Tahamata: “Non vivevo nel peggior campo, ma avrei potuto essere uno dei dirottatori”
Ago 18, 2021

“Simon, ti darò la chiave del nostro successo. Vincerai per noi, non è vero?”

(Raymond Goethals)

A parte i colori, Standard Liegi e Ajax Amsterdam hanno poco in comune. Lo stile di gioco che ha fatto la reputazione delle due squadre è completamente opposto: la furia sul Maas e il calcio totale di Cruyff sul lato dell’Amstel. I trasferimenti reciproci: Tahamata e Danilo in direzione di Liegi, Meeuws, Wamberto e Marin a nord. “Lo Standard è più simile al Feyenoord, che ha anche una tradizione di calcio della classe operaia. Tuttavia, ciò non esclude buoni giocatori tecnici come un Sigurvinsson allo Standard “ dice Simon Tahamata. Tahamata ha intrapreso la strada di Liegi il giorno dopo una semifinale persa in Coppa dei Campioni contro una squadra inglese, il Nottingham Forest nel 1980: 25 milioni di BEF (circa 625.000 euro per il piccolo molucano.

Tahamata nell’Ajax

Da bambino

“L’Ajax mi ha venduto senza avvisarmi o coinvolgermi”, Simon Tahamata si è sempre pentito. Anche se questo non ha cambiato i suoi sentimenti nei confronti del club olandese dove ha firmato di nuovo come allenatore delle giovanili nel 2015, e questo dopo una prima esperienza tra il 1999 e il 2004. “A quel tempo era sempre così. Avevo ripreso ad allenarmi un lunedì con l’Ajax, quando un allenatore ha informato di alcune speculazioni. Il presidente dell’Ajax mi ha chiamato giovedì sera per dirmi che ero stato venduto a Standard! Sono quindi partito per Liegi per sottopormi ad alcuni esami medici e ho firmato il contratto. Domenica è iniziato l’allenamento pre-campionato con i Rouches, guidati da un certo Ernst Happel “. Un dettaglio piccante quando ricordiamo che l’allenatore austriaco, che nel 1978 sarebbe diventato il salvatore della squadra arancione, non aveva mantenuto Tahamata nella sua lista dei 22 giocatori per i Mondiali argentini. “Facevo parte della preselezione di 25 giocatori ma non sono mai arrivato alla fine… gli avevo parlato di nuovo durante un torneo a Parigi con PSG, Ajax, Amburgo e Standard. Ci è capitato di essere nello stesso hotel dello Standard. Non sapevo che in quel momento avrei poi giocato con lo Standard sotto le sue cure. Da quello che ho sentito, Happel ha insistito per farmi entrare”.

Nello Standard Liegi. Tra gli altri, ci sono anche  Eric Gerets , Arie Haan e Johnny Dusbaba

Ma da qualche parte Simon Tahamata sentiva che non tutti lo valutavano molto all’Ajax. Un anno prima della sua partenza per lo Standard, l’Ajax aveva già assunto un atteggiamento straordinario.

In azione con la Rouche

“Peter Boeve (che in seguito divenne suo compagno di squadra a Beerschot, NdR) era appena stato acquistato dal Vitesse Arnhem e l’allenatore Henk Wullems mi ha contattato per vedere se ero interessato a un trasferimento nella direzione opposta. Quando avevo 23 anni, non mi vedevo giocare per un club che lottava per non retrocedere. Se dovevo andarmene andarmene, avrei preferito Twente o RWDM … Ma è diventato chiaro che i membri della direzione non erano soddisfatti dei miei servizi. Non ho potuto fare a meno di pensare che avrebbero preferito sbarazzarsi di me”, Ha detto in un’intervista a una rivista olandese nel 1979. Il background delle Molucche di Simon Tahamata ha avuto un ruolo in questo atteggiamento?

Negli anni ’70, vari membri della comunità dell’ex colonia olandese non hanno esitato a intraprendere azioni energiche per protestare contro le loro deplorevoli condizioni di vita nei vari campi. Azioni come dirottamenti e rapimenti. Lo stesso Simon Tahamata è nato in uno dei campi. “Ho un passaporto olandese, poi ho adottato la nazionalità belga. Ma questi sono solo documenti. Sono molucano nel caso non l’avessi ancora visto .Non vivevo nel peggior campo, ma avrei potuto essere uno dei dirottatori “.

In versione testimonial

Resta il fatto che Simon è stato lanciato da Tomislav Ivic nel 1976 e ha vinto 4 titoli in 5 anni nel club olandese ed è entrato in nazionale nel 1979 per succedere a Robbie Rensenbrink. In retrospettiva, Simon non è tornato indietro con il suo trasferimento allo Standard. “Con Happel, ho giocato principalmente sulla fascia sinistra. Quando Raymond Goethals ha rilevato la squadra, mi è stata concessa più libertà come seconda punta “.

Ai tempi dell’Ajax, e a pescare c’è anche l’allenatore Leo Beenhakker 

“Non sono uno che segna molti gol“, ha detto Tahamata prima di lasciare l’Ajax (13 gol in 109 partite). Un dato che è stato confermato durante la sua prima stagione con la Rouche (4 gol in 34 partite). Ha segnato i suoi primi due gol contro  il  Bruges il 7 settembre 1980, e con una grande prestazione vinse da solo la partita 1-7 all’Olympiastadion. “Quel giorno fummo distrutti da un uomo”, ammise un giorno il suo ex compagno di squadra Walter Meeuws, che allora giocava ancora con i nerazzurri.

Nella nazionale olandese

In tutte le competizioni mise a segno 7 gol, di cui uno allo Sclessin (nel derby contro RFC Liégeois) e concluse  quella stagione ‘80-‘81 con una vittoria in coppa (4-0 contro il Lokeren con un sui gol). Era la stagione in cui nacque un’amicizia per la vita con Jos Daerden, che aveva accolto a casa sua la famiglia Tahamata durante i primi mesi in Belgio.

La stagione migliore doveva ancora venire (nonostante l’enorme errore che è stato l’affare Standard-Waterschei) con Raymond Goethals. “Ah Raymond … Sì, tutto ciò che è stato detto è vero. Durante le discussioni tattiche, ha detto che potevo andare a dormire. E alla vigilia di una partita, non ha mai voluto che mi allenassi per evitare un infortunio. Non sono sempre stato d’accordo … “.

Proprio come Rensenbrink era il favorito dei tifosi ad Anderlecht, così lo era Simon a Liegi. “Ho giocato segretamente a futsal in Olanda durante la settimana. Nessuno allo Standard se ne accorgeva .. fino a quando non è stata trasmessa una proiezione alla televisione olandese! Ovviamente ci sono stati dei mugugni… ma non ho ricevuto una multa. E ho continuato a giocare a futsal! Allo Standard eravamo una squadra di amici, anche fuori dal campo, con tanti ragazzi del Limburgo, oltre a Meeuws, Haan e Botteron. In realtà c’erano pochissimi giocatori di lingua francese in questa squadra, tranne Michel Preud’homme e alcuni giovani come Gilbert Bodart, Roberto Sciascia ed Etienne Delangre. La lingua dello spogliatoio era l’olandese. Se ci sono state molte feste? Intendi sempre? Ma la mattina dopo eravamo tutti lì. Goethals caoiva fino a che punto poteva lasciarci andare, ad esempio mi sono goduto una giornata di jogging da Sart Tilman per andare dal parrucchiere”.

Lo stile di Tahamata, qui ritratto in azione con il Beerschot

E gli aneddoti continuano ad arrivare. “In attesa di un viaggio in Kuwait, ho comprato una tunica araba. Una volta a Zaventem, mi sono travestito nei bagni e ho superato la dogana in incognito. Raymond non mi ha ritrovato subito sull’aereo e voleva impedire che decollasse senza di me. Era preoccupato per la mia ‘assenza’. Quando mi sono mostrato, mi disse una buona vecchia parolaccia. Roger Petit, che era in viaggio con noi, non è riuscito a trattenersi. Ok, ero travestito ma ero puntuale sull’aereo. Raymond era molto nervoso quando eravamo ancora sullo 0-0 a metà tempo, e ha chiesto al suo assistente Léon Semmeling di ricordarmi come cadere in area … è vero che ho ottenuto tanti rigori per i Rouches … “. Simon Tahamata, all’epoca quasi il rigorista ufficiale, è addirittura diventato vice-capocannoniere nel campionato ‘82-‘83 con 19 gol (di cui 8 rigori), appena dietro Erwin Vandenbergh (20). Ma anche senza i rigori faceva impazzire i difensori. Un anno dopo Birger Jensen, è stata la volta del portiere del club Philippe Vande Walle ad avere un’amara esperienza con Simon all’Olympia. “Ricordo che Rik de Saedeleer, che ha commentato le partite per la BRT (televisione fiamminga), ha chiuso la partita con un ‘Club Bruges zero, Tahamata tre’ “.

Il passaggio al Feyenoord

Con lo Standard le Molucche hanno vinto tutto (coppa, supercoppa e campionato), tranne una finale europea. “Barcellona, nel 1982. Vandersmissen è stato veloce ad aprire il punteggio, ma sentivi di non poter vincere questa partita. Durante la pausa non volevo tornare in campo. Quel difensore spagnolo Migueli era un vero assassino, non aveva niente a che fare con il calcio “.

La bella storia si è conclusa bruscamente nell’aprile dell’84 con una sospensione di nove mesi. “Ho vissuto i migliori anni della mia carriera allo Standard. Un periodo fantastico a Sclessin … ma difficilmente può essere diverso quando passi attraverso i nomi di quel tempo: Preud’homme (sentivi che aveva l’allenamento in lui), Gerets, Meeuws, Dusbaba, Renquin, Plessers, Vandersmissen, Haan , Daerden – Jos è diventato un amico per la vita – Önal, Graf, Edström, Hrubesch, Wendt … Lo Standard aveva già vissuto delle belle generazioni, ma anche questa era molto matura “.

Ha segnato il suo ultimo gol con i  Rouche il 25 marzo 1984 contro il Seraing. La sua ultima partita è stata il 1 aprile , contro il Bruges. Un modo per completare il cerchio per il suo soggiorno in Belgio.

Nel Germinal Ekeren

Mentre il capitolo come giocatore allo Sclessin si è chiuso nell’84, è tornato al club nel 1996 come allenatore delle giovanili. “Avevo appena terminato la mia carriera attiva e volevo diventare un allenatore giovanile. Stavo cercando un lavoro vicino a casa mia a Tongeren e ho fatto domanda con Roger Henrotay, che all’epoca era ancora allo Standard. Ho fornito formazione tecnica e allenato la squadra junior. Sono rimasto lì per tre anni, e avevo Mehdi Carcela, Kevin Mirallas, Nacer Chadli, Olivier Werner, Jonathan Legear e Junior Edmilson sotto la mia cura … Poi sono partito per il Germinal Beerschot nel 1999, che è diventato un satellite dell’Ajax “.

I fans dello Standard non lo hanno mai incolpato. Nemmeno quando è tornato in Belgio dopo un passaggio intermedio al Feyenoord. Prima a Beerschot (1987-1990) e poi al Germinal Ekeren per concludere la sua carriera nel 1996. Nonostante abbia più volte incrociato lo Standard in campo tra il 1987 e il 1996, ha vinto solo una volta contro i Rouches, in una partita di coppa il 21 dicembre 1988. “I tifosi dello Standard non mi hanno fischiato quando ho bloccato loro la strada verso l’Europa con il Germinal. Come dico sempre: se dai molto, ottieni molto”.

Condividi su: