Antonio Logozzo (Gioiosa Ionica, 26 settembre 1954). Difensore, in particolare terzino destro, cresce nelle giovanili della Bovalinese e la sua carriera professionistica inizia a 19 anni in Serie C nell’Acireale. Grazie alla continuità su buoni livelli, passa rapidamente alle categorie superiori: l’anno dopo in B con l’Avellino e quello successivo viene chiamato da Costantino Rozzi all’Ascoli in A. La stagione 1975-’76, quella del debutto in Serie A, è però negativa per la sua squadra: l’Ascoli retrocede.

Quella volta che intervistammo Antonio Logozzo

Quella volta che intervistammo Antonio Logozzo

Posted by Il Nobile Calcio di Provincia on Wednesday, 3 July 2019

La stagione successiva, Logozzo rimane nelle Marche soltanto per tre giornate, dopo di che viene ceduto al Verona, dove resterà per tre stagioni, l’ultima delle quali conclusa con la retrocessione in B. Passa quindi alla Sampdoria, dove rimarrà pure tre stagioni in Serie B, quindi viene ceduto in prestito al Cagliari e nell’estate 1982 passa al Bologna insieme a Roselli, Galdiolo e Brondi nell’ambito dell’operazione che porta in blucerchiato Roberto Mancini. Con i felsinei disputa una stagione in B e una in C1, segnando in quest’ultima l’unica rete della sua carriera, che risulterà decisiva per la promozione. La stagione 1985-’86 lo vede ancora in B con il Catanzaro, ma il campionato finirà con la retrocessione della squadra e Logozzo chiuderà la sua carriera agonistica in serie C militando con Nocerina e Atletico Catania.