L’uomo che avrebbe potuto essere il migliore. Ma forse lo è stato
Feb 25, 2020

Tomás Felipe Carlovich abita l’olimpo mitologico del calcio argentino. Nel suo settore più esclusivo, insieme a Maradona, Bochini, Alonso, Houseman e alcuni altri supereroi. Le statistiche sfuggenti, i quadri modesti in cui ha giocato, i suoi risultati sportivi, tuttavia, non collaborano alla conferma di quel processo. Ma lui incarna, comunque, un concetto di calcio. Un’idea forte.

Ultimo di sette fratelli, Tomás Carlovich nasce a Rosario nel 1949. Il padre, Mario Carlovich, era un immigrato croato trasferitosi in Argentina negli anni ’30 per cercare fortuna. La famiglia risiedeva nel quartiere di Belgrano, dove il padre aveva trovato impiego come idraulico

In queste righe cerchiamo di ricostruire l’essenziale dei suoi giorni e ripercorrere le strade che hanno portato al mito che ha avuto inizio la notte in cui la squadra del Rosario ha affrontato la nazionale dell’ Argentina che si stava preparando a giocare la Coppa del Mondo del 1974. Vogliamo immaginare di essere testimoni privilegiati delle incessanti riunioni del Trinche e dei suoi apostoli in un percorso in cui a volte il tempo non passa.

Ci sembra di visitare i bar di Rosario per ascoltare la testimonianza di coloro che l’hanno visto suonare e quella di coloro che non l’hanno visto, ma hanno sentito dire. Però abbiamo letto, abbiamo letto tanto e ci siamo convinti di essere ancora davanti ad un’opera teatrale.

Nel corso di un incontro tra Central Córdoba e Talleres de Remedios de Escalada, un sostenitore ha incoraggiato Carlovich a fare un doppio tunnel, muovendo la palla prima in avanti e poi indietro. Questa richiesta è stata immediatamente soddisfatta da “El Trinche”, provocando un’enorme ovazione dai suoi tifosi in tribuna. Questo tunnel si sarebbe ripetuto molte volte durante la sua carriera

Tomás Felipe Carlovich (Rosario, Provincia di Santa Fe, Argentina; 20 aprile 1949), è un ex calciatore argentino soprannominato “El Trinche”. È considerato il miglior giocatore nella storia del calcio da numerose personalità di questo mondo come Carlos Griguol, César Luis Menotti, José Pekerman o Diego Armando Maradona stesso, tra gli altri. Carlovich entrò nelle categorie inferiori del Rosario Central, uno dei grandi club della città di Rosario, alla fine degli anni Sessanta. Era la stessa squadra in cui Menotti aveva debuttat. Conobbe giocatori storici come Mario Killer, Aldo Poy o Carlos Aimar e tecnici come Miguel Ignomiriello o Carlos Griguol, che hanno preferito un calcio molto fisico molto diverso da ciò che ha reso Trinche così caratteristico. Lo stesso Carlovich afferma che “è convinto che devi dare la palla al giocatore”.

Con Maradona oggi

Ma il genio argentino ha trovato un’era molto brutta del calcio in Argentina e forse il suo talento è emerso in un momento sbagliato, poiché a quel tempo gli allenatori fisici arrivarono per fare la propria rivoluzione. Nonostante tutto in Argentina, Carlovich è ancora un nome, sinonimo di delicatezza calcistica per molti. Grazie soprattutto alla sua mossa preferita, che era il cosiddetto pasodoble. Secondo Pekerman, il Trinche aveva una predisposizione a rendere quel pasodoble con la pipa. Coloro che hanno visto il Trinche giocare, lo descrivono come un grande giocatore, un pochino lento nella vista ma molto veloce nel pensare. È definito come un uomo con molta personalità, molta capacità di giocare a calcio e un grande dominio di palla. Il suo ex compagno, Mario Killer, afferma che la gente si chiede perché non abbia mai suonato per primo e risponde che è perché non ha mai voluto giocare per primo.

