Gli anni Ottanta sono stai giorni bui per il calcio, con gli orrori di Hillsborough e Bradford impressi nei ricordi per sempre. Ma il disastro di Heysel del 1985, in Inghilterra è diventato la tragedia dimenticata del gioco. Per le generazioni moderne dei tifosi di calcio svezzati con gli stadi con i seggiolini e una copertura televisiva raffinata, deve essere difficile immaginare che c’è stato un giorno in cui una partita diventò una questione di vita o di morte. Il fuoco che ha squarciato uno steccato di legno a Bradford, provocando 56 vittime, e i terribili eventi di Hillsborough hanno lasciato una macchia oscura sul calcio e su coloro che lo hanno governato, portando a molti cambiamenti.

I tifosi della Juventus hanno ricordato le vittime del disastro di Heysel

Eppure per alcuni, la catastrofe allo stadio Heysel di Bruxelles, in Belgio, il 29 maggio 1985, si trova in qualche modo a disagio in questa serie di catastrofi. Trentanove persone sono morte e seicento sono rimaste ferite: i tifosi bianconeri furono schiacciati contro un muro che è poi crollato durante la finale di Coppa dei Campioni tra Liverpool e Juventus. Un’ondata di tifosi del Liverpool verso i tifosi della squadra italiana. Come dimenticare quelle drammatiche immagini? Ciò comportò l’esclusione dei club inglesi dall’Europa per cinque anni e ha inasprito la reputazione sempre più malvagia dei tifosi inglesi dell’epoca. La colpa e la colpa si sono palleggiate per anni tra i due gruppi di tifosi, e le emozioni erano ancora palpabili nel 2005, quando i due club si incontrarono per la prima volta dopo il disastro in un quarto di finale di Champions League ad Anfield.

Alcuni tifosi della Juventus hanno chiarito i loro sentimenti durante la partita contro il Liverpool a Torino nel 2005

I tifosi del Liverpool avevano in mano carte colorate con le quali scrissero la parola “Amicizia”, e mentre il gesto è stato applaudito da molti sostenitori della Juventus, altri voltarono le spalle. Rogan Taylor, docente di studi calcistici all’Università di Liverpool, ha affermato che una serie complessa di sentimenti ha circondato il disastro perché la gente si vergognava di affrontare la scomoda realtà del teppismo. Heysel inoltre è stato “un giorno nero” per la città di Liverpool, il sentimento in città è stato ed è ancora oggi di disperata, disperata vergogna e depressione. “All’epoca c’era un controverso governo locale e c’erano solo due grandi fonti di eccellenza culturale: la musica e il calcio. Avevamo la migliore squadra di calcio del mondo e questa è stata una pugnalata nel cuore della città. È stata una giornata nera, nera”.

Il disastro è avvenuto dopo i disordini tra i tifosi del Liverpool e della Juventus prima della finale di Coppa dei Campioni del 1985

Circa un’ora prima del calcio d’inizio della finale di Coppa dei Campioni del 1985, un gruppo di tifosi del Liverpool attraversò un recinto che li separava da un’area neutrale che conteneva principalmente normali tifosi della Juventus, molti padri di famiglia con i loro figli. Mentre fuggivano dalla minaccia, furono schiacciati in un settore del vecchio e inadeguato stadio di Bruxelles, contro un muro di contenimento in cemento, che alla fine è crollato. Trentanove persone sono morte.

I capitani di Liverpool e Juventus, Phil Neal e Gaetano Scirea, prima del fischio d’inizio di una partita che venne giocata per forza

La partita è stata giocata nonostante il disastro, al fine di prevenire ulteriori disordini, con la Juventus che ha vinto 1-0. Tra gli uccisi c’erano 32 italiani, quattro belgi, due francesi e uno dall’Irlanda del Nord. Quattordici tifosi del Liverpool sono stati giudicati colpevoli di omicidio colposo e ciascuno incarcerato per tre anni. Taylor ha affermato che, poiché il disastro è avvenuto in Belgio, non è stato qualcosa che i sostenitori inglesi – e le autorità – hanno potuto analizzare e fare i conti con il modo in cui avrebbero potuto fare se fosse accaduto nel Regno Unito.

