La rivoluzione calcistica di Stanley Matthews
Set 2, 2022

Nel 1975, un gruppo di giovani calciatori sudafricani neri, e il loro allenatore, sbarcarono in Brasile. Il loro manager era un uomo in controtendenza, astemio, non fumatore e vegetariano in un’epoca in cui una pinta, una sigaretta e una bistecca erano il pasto perfetto prima della partita. Aveva iniziato ad insegnare il calcio in Africa quasi vent’anni prima e si era recato nel Sudafrica dell’apartheid per dare ai giovani di Soweto la possibilità di viaggiare e giocare a calcio. Sir Stanley Matthews è volato di fronte all’opprimente regime e ha dato a un gruppo di giovani la possibilità di incontrare Zico e di giocare in Brasile.

La squadra divenne affettuosamente conosciuta come Stan’s Men. A partire dalle “elezioni dell’apartheid” del 1948, il Sudafrica era diventato uno stato di polizia diviso su basi razziali. Sotto Hendrik Verwoerd, l’architetto di questo regime, i neri sudafricani erano stati confinati in patria, obbligati a portare un libretto per viaggiare all’interno. Stanley Matthews, d’altra parte, aveva vissuto il 1948 nella squadra di Blackpool che arrivò alla finale di FA Cup. Dal 1953 in poi Stanley Matthews trascorse le sue estati insegbnando calcio in tutto il continente africano.

Nel 1956, Matthews assaporò la vittoria nella competizione inaugurale del Pallone d’Oro, e poi perse il tour estivo dell’Inghilterra per andare in Sudafrica, un paese che sarebbe stato presto colpito dal primo tentativo su vasta scala di repressione. La prova del tradimento fu il processo a Johannesburg in cui 156 persone, tra cui Nelson Mandela, furono arrestate in un raid e accusate di tradimento nel 1956.

Matthews firma degli autografi nel 1957

“Ha dato la certezza ai neri che c’erano dei bianchi buoni”. L’arcivescovo Desmond Tutu lo stimava. I giovani di Soweto avevano i loro eroi, ma si rivolgevano a Matthews come se fosse uno di loro ed era importante per loro vedere che il mondo esterno si prendeva cura di loro. Nel 1975, come detto, portò alcuni ragazzi di Soweto in Brasile, utilizzando i suoi contatti per ottenere finanziamenti.

Uno dei suoi giocatori lo ha descritto come “l’uomo di colore con la faccia bianca”. Stanley Matthews ha fatto qualcosa che pochi altri giocatori sono stati in grado di fare. Ha trasceso i limiti del calcio, in cui era già una leggenda, per diventare una luce splendente dell’umanità durante i tempi più bui del Sudafrica.

L’uomo nero dalla faccia bianca

Era molto amato come calciatore e come uomo, in un modo che non era limitato dalla squadra o dalla geografia. La cosa più sorprendente, e più importante, tuttavia, è che Sir Stanley non insegnava calcio in Africa a causa di un senso di dovere. Né lo ha fatto come trovata pubblicitaria. Sembrava amare l’Africa e gli africani e amava allenarli, ed è questo che lo distingue dagli altri calciatori filantropici. Aiutare l’umanità era la sua mission, il calcio il suo hobby. Era una leggenda in entrambi i casi.

Alcuni giocatori ghanesi al fianco di Matthews

Sessantanove anni fa, il calciatore Stanley Matthews indossò la divisa inglese e offrì una performance di audacia mozzafiato La partita che unì Matthews all’Africa si tenne a Wembley, il famoso stadio a nord di Londra, il 21 ottobre 1953.

Un giovane portiere sudafricano, fu tra gli spettatori che videro l’Inghilterra pareggiare 4-4 con il Resto d’Europa. Snoyman era in tournée in Gran Bretagna con i Johannesburg Rangers e si recò a vedere Matthews, l’ala destra di 38 anni che veniva pubblicizzato come il più grande calciatore del mondo.

Matthews è stato investito come capo del calcio

Era incantato. “Dopo che tutti avevano lasciato il terreno, sono rimasto al mio posto, chiedendomi se avessi sognato”, ha detto Snoyman. “È stato incredibile. Matthews ha recitato in uno spettacolo personale … non avevo mai visto niente del genere”. Snoyman decise di portare Matthews in Sudafrica, dove le radici della popolarità del calcio stavano scavando in profondità, in particolare nella comunità nera.

Il presidente del Ghana, Kwame Nkrumah, è stato ispirato dalla visita di Matthews per utilizzare lo sport come strumento unificatore nazionale

Quando Matthews andò in Sudafrica due anni dopo, non era proprio come aveva inteso Snoyman. Non era riuscito a convincere la Southern Transvaal FA che il finanziamento del viaggio dell’inglese valeva i soldi ed è rimasto mortificato nello scoprire che i funzionari del Natal erano intervenuti per iscriverlo a una partita di esibizione a Durban. Snoyman ha guidato per 400 miglia fino a Durban, dove ha convinto Matthews a prendere parte a una partita a Johannesburg, che ha attirato 36.000 spettatori al Rand Stadium.

Il programma della partita a Johannesburg. L’arcivescovo Desmond Tutu ha detto che la visita di Matthews a Soweto ha intaccato l’armeria dell’apartheid in Sudafrica

Ormai Matthews era così richiesto che la sua visita di due settimane durò quasi un mese durante il quale giocò anche partite a Lourenço Marques, ora chiamata Maputo, la capitale del Mozambico, e nella Rhodesia Meridionale e sSettentrionale, che successivamente divennero Zimbabwe e Zambia.

In Matthews si risvegliò una voglia di viaggiare che sarebbe rimasta con lui per la maggior parte del resto della sua vita. Ha viaggiato in tutto il mondo ma è stato nel continente africano che gli è piaciuto di più tornare.

Il rigoroso regime di vita di Matthews gli ha permesso di giocare a calcio professionistico fino all’età di 50 anni

Fu a Zanzibar nel 1956 che Matthews si rese conto per la prima volta della portata della sua fama internazionale. Un’agenzia di stampa americana ha riportato il seguente episodio avvenuto durante un viaggio in macchina: “Nessuna partita era stata organizzata per lui nell’isola, ma quando i bambini arabi e africani scalzi hanno assalito la sua macchina, è sceso, ha aperto la strada su un terreno spoglio e disse: ‘Facciamo una partita’“. Matthews confessò:“Non ho mai sognato che il calcio, e il mio nome, fossero così familiari in un angolo così remoto del mondo”. In quel viaggio, Matthews si presentò anche per una partita di esibizione a Nairobi in Kenya. Un compagno di squadra ha ricordato un episodio che dimostra  quanto velocemente Matthews si fosse adattato alle condizioni africane.

Matthews ha anche giocato e insegnato in Kenya

Prima della partita un giornalista è entrato nello spogliatoio e ha chiesto di vedere le scarpe di Matthews: “Sapevamo entrambi cosa si aspettava il giornalista: un paio di scarpe da calcio inadatte. Ma Stan ne indossava un paio perfetto sul terreno duro dell’Africa”.

Matthews tornò in Africa nel 1957, questa volta in Ghana, Sudafrica e Nigeria. In Ghana è stato ospite del Primo Ministro, Kwame Nkrumah, che aveva invitato Matthews a partecipare alle celebrazioni per l’indipendenza del suo Paese. Esistono filmati di Matthews seduto su un trono di legno e avorio, scolpito a forma di elefante, incoronato “Soccerthone”, il re del calcio.

Matthews a Soweto

Tutto questo è successo mentre Matthews stava ancora giocando. Sorprendentemente per un giocatore esterno, ha disputato la sua ultima partita da professionista nella English Football League che aveva 50 anni. Solo quando si è ritirato ha avuto il tempo di concentrarsi sull’insegnamento, che lo ha portato alla creazione della sua squadra di calcio nelle township di Soweto a Johannesburg: Sir Stan’s Men.

Gli Stan’s Men in Brasile con Zico

Contrariamente ad alcune affermazioni, c’è però chi sostiene che Matthews non sia stato un combattente dell’apartheid e il suo coinvolgimento a Soweto non sarebbe stato una sua idea. Piuttosto, l’impulso sarebbe giunto dai suoi sponsor, la Coca-Cola e il giornale che pubblicizzava il suo viaggio. Il loro desiderio era di vederlo reagire positivamente alla crescente opposizione internazionale al regime bianco del Sudafrica.

Così Matthews ha trovato un vero appagamento nell’allenare i Sir Stan’s Men, il cui momento clou è stato il viaggio della squadra a Rio de Janeiro nel 1975.

Mario Bocchio

Foto: arcivio “The Sir Stanley Matthews Coaching Foundation”

Condividi su: