La Brembillese, è un club dii Val Brembilla, provincia di Bergamo. La società è sorta nel 1958, e per svariati anni è stata ai vertici del calcio provinciale bergamasco e regionale lombardo, militando per diverse annate in Promozione, Eccellenza e nel “vecchio” Interregionale (ora, Serie D).

La rosa completa della Brembillese 1982-’83 promossa in serie C2. Dall’alto, partendo da sin: Giupponi(all), Minelli, Esposito, Musitelli (Belàse), Carminati Domenico, Scaglia, dott.Secomandi, Bonassoli (mass.), Vanotti Benvenuto. Al centro, da sinistra: Capelli, Locatelli, Benaglia, Locatelli II, Brignoli, Rota, Ardemagni, Morlacchi, Traini, Grigis (dottore). In basso. da sinistra: :Messi, Vanotti, Ubiali , Grigis, Vitali, Albani, Fracassetti (foto tratta da da “50 anni di Brembillese” del prof.Giovanni Salvi)
La cena della promozione al ristorante “Forno”. Al centro il dottor Secomandi e Paolo Giupponi. Tra di loro il dottor Angiolino Quarenghi. Alla sinistra di Giupponi c’è Franco Baracchi
(foto tratta da da “50 anni di Brembillese” del prof.Giovanni Salvi)

Ha raggiunto il suo vertice sportivo nell’annata sportiva 1983-’84, anno in cui disputò il campionato di Serie C2, girone B.

“Ricordo ancora la partita a Desio, noi eravamo primi e loro ultimi, il campionato era già vinto ma quella partita ha resto la vittoria ancora pìù bella”.Queste sono le parole di Paolo Giupponi, ex-allenatore della Brembillese, che ricorda il campionato del 1982-’83 in cui la Brembillese, dopo un solo anno di Interregionali è riuscita ad conquistare la promozione in Serie C2 .

Paolo Giupponi

“Devo dire che è stato un traguardo molto importante per una squadra come la Brembillese, anche perché è stata l’unica squadra di tutta la Valle Brembana che è riuscita ad raggiungere la Serie C”, racconta Giupponi. La Brembillese era una squadra formata principalmente da giovani e, anche se nessuno di questi era originario di Brembilla, provenivano comunque tutti dalla Bergamasca e dalla Valle Brembana. Alcuni di loro avevano già militato tra i professionisti come Raffaele Vitali, originario della Botta di Sedrina ma che giocò in Serie B con una squadra Toscana.

Le squadre partecipanti al campionato di serie C2 girone B nel 1983-’84 sull’album Flash. C’è anche la Brembillese
(immagine tratta dal Museo virtuale della figurina ideato dal prof. Umberto Bartocci)

Tecnicamente – prosegue l’ex allenatore – non eravamo ai livelli delle altre squadre che incontrammo, squadre come Modena o Venezia che hanno fatto la storia negli anni a venire, ma lo scopo che avevamo io e l’allora presidente Secomandi non era quello di vincere il campionato, ma quello di creare una squadra della Valle Brembana composta da soli giovani under 25 che riuscisse ad arrivare a quei livelli”. 

Una formazione della Brembillese 1971-’72

Nonostante il grande impegno di tutti, la Brembillese ha militato solamente un anno in serie C2 : il campionato si è aperto con la scomparsa dal presidente Secomandi, come ricorda Giupponi: “Il dottor Secomandi era un intenditore di calcio ed era molto appassionato a questo sport. Gli piaceva vedere la squadra giocare bene. Per i ragazzi era anche uno psicologo, li capiva, li aiutava e li sosteneva sempre,a volte veniva anche agli allenamenti e faceva qualche giro di campo con loro. Anche se non era originario di Brembilla il suo cuore è sempre appartenuto alla Brembillese”.

Maggio 1972:cena al ristorante “La Rua” per la prima promozione della Brembillese della sua storia in Seconda Categoria. Il presidente Luigi Secomandi col sindaco Fiorino Scaglia.

Secomandi ha lasciato il segno a Brembilla e il paese ha voluto ricordarlo dedicandogli il campo sportivo situato in località Piana. “Pochi calciatori che hanno contribuito alla promozione sono riusciti a sfondare. Mi ricordo che uno di loro, Benaglia, invece, ha proseguito la carriera giungendo alle porte della Serie B. Avevamo giocatori molto bravi, alcuni di loro potevano fare davvero una carriera importante”.

Successivamente al campionato di Serie C2 Giupponi ha allenato un’altra squadra in D per poi ritirarsi definitivamente dal calcio per motivi personali.“La Brembillese ha fatto molta strada e, anche se è retrocessa dalla Serie C, arrivarci è stato un traguardo importantissimo. Tutto il lavoro fatto con i ragazzi non lo dimenticherò certo facilmente e sono sicuro che resterà per sempre nella memoria di tutti i Brembillesi”.

Vai all’articolo originale