Il 2 giugno è una data particolare per i tifosi dell’Atalanta. Cinquantasei anni fa, nel 1963, i nerazzurri alzarono al cielo l’unico trofeo della loro centenaria storia: la Coppa Italia. Reduce dall’ottimo sesto posto della stagione precedente, porto la coppa a Bergamo dopo una lunga cavalcata conclusasi con una vittoria per 3-1 in campo neutro a San Siro contro il Torino, con tripletta dell’attaccante bergamasco Angelo Domenghini, che in seguito avrebbe vestito anche la maglia della Nazionale.

 

Il capitano bergamasco Piero Gardoni solleva il trofeo, accanto ad Angelo Domenghini miglior marcatore dell’edizione e protagonista della finale di Milano con una tripletta.

 

La storica formazione era la seguente: Pizzaballa, Pesenti, Nodari, Veneri, Gardoni,Colombo, Domenghini, Nielsen, Calvanese, Mereghetti e Magistrelli. Di questi undici, ben sette erano bergamaschi.

L’anno seguente vi fu il debutto in Coppa delle Coppe, dove però l’Atalanta venne subito eliminata dallo Sporting Lisbona dopo uno spareggio in campo neutro a Barcellona, terminato dopo i tempi supplementari sul punteggio di 3-1 e giocato quasi interamente in inferiorità numerica a causa dell’infortunio del portiere Pier Luigi Pizzaballa nelle battute iniziali del match (all’epoca non esistevano infatti le sostituzioni, pertanto in porta finì il centravanti argentino Calvanese).

 

 

 

Una gioia, quella della conquista della Coppa Italia, che i tifosi nerazzurri sperano di poter riprovare al più presto.

 

bergamonews.it