Il football è raramente libero da condizionamenti politici. Se non fosse stato per il crollo del comunismo nel 1989, la carriera di Pavel Nedvěd avrebbe probabilmente seguito la traiettoria di un altro grande calciatore ceco: Josef Masopust. Finalista dei Mondiali e vincitore del Pallone d’Oro nel 1962, Masopust è ampiamente considerato il più grande calciatore cecoslovacco di tutti i tempi. Avrebbe potuto giocare in qualsiasi delle migliori squadre europee, ma gli fu impedito dalla leadership comunista della Cecoslovacchia. Tuttavia, con la disgregazione della Repubblica socialista cecoslovacca nel 1993, una nuova generazione di calciatori cechi ha avuto l’opportunità di mostrare il proprio talento sui palcoscenici più grandi d’Europa. Questo è stato il momento perfetto per il ventunenne Nedvěd, che ha così iniziato a costruire la sua reputazione di più grande giocatore nella storia della giovane Repubblica. Diventando la Furia Ceca.

Ai tempi dello Sparta Praga

Da ragazzo, Nedvěd si allenava assiduamente, insegnando a sè che, fisicamente, avrebbe potuto conquistare qualsiasi avversario sul campo. Il giovane ottenne la sua prima grande opportunità allo Sparta Praga nel 1992, il suo potenziale di livello mondiale non era ancora evidente. In effetti, in un giudizio di Karol Dobiaš – vincitore del Campionato europeo con la Cecoslovacchia nel 1976 – Nedvěd era stato definito come “un ragazzo senza futuro”. Quattro anni dopo Dobiaš era già stato messo in discussione per la sua previsione gratuita.

In nazionale contro la Francia di Zidane

Durante gli anni allo Sparta, i compagni di squadra di Nedvěd lo prendevano in giro per le sue inesorabili abitudini di allenamento. “Hai tutto ciò di cui hai bisogno – dicevano . un buon salario, una casa, una bella macchina … chi te lo fa fare?”.  Per Nedvěd c’era sempre un quadro più ampio da dipingere. Lui  desiderava dipingere su suolo straniero. Euro 96 si è rivelato un altro momento fondamentale per il boemo dai capelli biondi. Nedvěd è stato la dinamo del centrocampo in una squadra di talento, la Repubblica Ceca, che vantava artisti del calibro di Patrik Berger e Karel Poborský. La loro corsa verso la finale, e in particolare la prestazione a tutto campo di Nedvěd nella semifinale contro la Francia, è stato forse il suo momento culminante con la nazionale. Queste esibizioni gli hanno fatto guadagnare l’approdo nella nostra Serie A, alla Lazio di Zdeněk Zeman.

Nedvěd in azione alla Lazio nella stagione 1996-’97

Giocando in quello che all’epoca era il campionato più competitivo d’Europa, si è rivelato per grandezza. Il suo desiderio e la sua tenacia incantarono i suoi sostenitori e lui si guadagnava il rispetto dei suoi avversari. Ma questa verve era anche completata da abilità e sottigliezza.

Ancora nella Lazio, contro quella che diventerà la sua casa, la Juve

La versatilità di Nedvěd gli ha permesso di giocare attraverso il centrocampo. Dall’ala poteva sparare incroci o tagliare dentro e scatenare colpi violenti con entrambi i piedi. A livello centrale aveva la visione, la compostezza e il passaggio di distanza per condurre il gioco, pur possedendo anche il ritmo necessario per correre nella zona del dischetto del rigore. Era un supremo tutto-campista, un tuttofare per tutti i mestieri del centrocampo.

Dopo cinque anni carichi di trofei con la Lazio, tra cui due Coppe Italia, una Coppa delle Coppe e il secondo scudetto nella storia del club, il “Cannone ceco” si trasferì in uno dei club più importanti d’Europa, la Juventus. Tale era lo status di culto verso Nedvěd, che il popolo laziale protestò con veemenza contro il suo trasferimento.

Con il Pallone d’Oro

A Torino la sua eredità trascende i trofei e le prestazioni vincenti. Nedvěd divenne il calciatore europeo dell’anno nel 2003. La sua eredità appartiene all’uomo, così come al giocatore, e la dedizione, la fame e la lealtà sono centrali nel suo credo.

A Euro 96

Dopo aver vinto quattro scudetti consecutivi e aver raggiunto una finale di Champions League nel 2003, questa lealtà è emersa quando rimase a Torino nonostante la retrocessione del club in Serie B per il coinvolgimento nello scandalo di Calciopoli del 2006. Dopo aver aiutato i bianconeri a tornare in Serie A, rimase per altri tre anni, stabilizzando la nave e guidando la Juve in una nuova era di dominio. Per questo, lo status di Nedvěd nella juventinità è intoccabile.

Nedvěd in Serie B con la Juve

In che modo, alla fine, dovrebbe essere giudicato rispetto ai suoi conterranei contemporanei? Certo, Petr Čech, Tomáš Rosický, Milan Baroš e Karel Poborský hanno tutti guadagnato più presenze con la Repubblica Ceca e, in alcuni casi, hanno avuto impatti altrettanto apprezzabili all’estero. Inoltre, se fosse tornato a casa per una commovente stagione di addio, come i suoi connazionali Rosický, Baroš e Poborský, forse il suo status di più grande della nazione sarebbe ineluttabile.

Ma nessuno dei suddetti giocatori evoca la stessa vivida immagine di Pavel nel suo sfarzo. La Furia Ceca con uno spirito guerriero, un piede destro buono come quello sinistro e un desiderio irremovibile di riuscire. Nedvěd ha vinto il Pallone d’Oro dopo Josef Masopust. Come lui è per il passato lontano, Pavel deve diventare l’icona senza rivali del moderno calcio ceco,

Mario Bocchio