Per tutti era “Maranga”
Mar 12, 2022

Questo centrocampista argentino ha iniziato la sua carriera al Chacarita Juniors nel 1974, ma è stato dieci anni dopo, all’Independiente di Avellaneda, che ha avuto la sua consacrazione individuale e collettiva. “Maranga” si è distinto per la sua prestanza, la sua tecnica e la sua capacità di giocare da un’area all’altra.

Nel Chacarita Juniors

Parlare di Claudio Marangoni è riferirsi a una delle stelle più importanti del calcio argentino degli anni ‘70 e ‘80. Nato il 17 novembre 1954, è cresciuto a Rosario, città  da cui provengono anche César Luis Menotti e Lionel Messi .

Marangoni ha iniziato nel calcio professionistico al Chacarita Juniors. Arrivò a San Martín tramite un amico, dopo averlo accompagnato ad un provino per giovani organizzato dal club, dove alla fine sarebbe stato scelto.

Marangoni nel San Lorenzo

Il suo esordio in Prima Divisione avviene il 21 luglio 1974, grazie al direttore tecnico della squadra, Humberto Maschio, i “Funebreros” perdono 1-0 contro l’Atlético Regina. Fin dall’inizio della sua carriera si sono viste le doti uniche che lo hanno reso un giocatore eccezionale: nonostante misurasse 1,86 metri, ha gestito il pallone con solvibilità e qualità, oltre ad avere un’eleganza tipica dei calciatori che controllano la sfera come nessun altri. Tuttavia, la sua massima prestazione non si realizzò mai nella squadra di San Martín e allo stesso modo la sua consacrazione non arrivò nel Chacarita, ma dieci anni dopo.

“Maranga”, come è noto, lascerà il Chacarita Juniors nel 1976 per vestire la maglia del San Lorenzo, dove in tre anni segnerà 29 gol in 135 partite. Le sue grandi prestazioni nel box lub azulgrana proiettano su di lui le attenzioni dell’Europa. La sua nuova destinazione? L’Inghilterra, un paese da cui l’Ipswich Town e il Chelsea lo hanno seguito? Ma alla fine fu il Sunderland che lo fece firmare nel 1979 per £ 380.000.

La prima partita nelle isole britanniche ebbe luogo l’8 dicembre 1979, fu la vittoria per 2-1 della sua squadra contro il Cardiff City. Quel giorno il suo allenatore, Ken Kenighton, espresse la sua soddisfazione per la prestazione di Marangoni. “Considerando che è la sua prima partita in un mese… penso che abbia fatto abbastanza bene”, disse.

Ma nella sua unica stagione in “The Black Cats”, nonostante abbia giocato 20 partite di campionato e segnato tre gol, non si è mai sentito a suo agio. Peraltro, l’ex giocatore del Chacarita, non era d’accordo con i metodi del suo allenatore che chiedeva obbedienza assoluta senza fare domande. D’altra parte, la diversa mentalità dei suoi compagni di squadra lo ha fatto scontrare con loro più di una volta. Nonostante ciò con i biancorossi raggiunse il secondo posto nella Seconda Divisione d’Inghilterra, ottenendo la promozione in Prima Divisione.

Anno 1983., in un undici dell’Independiente di Avellaneda

Ha trascorso una stagione al Sunderland ed è tornato in Argentina, nell’Huracán, dove ha giocato 57 partite tra il 1980 e il 1981, segnando nove gol. Nella squadra del Parque Patricios si vide un calciatore più maturo e consolidato.

Ciò ha attirato l’attenzione dell’Independiente di Avellaneda, un’istituzione che non vinceva una coppa dal 1978. Ecco perché “El Rojo de Avellaneda” è stato rafforzato con “Maranga” , che ha formato un centrocampo di lusso con Ricardo Giusti, Jorge Burruchaga e Ricardo Bochini.

Così, agli ordini di José Pastoriza, Marangoni ha trovato la sua dimensione migliore, essendo un centrocampista capace di dare un contributo sia in difesa che in attacco e in grado di raggiungere entrambe le aree, cosa che, insieme alla sua squisita tecnica e alla sua altezza, gli hanno permesso di essere una pedina ideale per creare occasioni da gol e completare la difesa.

Claudio Marangoni, nel Boca Juniores, e Carlos «Cai» Aimar
Jorge Burruchaga, Ricardo Giusti e Claudio Marangoni in una partita con l’Argentina

Con l’ Independiente ha vinto il Torneo Metropolitano nel 1983, e i due titoli più importanti: la Copa Libertadores e la Coppa Intercontinentale nel 1984.

Claudio Marangoni si offrì di tornare in Inghilterra, fu in occasione della Coppa Intercontinentale giocata in Giappone contro i campioni europei del Liverpool. Si disse che uno dei suoi uomini, Kenny Dalglish, consigliò a “Maranga” di rimanere in Argentina, visto che “almeno lì hai un po’ di sole”.

Era uno dei grandi candidati a fare parte dell’Argentina per i Mondiali del 1986, ma i conflitti con l’allenatore dell’Albiceleste, Carlos Bilardo, lo lasciarono fuori.

Il Boca Juniros fu l’ultima squadra di Marangoni, che arrivò nel 1988. Con gli “Xeneizes” vinse la Supercoppa del Sud America nel 1989 contro l’Independiente e la Recopa nel 1990. Non rinnovò il contratto con la squadra blu e oro a causa dei dissapori con l’allenatore Carlos Aymar. La sua ultima partita da professionista risale al 14 dicembre 1990 contro il San Lorenzo. Fu una gara passata alla stotria anche perché sospesa sospesa per l’omicidio di un tifoso del “Boca” nell’intervallo.

Mario Bocchio

Condividi su: