Gento (dal 66′ Bueno)

Arbitro: Gialluisi di Barletta

Reti: 13’pt Amancio, 10’st Veloso, 17’st Amancio, 28’st Bueno

Note: giornata di sole, tappeto erboso in ottime condizioni; spettatori 18 mila con un incasso di 20 milioni di lire circa.

 

 

Alberto Galletti

Fotografie Vincenzo Di Maggio, Franco Valdevies e Niko Molendini.