“Sono state dette molte cose su di me, ma la maggior parte non sono vere. Una cosa vera è che non mi è mai piaciuto stare lontano dal mio quartiere, la casa dei miei genitori, il bar dove vado di solito, i miei amici e “il Vasco” Artola, che mi ha insegnato come colpire la palla quando ero un ragazzo”

Il Trinche sembra non essere stato un esempio di disciplina. Carlovich era un uomo sempre accusato di attaccamento alla vita notturna, di amore per il bere. Fan ed ex compagni di squadra affermano che forse gli mancava la professionalità necessaria per rimanere in un mondo competitivo come il calcio. Lui risponde a ciò dicendo che era sempre un uomo solo e scherza dicendo che l’unica cosa che gli piaceva erano le donne. Si dice che gli piacesse più pescare che giocare a calcio.

Nell’aprile del 1974, la squadra nazionale argentina si recò a Rosario per affrontare una squadra cittadina. Per l’Argentina è stato l’ultimo incontro di preparazione prima di fare un tour prima dei Mondiali di quell’anno. Il Rosario, con il Trinche come direttore d’orchestra, ha travolto la squadra nazionale argentina che avrebbe rappresentato la loro nazione ai Mondiali tedeschi. L’incontro si è concluso con il risultato di 3 a 1 favorevole del Rosario.

“A volte mi sono seduto sulla palla durante le partite, ma l’ho fatto solo per avere una pausa e non per prendere in giro l’avversario sul campo. Il mio stile di gioco di calcio è stato molto modesto, come lo è stata la mia vita, nonostante i peccati di gioventù che avrei potuto commettere”

Ogni volta che il Trinche toccava la palla, lo stupore generale faceva eco allo stadio. Secondo Obbertti, “ha sempre avuto la palla e non l’ha mai persa, sono usciti tutti quella notte”. Carlos Aimar afferma di credere “che Carlovich non si fosse reso conto di giocare contro la squadra nazionale”. Ma ribadisce che “ha sempre giocato allo stesso modo, non gli importava se c’erano 30.000 o 40.000 persone nello stadio”. Dopo quella partita, il suo miglior palcoscenico è arrivato come calciatore. Un anno dopo l’incontro, è stato in grado di lasciare l’Argentina.

L’ultima partita amichevole come preparazione per la Coppa del Mondo del 1974 si è giocata tra la nazionale di calcio argentina contro una squadra composta esclusivamente da giocatori nati a Rosario. Alcuni dei giocatori Rosarini erano calciatori di spicco come Mario Kempes, Mario Zanabria, Daniel Killer, Carlos Aimar e Carlovich stesso.  Alla fine del primo tempo, la squadra di Rosario stava vincendo 3-0. La supremazia della squadra locale era così grande che l’allenatore della nazionale argentina, Vladislao Cap, ha chiesto al suo collega di far uscire Carlovich, che stava umiliando gli avversari. Nel corso del secondo tempo, dopo circa quindici minuti, Carlovich fu sostituito. Il punteggio finale è stato 3-1

Il New York Cosmos di Pelé lo voleva, ma si sospetta che la stella brasiliana non lo deiderasse. Ha anche avuto l’opportunità di andare in Francia, dove tutto era pronto per la sua firma ma alla fine non se ne fece nulla. Ha continuato la sua carriera in Argentina; Colón e Independiente de Ribadavia a Mendoza furono le sue altre squadre. Si dice che a Mendoza abbia chiesto un’auto e che quando gli fu data, si sia girato verso Rosario e non sia più tornato per continuare a giocare con l’ Independiente.

https://youtu.be/btH5Epgvi44

Poco dopo, Menotti, allenatore argentino dopo la Coppa del Mondo del ’74, che non ha mai smesso di seguirlo, lo ha convocato per un raduno della nazionale, anche se non ha mai debuttato. Il perchè rimane rimane un mistero. Alla fine, il Trinche non ha partecipato al Mundial del 1978 e si dice che sia andato a pescare. Nel 1986, si ritirò definitivamente all’età di 37 anni. E lo ribadisce, giocare per il Central Córdoba per lui è stato come se avesse giocato nel Real Madrid.

Mario Bocchio

Condividi su: