I giorni di gloria del calcio olandese
Ago 25, 2022

Aveva l’aspetto di una rock star: capelli lunghi, mossi, biondo sporco e occhi color oliva (li conserva ancora). Alcuni lo chiamavano  “George Harrison del calcio”. Godeva dello status di cult tra i suoi fan e in qualunque club giocasse, ha lasciato la sua impronta. La gente amava la sua passione sul campo, il suo atteggiamento mai deciso e il suo stile di gioco pieno di ottani e a tutto campo.

Johan Neeskens era più di un semplice “l’altro Johan”. Se Johan Cruyff era l’anima dietro l’efficacia dell’Olanda e del “Calcio totale” negli anni ’70, Neeskens era il corpo. Mentre Cruyff era l’artista che amava tutti, Neeskens era il gladiatore che ha sfidato tutto e tutti per la squadra.

Entrambi erano complementari tra loro e formavano il nucleo del concetto di Total Football di Rinus Michels.

“Quello che abbiamo fatto in quel periodo è stato bellissimo. È stato spettacolare”, ricorda sempre Neeskens, classe 1951.

Negli anni ’70, l’Olanda – una squadra che incarnava il Total Football – raggiunse la finale dei Mondiali 1974 e 1978, ma perse di poco in entrambe le occasioni contro le nazioni ospitanti. Nel 1974, anche se Neeskens segnò l’unico gol dell’Olanda in finale, la Germania Ovest di Franz Beckenbauer vinse una partita molto contestata per 2-1. E, nel 1978, l’effervescente Mario Kempes si assicurò che l’Argentina vincesse 3-1 ai supplementari dopo che entrambe le squadre furono bloccate sull’1-1 dopo novanta minuti. La squadra olandese di quell’epoca è considerata una delle migliori a non aver vinto la Coppa del Mondo.

Insieme al Ct olandese Rinus Michels e a Johan Cruijff

Parlando della squadra olandese di cui faceva parte e che era gestita da Michels, nominato allenatore del Ventesimo secolo dalla FIFA, Neeskens afferma: “Era il calcio dominante. Attaccavamo e segnavamo. Quando avevamoil possesso palla, c’erano molti passaggi; e anche senza palla, tanto movimento. Interpretare e mettere in pratica la filosofia di Michels non è stato facile. Praticavamo il calcio totale tutti i giorni perché puoi essere migliore solo quando fai tante ripetizioni. Era un gioco molto disciplinato con un carattere molto forte. Il vantaggio per noi è stato che abbiamo giocato con la stessa squadra per un periodo di tempo considerevole. Al giorno d’oggi, questo è impensabile perché i giocatori vanno e vengono costantemente”.

Neeskens (a sinistra) in nazionale, al tiro nella finale del campionato mondiale di calcio 1974 tra Paesi Bassi e Germania Ovest; Beckenbauer cerca di opporsi alla conclusione, sotto lo sguardo di Rep e Breitner

Neeskens era instancabile, un corridore instancabile e si adattava perfettamente allo schema di Michels. Spiegando il Total Football, Neeskens afferma: “È una teoria tattica in cui qualsiasi giocatore esterno può assumere il ruolo di qualsiasi altro giocatore in una squadra. In questo sistema fluido, nessun giocatore esterno è fissato in un ruolo predeterminato; chiunque può giocare successivamente come attaccante, centrocampista e difensore. L’unico giocatore che deve rimanere in una determinata posizione è il portiere. Attacchi con tutta la squadra e poi difendi con tutta la squadra. Il successo di questo stile dipende in gran parte dall’adattabilità di ogni calciatore all’interno della squadra, dalla capacità di cambiare rapidamente posizione”.

Nel Barcellona, “temporada” 1976-’77. In piedi, da sinistra: Back: Mora, Ramos, Neeskens, Amarillo, Olmos, Migueli.
Accosciati, sempre da sinistra: Marcial, Sanchez, Cruyff, Asensi, Clares

La collaborazione dei due Johan è leggendaria. Se Cruyff ha preparato il palcoscenico e aggiunto dramma, allora Neeskens era l’uomo d’azione in un ambiente in continua evoluzione. Neeskens era la controparte perfetta per Cruyff, ma in qualche modo è sempre rimasto nell’ombra di Cruyff.

“Non mi dispiaceva essere il secondo più grande giocatore del mondo”, confessa Neeskens sfacciato. “Ma lui (Cruyff) era un genio. In campo pensava in tempo reale, poteva sconfiggerti in un batter d’occhio. Ho giocato sette anni con lui e durante quel periodo posso affermare che è stato il miglior giocatore del mondo”.

Condividi su: