Celtic e Rangers hanno sempre esercitato una forte egemonia su tutto il calcio scozzese, ma la loro aspra rivalità è motivata da tensioni settarie che precedono l’esistenza di entrambi i club di Glasgow. La feroce passione generata quando le squadre si scontrano nel derby,  l’Old Firm, fa notizia in tutto il mondo, ma dietro di essa c’è un odio le cui radici si possono trovare nella storia della religione e dell’immigrazione della Scozia.

Rangers-Celtic anni Settanta

Il movimento di riforma scozzese del XVI secolo vide la precedente nazione cattolica della Scozia adottare il protestantesimo come religione nazionale. Le ostilità religiose dilaniarono la Scozia per i successivi trecento anni. Le tensioni furono ulteriormente alimentate da un afflusso di immigrati cattolici e protestanti dal nord dell’Irlanda durante il XIX e l’inizio del XX secolo.

Duncan Morrow, docente di politica all’Università dell’Ulster, nel 2011 ha chiesto al governo scozzese di presiedere il gruppo consultivo indipendente sulla lotta al settarismo in Scozia. “L’immigrazione irlandese nelle industrie della Scozia centrale ha portato con sé rivalità settarie e suscitato un anti-cattolicesimo culturale e persino anti-protestantesimo, che ha contagiato il posto di lavoro, la politica locale e la forma della vita sociale per generazioni”, ha sottolineato.

Fratello Walfrid, il fondatore dell Celtic

“Le rivalità si sviluppano tra squadre di calcio ovunque, ma la grande differenza a Glasgow è stata le squadre associate a questa rivalità settaria”. Il Celtic fu fondato nel 1887 da un fratello marista (cattolico) giunto dall’Irlanda e le origini del club furono saldamente radicate nel cattolicesimo irlandese.

Jock Stein e il Celtic 1967 Campione d’Europa

I Rangers, fondati nel 1872, divennero la squadra della classe operaia protestante scozzese quasi per caso. Inizialmente i rapporti tra i due club erano cordiali.

Tuttavia, l’apertura di un enorme cantiere navale a Govan, a pochi passi dallo stadio Ibrox, la casa dei Rangers, da parte della società industriale Harland e Wolff, vide un afflusso di lavoratori da Belfast negli anni ’10.

Gli Hoops divennero lo strumento di riabilitazione sociale per un’intera comunità, gli eroi di una diaspora povera e svantaggiata a cui non era permesso sognare un futuro migliore

La famigerata politica. “Nessun cattolico giocherà mai con i Rangers” si diffuse presto nel club. Le identità delle due squadre sono state modellate in diretta opposizione reciproca, con il Celtic associato al socialismo e al repubblicanesimo irlandese, mentre i Rangers al conservatorismo e al sindacalismo nordirlandese.

I Rangers vincitori della Coppa delle Coppe 1971-’72

Ciò si è riflesso nelle canzoni che i sostenitori dei club hanno adottato, che hanno avuto come ispirazione gli eventi politici che si sono svolti nell’Irlanda del Nord.

Mo Johnston, dal Celtic al Rangers

La firma dell’ex giocatore del Celtic Mo Johnston nel 1989 pose fine al boicottaggio dei calciatori cattolici da parte dei Rangers.

Per un po’ sembrò che il rancore di ispirazione religiosa fosse spinto ai margini della loro rivalità in una società più secolare. Ma l’ascesa dei social media, le visioni opposte sul referendum sull’indipendenza scozzese e il fallimento dei  Rangers del 2012 hanno portato ad accresciute tensioni negli ultimi anni.

L’antico fascino dell’ Old Firm

“In un momento in cui la religione è meno importante nella società, è quasi come se fosse diventata parte dell’identità del calcio in Scozia”, ​​ha detto Morrow. In un certo senso, il settarismo ora è un modo di comportarsi piuttosto che un modo di credere.

Morrow ha aggiunto che ci sono prove che i picchi di violenza emergono quando si svolgono rituali settari in strada o negli stadi.

Le due tifoserie a Celtic Park

Se parli con i giovani, se guardi i social media e visiti alcuni luoghi della Scozia centrale, allora puoi vedere che il settarismo è ancora lì nelle comunità.

È un problema che l’ex manager e giocatore dei Celtic Neil Lennon può affrontare dopo aver subito abusi settari durante la sua carriera in Scozia. Nel 2002, un anno dopo aver firmato per The Hoops, Lennon, un cattolico, ha smesso di giocare a calcio nella nazionale dell’Irlanda del Nord, dove la maggioranza della popolazione è protestante, a seguito di una minaccia di morte.

La battaglia tra Neil Lennon e Barry Ferguson, una delle leggende dei Rangers

Nel 2011, mentre era allenatore del club di Parkhead, gli furono spedite per posta bombe e proiettili e quando lasciò il paese nel 2014, dichiarò di essersi logorato per la tensione.

Ma parlando dopo l’Old Firm a Ibrox a marzo del 2018, dove è stato innalzato il canto settario e i fan si sono scontrati nel centro di Glasgow, Lennon ha detto che crede che la situazione stia migliorando. “Secondo me è migliorato, ma forse è perché sono fuori dalla boccia del pesce rosso di Glasgow”, disse quando era alla guida dell’Hibernian. Oggi è ritornato al Celtic.

2 m aggio 1999:, i Rangers vinsero 3-0 a Celtic Park

Meglio dire che non c’è più posto solo per il settarismo. Altre  persone usano il calcio come veicolo per sfogare le proprie frustrazioni o convinzioni.

Complice il fatto che la Scozia è l’unico paese al mondo ad aver promulgato una sectarian law per contrastare le violenze sugli spalti.

Mario Bocchio