Una frangia di facinorosi ultras bianconeri nel corso dei disordini dell’Heysel. Immagini come queste, al tempo, non vennero divulgate nell’intento di addossare tutta la colpa esclusivamente agli inglesi

 “È stata una tragedia accaduta in una terra straniera”. Quattro anni dopo, 96 tifosi del Liverpool hanno perso la vita dopo durante la semifinale della FA Cup del 1989 tra Liverpool e il Nottingham Forest allo stadio di Hillsborough di Sheffield. Le circostanze di quello che è successo esattamente quel giorno sono state studiate per ventisei anni, in gran parte grazie a una campagna per la verità condotta dalle famiglie delle vittime colpite dal lutto.

Le provocazioni degli ultras juventini nei confronti dei tifosi del Liverpool

Nuove inchieste sul disastro stanno ancora oggi indagando sulle accuse di una complessa serie di fallimenti da parte delle autorità quel giorno. La colpa di Heysel fu inizialmente attribuita interamente agli hooligans del Liverpool, e quattordici, come detto, furono successivamente dichiarati colpevoli di omicidio colposo e incarcerati. Tuttavia, un’indagine successiva ha appurato che una certa responsabilità era dovuta alle autorità belghe e alla condizione fatiscente dello stadio Heysel. Phil Hammond, che ha perso suo figlio di 14 anni, Philip, a Hillsborough, ha detto che ricorda bene Heysel.

I tifosi della Juventus hanno espongono i nomi delle vittime del disastro
durante una partita con il Napoli

“Penso che quando è successo Hillsborough, hanno pensato che fosse un altro Heysel. Penso che se Heysel non fosse successo, le cose sarebbero state molto diverse, perché si è incominciato a parlare seriamente del teppismo negli stadi”. “Ma come stiamo vedendo ora, stiamo finalmente arrivando alla verità”, riferito alle alle nuove inchieste di Hillsborough.

Il rigore di Platini che decise quella finale surreale

“Ricordo bene Heysel perché uno dei miei amici aveva un biglietto, poi  aiutò a tirare fuori i feriti. La gente non voleva proprio parlarne e metterlo in secondo piano. Si vergognavano. Penso che sia stato dimenticato. C’è solo una piccola targa ad Anfield. Ma il club non può dimenticarlo”. Il disastro di Hillsborough è caratterizzato da grandi monumenti commemorativi negli stadi di Hillsborough e Anfield e nella forma della fiamma eterna di Hillsborough sulla stemma del club di Liverpool.Il riferimento a Heysel è, tuttavia, più difficile da trovare. C’è appunto una piccola targa commemorativa dedicata alle vittime all’interno del museo del club di Liverpool, con la maglietta indossata da Kenny Dalglish quella notte, a fianco. Per alcuni ftifosi della Juventus, c’è la percezione che molte persone in Inghilterra abbiano davvero dimenticato il disastro di Heysel, anche se le ragioni di ciò rimangono complesse. Negli ultimi anni i bianconeri hanno compiuto molti gesti per ricordare, tra cui un’enorme esposizione di cartelli con il nome delle vittime durante una partita di Serie A contro il Napoli. Ma c’è stata poca o nessuna menzione di Heysel durante le ultime stagioni della Premier, al di là della posa di ghirlande una volta ad Anfield. Il sostenitore della Juventus Gurjit Kahlon, di Coventry, ha dichiarato: “Penso che sia stato dimenticato. Non è qualcosa di cui si parla qui, e potrebbe essere discusso più frequentemente a Torino. Penso che con Hillsborough e Bradford ci sia stato un senso di affari incompiuti e di giustizia che dovevano per forza essere affrontati. E quei disastri si sono verificati in casa, in Inghilterra, quindi è stato naturale che ne abbiano  parlato e che ne parlino ancora oggi”.

Ma per i tifosi della Juventus, i sentimenti sono piuttosto profondi, e l’animo è diviso a metà tra quelli che sono felici di andare avanti e quelli che sono ancora arrabbiati, come abbiamo visto nella partita del 2005 ad Anfield. Sarebbe sicuramente bello avere una sorta di gesto commemorativo a Liverpool. Qualcosa per iniziare una conversazione e parlare di nuovo di Heysel. Per non dimenticare