Ostinato fino alla morte. Per amore
Giu 21, 2022

Il nome di Sándor Szűcs potrebbe non essere così conosciuto come quello dei suoi ex compagni di squadra Ferenc Puskás, József Bozsik o persino Ferenc Deák, tuttavia, il difensore con 19 presenze occupa un posto unico nella storia del calcio ungherese.

Per il reato di innamorarsi di una donna sposata e di aver tentato di sfuggire al rigido regime comunista di Mátyás Rákosi, Szűcs fu condannato a morte e giustiziato dallo Stato il 4 giugno 1951, diventando il primo – e unico – calciatore a subire questo destino.

Sándor Szűcs, evidenziato nel cerchio giallo, con la nazionale ungherese 

Nato nella città di Szolnok, a circa cento chilometri da Budapest, Szűcs ha iniziato la sua carriera da giocatore con la squadra locale dello Szolnoki MÁV nel 1939 all’età di 17 anni, e solo due anni dopo ha debuttato in nazionale contro la Jugoslavia.

Nel 1944, e con 7 presenze già all’attivo, Szűcs si trasferì nella capitale, all’ Újpest con il quale avrebbe vinto poi vinto tre scudetti consecutivi dal 1945 al 1947 e si sarebbe affermato saldamente come un pilastro della nazionale.

Tuttavia, un incontro casuale e alla fine fatale nel 1948 con la cantante jazz emergente Erzsi Kovács avrebbe avuto implicazioni per la carriera e per la stessa vita.

Nell’ Újpest

Szűcs e Kovács si innamorarono perdutamente l’uno dell’altro dopo il loro primo incontro e iniziarono una relazione appassionata, nonostante entrambi fossero sposati all’epoca. Le autorità disapprovarono tale comportamento e, per evitare gravi scandali, Szűcs fu espulso dalla nazionale e fortemente consigliato dall’AVH (Államvédelmi Hatóság), la polizia segreta ungherese, di abbandonare la relazione per poi non dover affrontare le conseguenze. Gli dissero che le sue gambe da calciatore non avrebbero potuto aiutarlo a scappare.

A peggiorare le cose, l’Újpest, squadra del club di Szűcs, era da poco passata sotto il controllo della polizia, rendendolo tecnicamente un agente di polizia e anche sottoponendolo a un controllo più attento da parte delle autorità.

Dopo essere stati interrogati dall’AVH, Szűcs e Kovács decisero che il loro futuro sarebbe rimasto insieme e lontano dall’Ungheria. Con il noto interesse del club italiano del Torino, i due decisero di chiedere l’aiuto di un contrabbandiere e di intraprendere la pericolosa strada percorsa da molti ungheresi prima di loro, tra cui il grande László Kubala, e disertare in Occidente per continuare la loro vita insieme.

Erzsi Kovács

Il 6 marzo 1951 Szűcs e Kovács iniziarono il loro ultimo viaggio insieme al conduttore incaricato di portarli fuori dal paese di contrabbando.

Poco dopo aver attraversato un posto di blocco vicino al confine austriaco, il trio è stato fermato dai soldati dell’AVH, a quel punto il contrabbandiere si è rivelato un agente dello stesso AVH e ha consegnato la coppia alle autorità. In qualità di agente di polizia in servizio in virtù della sua militanza nell’ Újpest Dozsa, Szűcs era stato consigliato dal contrabbandiere di portare con sé la sua pistola rilasciata dalla polizia per protezione durante il viaggio. Essere catturato con l’arma in suo possesso mentre cercava di disertare lo lasciò esposto a una legge anti-defezione che prevedeva l’ergastolo o la pena di morte per i membri di qualsiasi servizio armato sorpresi a disertare.

Dopo il loro tradimento e cattura, Sándor Szűcs ed Erzsi Kovács furono portati nella famigerata Terror Háza (Casa del Terrore), allora quartier generale dell’AVH, ora oggi una popolare attrazione turistica al numero 60 di Andrássy út nel centro di Budapest, dove furono torturati e interrogati per aver tentato di attraversare la frontiera illegalmente e, nel caso di Szűcs, di alto tradimento.

Szűcs fu processato davanti a un tribunale militare nel maggio 1951 con solo un avvocato nominato dal tribunale, che non conosceva, per difendere la sua posizione in quello che era essenzialmente un processo farsa. È stato ritenuto colpevole di tutte le accuse e condannato a morte per impiccagione, una decisione adottata come un deterrente per altre star dello sport o uomini di spettacolo che avrebbero potuto considerare la possibilità di fuggire in Occidente.

Dopo l’annuncio della cokpevolezza di Szűcs e della condanna a morte, Kovács implorò il suo amante di chiedere pietà alla corte, Szűcs rifiutò affermando che avrebbe preferito morire piuttosto che vivere la sua vita separato da Erzsi. Anche gli ex compagni di squadra Puskás e Bozsik hanno tentato di contrattare per la vita di Szűcs, ma senza successo.

La vicenda sui giornali dell’epoca

Il 4 giugno 1951 Szűcs fu giustiziato dallo Stato ungherese.

A Kovács è stata risparmiata la condanna a morte per il suo ruolo nel tentativo di defezione ed è stata invece condannata a quattro anni di reclusione. Dopo il suo rilascio, Erzsi ha ripreso la sua carriera di cantante diventando uno degli artisti ungheresi più popolari e di successo fino alla sua morte nel 2014.

La “Casa del Terrore” a Budapest

Szűcs aveva solo 29 anni al momento della sua esecuzione ed era all’apice della sua carriera da giocatore. Era un tre volte campione nazionale con Újpest e titolare nella nazionale, avrebbe sicuramente trovato un posto nella famosa Aranycsapat se il destino non fosse intervenuto e gli avesse dato una mano sbagliata.

Nel 1989, dopo la caduta dello Stato comunista in Ungheria, la condanna a morte di Szűcs è stata revocata e dichiarata una violazione della legge. Anche una tribuna allo Szusza Ferenc Stadion di Újpest è stato ribattezzato in sua memoria.

Mario Bocchio

Condividi su: